A questo punto non si può più dubitare che gli zuccheri fanno ingrassare, soprattutto se non sono accompagnati da fibre alimentari. Spiegato grosso modo, hanno la proprietà di alterare il metabolismo in modo che quando si alza l’indice glicemico -i livelli di zucchero nel sangue, questo inteso tutto il cibo che non è zucchero per formare accumuli di grasso nei tessuti, che è a dire rotoli di grasso.

E il pasta, patate e riso sono principalmente di amido, che è a dire, catene di zuccheri che gli enzimi del nostro corpo, soprattutto la amilasi – abbattere in molecole di glucosio, con il quale si può dire che l’amido è un negozio di zuccheri e mangiare farina o cereali che lo contengono, ci sarebbe non essere bruciato in un breve periodo di tempo con un esercizio fisico intenso.

D’altra parte, se il tenore di fecola o di zuccheri sono accompagnati da fibre alimentari, che sono carboidrati, troppo, ma non digeribili, che la cattura di una buona parte degli zuccheri e non consentono di passare nel sangue, in modo che l’indice glicemico non andare fino e il metabolismo non ottenere l’ordine di far passare tutti i restanti alimenti grassi.

Che è il motivo per cui consigliamo sempre di pezzi di frutta intera contro succhi di frutta freschicosì come il pane o riso, ecc, Perché contengono fibre, sia solubili e fibre insolubili, principalmente sotto forma di cellulosa. Questo per dire che lo stesso riso, ma con la crusca, lo stesso frutto, ma senza comprimere, ecc, crescono di meno. Ma c’è un metodo per ottenere i carboidrati senza fibra di grasso anche meno: l’amido resistente.

Che cosa è l’amido resistente

L’amido resistente è una regola di modifica che si verifica nella struttura dell’amido normale, soprattutto nella sua forma spaziale, che impedisce l’amilasi e altri enzimi di agire su di esso e, pertanto, può idrolizzare per ottenere molecole di glucosio, o di zuccheri. Così, si chiama amido resistente, perché è resistente alla digestione. Non viene digerito e non fa aumentare l’indice glicemico non aumentare la formazione di strati di grasso

In realtà diventa qualcosa di molto simile alla fibra alimentarein quanto l’amido e la cellulosa sono molto simili, entrambe le catene di glucosio, ma con una forma diversa. Così, un amido che diventa resistente, avrà la stessa funzione della fibra: acquisizione di zuccheri, si passa indenne attraverso lo stomaco al piccolo intestino e agire come un prebiotico, che è cibo per la flora intestinale.

In sintesi, oltre a non guadagnare il peso, aiutare i micro-organismi che ci difende di allergie, malattie autoimmuni processi e addirittura si ritiene che la comparsa di tumori del colon-retto, il diabete, o di incidenti cardiovascolari. Non dimenticate che molti medici considerano la flora intestinale di un organo che agisce come un regolatore nonché una farmacia per il nostro corpo.

Come arrivare amido resistente

Il modo per ottenere un piatto di pasta diventa parte dell’amido normale resistente è molto semplice. Solo fate bollire le patate, la pasta o il riso e lasciarlo raffreddare in frigo per una notte. Questo contrasto è uno che promuove cambiamenti nell’amido e lo rende disponibile per l’amilasi.

Il giorno successivo ci sarebbe mangiare il cibo freddo o il riscaldamento è, che consentirà di aumentare la percentuale di amido resistente. Se siamo in grado di modificare di nuovo per raffreddare e riscaldare di nuovo, la porzione di amido resistente continuerà a crescere come molte volte come noi, con la conseguente pasta, il riso o le patate hanno un rapporto di fibra equivalente a molto alta, che, in aggiunta, la loro saziante.

Questo trucco può essere interessante anche per i diabetici ad un dato momento, non privarti di mangiare pasta o di riso, senza aumentare sia la loro indice glicemico, anche se questo non cambia il fatto che questo consumo dovrebbe essere fatto con moderazione e sotto consiglio medico. E, in generale, per tutto il mondo, dovrebbe essere chiaro che l’amido resistente non può diventare un sostituto per una dieta equilibrata, ricca di proteine, frutta, verdura e oli vegetali.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter