Sei cibi sani e naturali che ci faranno sentire più felici

Sei cibi sani e naturali che ci faranno sentire più felici

Sei appena andato in vacanza e probabilmente non sei molto vivace e ti senti un po ‘giù. Tornare al lavoro e alle routine quotidiane può diventare una montagna difficile da scalare. Si consiglia di sapere che con il cibo corretto, e selezionando gli alimenti giusti, si può far fronte in questi giorni un po ‘meglio. Questo è ciò che i visitatori che è il seguente dal cibo dell’umoreuna tendenza alimentare che è profondamente radicata in Giappone e negli Stati Uniti che ha già migliaia di aderenti in tutto il mondo e la cui filosofia è quella di trovare piatti e diete che stimolano il buon umore e piacere.

Come nutrire la felicità

Sono sicuro che avete notato che il cibo vi porta in diversi stati d’animo. Questo perché ciò che mangiamo influisce sull’equilibrio di alcuni dei nostri neurotrasmettitoricome la serotonina e la dopamina, che svolgono un ruolo importante nell’umore e nell’appetito. Per anni si è parlato di cibo non solo in termini nutrizionali, ma anche in termini emotivi: possono essere un comfort, una ricompensa, un piacere e anche produrre un po’ di nostalgia.

Per anni, varie ricerche hanno affrontato ciò che mangiamo come un fattore importante nelle nostre emozioni. connessionecervello-gut collega il nostro sistema digestivo a come ci sentiamo. Nel cervello, in particolare l’ipotalamo, la fame e la sensazione di essere pieni sono registrati. In altre parole, controlli il tuo appetito. I neuroni comunicano tra loro inviando messaggi sull’umore, le emozioni e le sensazioni.

Sostanze chimiche chiamate neurotrasmettitori trasmettono questi messaggi da un neurone all’altro in tutto il corpo. Il dopamina e serotonina sono alcuni di questi neurotrasmettitori. La serotonina regola l’umore e promuove il sonno. Un basso livello di serotonina è legato alla depressione. La maggior parte di questo ormone è prodotto nell’intestino. 

D’altra parte, dopamina gestisce la motivazione, attenzione e ricompensa emotiva. Di conseguenza, bassi livelli di dopamina sono legati alla perdita di interesse. Queste sostanze chimiche che influenzano l’umore non sono fatte dal nulla, ma sono creati da composti trovati nel ciboe alcuni sono migliori di altri per la produzione di neurotrasmettitori.

Sei alimenti che ci fanno sentire bene

Una delle peculiarità degli alimenti “felici” è che contengono il toptofanoun amminoacido che regola il sonno e stimola il rilascio di serotonina, soprattutto quando combinato con carboidrati, che il nostro corpo converte in zucchero. Così, gli alimenti ricchi di trytofano sono quelli che molto probabilmente ci causeranno un senso di benessere.-

Mentre dovrebbe essere chiaro che la loro singola azione non è sufficiente a invertire gli stati d’animo avversi a causa di conflitti esterni, la loro assunzione è spesso raccomandato per motivi diversi, in quanto sono prodotti naturali e sani. Tuttavia, l’obiettivo non è quello di abusarne, ma di introdurli regolarmente nella nostra dieta quotidianain modo che ne diventino parte e combinati possano contribuire a rendere i nostri pasti più piacevoli e redditizi. 

1. Noci

Le noci, oltre a una delle noci per eccellenza, contengono diversi composti potenzialmente neuroprotettivi come vitamina E, acido folico, la melatonina (naturale, non integratori), integratori polifenoli antiossidanti e un buon rapporto di omega 3 e 6 acidi grassi. Dovrebbero essere razionati, in quanto non sono esattamente tra le noci con meno calorie.

2. Cioccolato

Gli effetti del cioccolato sull’umore non sono una cosa nuova, anche se ci sono molti miti su questo prodotto. È la scoperta del perché tali effetti si verificano e perché il cioccolato è considerato uno dei principali alimenti d’amplificazione dell’umore. Da un lato, è perché la pasta di cacao contiene fenylethylamineche innesca il rilascio di endorfine piacevoli ed è un precursore della dopamina, il neurotrasmettitore “like” correlato (ad esempio, in uno stato di infatuazione, il nostro cervello rilascia feniletilamina).

