Sette consigli per sapere dove e come mangiare i calçots se non si vive in Catalogna

Sette consigli per sapere dove e come mangiare i calçots se non si vive in Catalogna

Le Calçotadas sono una tradizionale e popolare celebrazione catalana che è diventata di moda in tutta la Spagna perché è un modo divertente per socializzare con gruppi di amici o la famiglia intorno a un buon pasto, liberandosi da ogni protocollo e postura. Tuttavia, si tratta di un rituale, di alcune attrezzature e di un menu di base che analizzeremo in questo articolo.

Mangiano i calçots, quelli cipolle allungate come porri e cipolle al forno, leggermente aromatizzate, che vengono immerse in ricche salse da allioli (ajoaceite in spagnolo) o salsa saltvitxeramolto simile al romescu. Ma affinché possiate godervele anche se domani non potrete recarvi in Catalogna, vi offriamo dieci piste che vi permetteranno di guidare la vostra calçotada con l’equipaggio.

1. Dove mangiare i calçots al di fuori della Catalogna

Per cominciare, abbiamo trovato diversi ristoranti dove mangiare calçots oltre la Catalogna.

  • All’indirizzo RomaCandeli è sempre una garanzia di qualità del prodotto, così come Can Punyetes.
  • All’indirizzo SaragozzaI Candela.
  • All’indirizzo GaliziaA 30 chilometri da Santiago, Casa Assumpta.
  • All’indirizzo SivigliaLa Quinta Brasserie.
  • All’indirizzo ValenciaPaula e’ Taula.
  • All’indirizzo DonostiIl ristorante catalano All i Olí.
  • All’indirizzo BilbaoOgni anno il Casal Bilbao Kultur Elkartea celebra una popolare calçotada.

2. Qual è il menu della calçotada

Sia che andiate in un agriturismo nella mitica cittadina di Valls, dove hanno lanciato la tradizione e hanno la migliore qualità di calçot, o se andate in un ristorante come quelli menzionati, il menu sarà molto simile:

  1. pa amb tomàquet (pantumaca fuori dalla Catalogna)
  2. calçots con salsa
  3. carciofi alla griglia con aioli
  4. carne alla griglia (butifarra con montaggi(Ad esempio, possiamo offrirvi costolette di agnello, braciole di agnello da latte o di maiale, ecc.)
  5. Dolce del musicista o crema catalana o arance valenciane

3. Fare la mia calçotada a casa

Prima di tutto, acquistate i calçots: quelli autentici sono quelli dell’IGP Calçot de Valls, che devono essere cipolle delle varietà Allium Cepa L., tardo bianco di Lleida, roquerola o montferri. Sono “calzate” (sepolte) nel terreno tra agosto e settembre in modo che siano al dente durante l’inverno, fino a marzo o addirittura ad aprile.

Sarà probabilmente difficile trovare dei calçots autentici nei normali supermercati fuori dalla Catalogna, ma su Internet oggi tutto è a portata di mano e, per esempio, su Internet, sul sito specializzato calsots.com vi inviano a casa i pacchi da 25 pezzi a persona. Quindi, se avete un forno a casa, metteteli su una teglia e metteteli in forno a 200ºC per circa 40 minuti. Potete portarne fuori un po’ per vedere se sono ben cotte.

4. Come fare la salsa calçot

Il sito salsa salvitxada è fondamentale: si può acquistare già confezionato, “il marchio Ferrer ha una buona reputazione, ma sarebbe un piccolo sacrilegio non farlo a mano”, assicura Marta Huertas, autrice di questo post dove testimonia con foto una vera calçotada. Condividi con noi che la ricetta fatta in casa ha un segreto che consiste nel “scottare l’aglio e il pomodoro, metterli su un fuoco un po’ caldo e bruciare la pelle, in modo che la salsa abbia quel sapore leggermente affumicato”.

Mentre questi vengono arrostiti, si mescola l’aglio con le mandorle, il pane duro ammorbidito nell’aceto e l’olio in un mortaio. A questo si aggiunge la vera ñora e un po’ di prezzemolo. Successivamente, passate il tutto insieme ai pomodori pelati e all’aglio attraverso il mixer, a vostra scelta lo lasciamo più o meno denso o leggero, l’ideale è che rimanga attaccato al calçot in modo che abbia un sapore maggiore.

5. Di cosa hai bisogno se lo fai a casa per non macchiarti

I calçots alla griglia devono essere sbucciati, quindi si macchiano, anneriscono con la cenere tutto ciò che tocchi o sfiori. Ma per evitarlo, ci sono quelle confezioni di bavaglini, guanti di plastica, piattini e piastrelle di tipo arabo per mettere i calçots appena arrostiti.

6. Qual è il rituale?

Sulla base del fatto che sarai un babbeo, tutto è lecito. Non preoccupatevi del vostro aspetto e andateci piano. Con la pettorina già in posizione e i guanti di plastica correttamente adattati, si deve sbucciare il calçot dall’alto verso il basso fino a quando non si rimuove lo strato bruciato. Attenzione a non trascinare con gli altri strati bianchi, perché si esaurisce il calçot. Con l’altra mano pulita (più o meno) la si prende dall’alto e la si spalma dalla base nella pentola della salsa. Ben inzuppato, lo si solleva sopra la bocca aperta, guardando il cielo, e lo si abbassa nelle fauci affamate.

7. Cosa bere

L’accoppiamento è chiaro:

  1. per calçots
  2. rosso per il barbecue dopo
  3. moscato o vi ranci (ratafia) per dessert

Le calçotadas sono feste semplici e popolari, senza grandi gonfiori, ma ci sembra che con la cava possano essere molto più digestive grazie al miracolo del carbonico, guarda quelli che raccomandiamo in questa relazione.

Se si preferisce tirare un porrón, in modo semplice, si scelgono vini con sostanza, che contrastano bene con la salsa romesco, così grassa e corposa. Proponiamo un cabernet sauvignon di Penedés o di un Montsant. Per quanto riguarda il vi ranciProponiamo alcune Grenache fortificate nell’Empordà.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Non buttatele via: dieci usi per le vostre vecchie bottiglie di vino

Non buttatele via: dieci usi per le vostre vecchie bottiglie di vino

In Spagna produciamo una bottiglia su diecis vino che si consumano nel mondo. Inoltre, secondo …

Cinque semplici ricette di tartare che non vedrete nei ristoranti

Cinque semplici ricette di tartare che non vedrete nei ristoranti

Dopo aver accumulato riconoscimenti e stelle in ristoranti come Foque de Quiñones, Hacienda Santa Fe, …

Cinque trucchi per far maturare più velocemente l'avocado

Cinque trucchi per far maturare più velocemente l’avocado

Ami, lettore e partner di avnotizie.it, fa la seguente richiesta nel corpo di una e-mailL’altro …