Si perde la vitamina C se non si beve subito il succo d'arancia?

Si perde la vitamina C se non si beve subito il succo d’arancia?

“Bevi il succo velocemente o tutte le vitamine spariranno”. È forse una delle frasi più sentite da quando siamo bambini. E dopo averla sentita così tanto, e man mano che invecchiamo, abbiamo questa frase così interiorizzata che di solito la ripetiamo più tardi. E ciò che non sappiamo con certezza finisce per diventare una sorta di dichiarazione che non c’è dubbioo almeno non li genera. Ma siamo di fronte a una delle tante false credenze che circolano su certi alimenti? Questa affermazione è davvero vera?

Addio alle vitamine?

Durante l’autunno e l’estate, le arance sono i principali agrumi. Ora è quando sono al loro meglio sia in termini di gusto che di prezzo. Oltre ad essere gustosi, ci forniscono fibre e vitamine, e di queste ultime, la più nota è la vitamina C che, tra le molte altre proprietà, aiuta a prevenire i raffreddori.

Forniscono anche acido folico, calcio o magnesio. In combinazione con il vitamine B-12 e CL’acido folico rende il corpo meglio in grado di digerire le proteine e di generarne di nuove. Per questo motivo il sistema viene mantenuto con le proteine necessarie quando il succo d’arancia viene consumato regolarmente, anche se con la necessaria moderazione nei succhi di frutta naturali.

La spremuta è uno dei modi per consumare questa vitamina C. Si ritiene che il succo d’arancia fatto in casa non sia molto stabile e che le sue proprietà si perdono se non viene bevuto appena spremuto. Quello che succede è che il succo d’arancia, col tempo, può diventare più amaro; ma i cambiamenti sono più dovuti ad un questione organoletticaÈ un prodotto con un gusto migliore di un apporto nutrizionale.

Inoltre, solo se il succo viene sottoposto a condizioni estreme, come il riscaldamento a 120°C, diminuisce significativamente la vitamina. Ma in condizioni normali, la vitamina C è perfettamente conservata nel succo fino a 12 oreSecondo il Journal of Human Nutrition and Dietetics spagnolo nelle Raccomandazioni per la gestione domestica di frutta e verdura per preservare il loro valore nutrizionale.

Anche uno studio pubblicato sul Journal of the American Dietetic Association conferma che la vitamina C impiega molto più tempo a scomparire dal succo di frutta di quanto si creda. Secondo gli esperti, se il succo d’arancia viene lasciato a temperatura ambiente, la sostanza generata, chiamata acido deidroascorbicoHa le stesse proprietà della vitamina C.

È vero che la vitamina C è sensibile all’ossigeno e che la sua concentrazione diminuisce durante questa esposizione. La reazione dipende anche da altri fattori come la temperatura e l’acidità. Nei succhi acidi, come il succo d’arancia, e a basse temperature, la reazione è, tuttavia, relativamente bassa. Pertanto, e questo è confermato anche dagli esperti dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi, si raccomanda di bere il succo entro poche ore dalla spremitura e di mantenerlo il più possibile refrigerato.

E il succo commerciale

Succede la stessa cosa con i succhi commerciali? I succhi in vendita sono per lo più confezionati in tetrabrik, contenitori progettati per proteggere il succo di frutta dagli effetti della temperatura, dell’aria e della luce per aiutare a mantenere le sue proprietà naturali. Per mantenere le sostanze nutritive e la qualità, vengono utilizzati processi termici delicati, come ad esempio pastorizzazione.

Questo consiste nell’applicare un trattamento termico delicato (circa 95ºC), una temperatura che viene mantenuta per alcuni secondi e poi rapidamente raffreddata per garantire un prodotto sicuro e di qualità. Essi vengono poi collocati in modo asettico in speciali contenitori a tenuta di ossigeno che permettono di mantenere intatta la vitamina C e altre sostanze nutritive fino a quando il contenitore non viene aperto. Occasionalmente può essere aggiunto acido ascorbico (E-300), un additivo antiossidante che è ancora vitamina C. Questo additivo si ossida in presenza di ossigeno, che impedisce l’ossidazione degli alimenti che accompagna.

Quindi, fino a quando il contenitore non viene apertoLa concentrazione di vitamina C è costante. Una volta aperto, la situazione è simile a quella del succo d’arancia naturale. In condizioni estreme, come le alte temperature, il succo può perdere i suoi valori. Va inoltre notato che i succhi sono considerati un alimento non deperibile e quindi riporteranno in etichetta la data di scadenza; una volta superata questa data, il prodotto è sicuro ma potrebbe aver perso alcune delle sue qualità. Si consiglia di consumarlo entro le date consigliate dal produttore.

Infine, è importante distinguere tra diversi tipi di succhi commerciali: succo naturale, succo di frutta da concentrato e nettare.

  • Il sito succo fresco è ottenuta da frutta fresca, è trattata termicamente a bassa temperatura e viene venduta nella sezione refrigerata perché necessita di freddo. Lo stesso succo, se sottoposto ad una maggiore temperatura, può essere conservato sugli scaffali perché dura più a lungo.
  • Il sito succo di frutta Il concentrato si ottiene estraendo l’acqua dal succo per mezzo del calore e poi raffreddandolo o congelandolo. Viene trasportato al sito di confezionamento e l’acqua viene nuovamente aggiunta. Quando l’acqua viene estratta, le vitamine e i minerali solubili in acqua possono andare persi durante questo processo.
  • Il sito nettare si ottiene aggiungendo acqua e zuccheri o sciroppi ai succhi di frutta e ai concentrati. La percentuale di frutta può variare dal 25%-50% e la quantità di zucchero può arrivare fino al 20%.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Come fare una vacanza per la videoconferenza per evitare la relegazione

Come fare una vacanza per la videoconferenza per evitare la relegazione

Avendo un compleanno, durante il corrente quarantena vincolato dalla pandemia coronavirus può essere un po …

Scrivere la poesia per affrontare la quarantena: consigli per i principianti

Scrivere la poesia per affrontare la quarantena: consigli per i principianti

È normale che i giorni di reclusione richiesti dalla pandemia coronavirus sono i loro effetti …

Quali farmaci sono stati studiati contro il coronavirus?

Quali farmaci sono stati studiati contro il coronavirus?

Il nuovo coronavirus, che ha ricevuto il nome di SARS-COV-2, è stato osservato per la …