D’altra parte, il cioccolato anche migliora l’azione della dopamina e contiene polifenoliche hanno dimostrato di avere un impatto positivo sull’umore. Più scuro è il cioccolato, più polifenoli contiene. Inoltre, il cacao puro è ricco di triptofano, teobromina e ricco di antiossidanti.

3. Banane

Le diete a basso contenuto di sodio e ad alto contenuto di potassio hanno un impatto positivo sull’umore, secondo uno studio. Le banane sono quasi un superfood, in quanto sono ricco di vitamina B6che il corpo ha bisogno di sintetizzare la serotonina e che non solo permette ai nervi di diminuire ma, in combinazione con il magnesio, aiuta il corpo a metabolizzare Triptofano. 

In generale, in generale, frutta e verdura contenenti proteine composte da aminoacidi che sono neurotrasmettitori, cioè che trasportano informazioni vitali per le attività cerebrali, rientrano nella stessa categoria. Ad esempio lattuga, carciofi, sedano, cipollabroccoli o aglio, che sono alcuni dei più importanti.

4. Mandorle

Un altro frutto secco, in questo caso le mandorle sono tra gli alimenti felici perché sono ricchi in un composto chiamato tirosinache è stato collegato ad un ruolo preventivo della funzione cognitiva, soprattutto in risposta alla Stress. Inoltre, contengono magnesio e, come altre noci, sono ricche di vitamine e minerali, che aiutano a produrre energia nel corpo.

5. Dairy

Un altro gruppo di alimenti con trytophan sono latticini, che aiuta nel funzionamento della melatonina, l’ormone che è coinvolto nella conciliazione del sonno. Quindi bere un bicchiere di latte prima di andare a dormire ha la sua spiegazione scientifica, anche se è una pratica che non tutti possono svolgere, sia a causa di convinzioni o perché è indigesto per loro. 

6. Sardines

Pesce blu, come le sardine, anche contiene il topofano e un ottimo rapporto di acidi grassi omega 3/6. Alcune ricerche dimostrano che questi acidi migliorano la memoria, umore e anche le prestazioni intellettuali.

Perché è importante scegliere bene il cibo

Il cibo nutre quindi sia il corpo che la mente. Mangiamo cibi nutrienti non solo in modo che il nostro corpo possa crescere, riparare e funzionare bene, ma anche per far sì che il nostro cervello si sviluppi correttamente. Si stima che il cervello rappresenti circa il 20% del nostro fabbisogno energetico giornaliero. Quando mangiamo cibi nutrienti diamo al corpo e al cervello i componenti di base per essere migliori: vitamine e minerali, fibre sane… 

In una scelta corretta è la chiave. Il nostro cerbino può chiederci per una rapida fonte di energia quando siamo stanchiper esempio, come torte, bevande zuccherate, biscotti, dolci, sale, patatine, bevande alcoliche… Questi ci daranno un colpo di energia immediato, ma l’effetto durerà poco perché sono poveri di sostanze nutritive e porteranno solo a alti e bassi.

Questi alimenti tendono ad avere bassi livelli di nutrienti essenziali, quindi possono essere considerati densi di energia ma poveri di nutrienti. Gli alti livelli di grassi saturi, gli zuccheri e il sale aggiunto di alcuni alimenti sono associati a un aumento del rischio di obesità e malattie croniche come malattie cardiache e diabete di tipo 2. 

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscrivetevi alle nostre newsletter

Controlla anche

Gli otto segni che una riserva è in rovina

Gli otto segni che una riserva è in rovina

Il cibo in scatola è sempre stato associato con una buona opzione per avere cibo …

Trattamenti biologici per l'artrite e la psoriasi: quali sono i rischi?

Trattamenti biologici per l’artrite e la psoriasi: quali sono i rischi?

Di recente marneianci scritto ricordandoci la richiesta che ci ha fatto lo scorso giugno e …

I quattro grandi benefici della pigrizia, secondo la scienza

I quattro grandi benefici della pigrizia, secondo la scienza

La pigrizia ha cattiva stampa. Per molto tempo: il cristianesimo lo ha considerato uno dei …