Sylvia Smith: “Nei villaggi devi essere te stesso, non c’è altro”