La parola olio deriva dall’arabo “az-zait” che significa succo d’oliva (oliva) perché si ottiene, nei frantoi diffusi in gran parte della geografia iberica, pressando il frutto dell’olivo, applicando procedimenti meccanici o fisici in modo da non alterare il prodotto finale. Gli unici trattamenti consentiti sono il lavaggio, la decantazione, la centrifugazione e la filtrazione, come spiegato in Qual è la differenza tra olio di oliva vergine ed extravergine?

La Spagna è uno dei paesi con la più alta produzione al mondo e con i migliori premi nella classifica internazionale, grazie all’impegno dei frantoi e dei gli organi di regolamentazione dei loro dnomi di oche disciplina protetto. Questi garantiscono il rispetto dei criteri di qualità che uniscono il prodotto, tra cui il fatto che l’acidità dell’olio d’oliva è limitata.

Ecco perché, data la molteplicità di climi e topografie in Spagna, qui vi portiamo le zone geografiche di raccolta (mediante battitura o mungitura), la produzione, la lavorazione e la preparazione con le rispettive varietà, di ciascuna delle AO di olio d’oliva nazionale.

  1. Olio DO Campo de CalatravaOli: Nella zona centrale della provincia di Ciudad Real, in comuni come Aldea del Rey, Almagro, Argamasilla de Calatrava e Ciudad Real, i loro oli sono prodotti con le varietà di cornicabro e picual.
  2. DO Montes de ToledoLa varietà Cornicabra è coltivata in 103 comuni nel sud-ovest della provincia di Toledo e a nord-ovest di Ciudad Real, e offre un’interessante densità in bocca.
  3. Olio DO Campo de MontielLe varietà “Picual”, “Cornicabra”, “Arbequina” e “Manzanilla” sono coltivate anche a Ciudad Real, in altre 26 città della regione storica di Campo de Montiel e in altre ancora nel sud della provincia.
  4. Olio DOP di RomaOlio d’oliva: in 97 comuni delle regioni di La Campiña, Suroccidental e Las Vegas, nella provincia di Roma, producono i loro oli con la maggior parte delle olive cornicabra e manzanilla, oltre ad altre minoranze chiamate verdeja, carrasqueña, picual e gordal.
  5. Olio DO da La AlcarriaL’olio d’oliva: 95 comuni della provincia di Guadalajara e 42 della provincia di Cuenca producono questi oli fruttati e aromatici con la varietà locale conosciuta come castigliano e da olivi centenari.
  6. GU SiuranaOli: Nelle regioni di Tarragona di El Priorat, El Baix Camp, El Alt Camp, El Tarraconès e La Ribera d’Ebre, perpendicolari al mare, si producono oli con le varietà arbequina, royal e morrut.
  7. DO Baix Ebre-Montsià OilLe regioni di Tarragona, Baix Ebre e Montsià, confinanti con Castellón e Teruel, producono olio d’oliva che varia dal giallo verdastro al giallo dorato con le varietà morruda, sevillenca e farga.
  8. DO L’Emporda OilLa produzione di questo olio extravergine di oliva si trova nelle regioni di Alt Empordà e Baix Empordà, a El Gironès e El Pla de l’Estany, a Girona, ed è ottenuta dalle varietà locali di argudell, corivell, llei de Cadaqués e arbequina.
  9. DOP Les GarriguesLa zona dell’olivo: nel sud della provincia di Lérida, nella regione di Les Garrigues e in alcuni territori delle regioni di La Segarra e Meridional, si trovano le varietà arbequina e verdiell, con le quali si producono oli fruttati o dolci.
  10. DO Olio di Terra AltaIl succo di oliva è prodotto nella regione di Terra Alta e Ribera d’Ebre, nel sud-ovest della Catalogna, con le varietà empeltre, arbequina, morruda e farga, che ricordano le mandorle e le noci verdi.
  11. Olio DOP della Comunitat ValencianaGrazie al suo clima mediterraneo, la Comunità Valenciana è sempre stata un’importante zona di coltivazione dell’olivo. Nella zona di Castellón ci sono anche olivi millenari, che hanno una fenomenale diversità di varietà: manzanilla Villalonga, blanqueta, farga, serrana de Espadán, morruda, cornicabra, alfafara o grosal, changlot real, rojal, canetera, nana, arbequina, empeltre, cuquillo, sollana, sallosina, llumeta, millarenca e borriolenca.
  12. Olio di MaiorcaEssendo parte dell’arcipelago delle Isole Baleari, situato nel mezzo del Mar Mediterraneo, questi oli sono molto diversi, sia il fruttato che il dolce, e sono prodotti con le varietà autoctone Empeltre o Maiorchino, Arbequina e Picual.
  13. La Rioja OilNei 503.388 ettari della Comunità Autonoma di La Rioja si produce un olio multi-varietà, con le varietà autoctone redondilla, machona e royuela; e un altro olio monovarietale con arbequina.
  14. DO Navarra OilOlio d’oliva: 135 comuni del sud della Navarra, con un clima caratterizzato da forti contrasti termici, producono i loro oli con almeno il 90% delle varietà Aaroniz, Arbequina o Empeltre.
  15. DO Aceite del Bajo AragónLa regione del Bajo Aragón comprende 77 comuni di varie regioni, sia nella provincia di Teruel che in quella di Saragozza, dove il tipo di oliva Empeltre deve costituire un minimo dell’80% e le varietà Arbequina e Royal non più del 20%.
  16. DO Sierra de Moncayo OilNella provincia di Saragozza, le regioni di Tarazona, Moncayo e Campo de Borja producono oli principalmente con empeltre e arbequina, ma anche con le varietà negre, reali e verdi.
  17. Olio DOP MonterrubioIn Estremadura, la zona di produzione comprende i comuni di La Serena, La Siberia e Campiña Sur de Badajoz e gioca con una grande varietà non solo di ergot e picual, ma anche di varietà come mollar, corniche, pico-limón, morilla e cornicabra.
  18. DOP Gata-HurdesQuesta volta a Cáceres, dalle Sierras de Gredos, Béjar e Peña de Francia alle Hurdes e alla Sierra de Gata, questa DO garantisce esclusivamente olio extravergine di oliva monovarietale ottenuto dalla manzanilla di Cáceres.
  19. DO Priego de Córdoba: i suoi oli picual, picudo e hojiblanca sono tra i più premiati al mondo, ed è una regione naturale formata dai comuni di Almedinilla, Carcabuey, Fuente Tójar e Priego de Córdoba, confinante con le province di Jaén e Granada.
  20. AO BaenaNel sud-est della provincia di Cordoba, nelle regioni olivicole di Nevadillo-Campiña e Campiña y Penibética, la DO protegge gli oli extravergini di oliva prodotti dalle varietà picudo o carrasqueño de Córdoba, lechín, chorrúo o jardúo, hojiblanca e picual.
  21. DOP EstepaLa regione naturale di Estepa è divisa tra le province di Siviglia e Cordoba e producono l’olio con la raccolta precoce di hojiblanca, arbequina, manzanilla, picual e lechín de Sevilla, ecco perché spicca l’elemento verde.
  22. DO Olio di LucenaI frantoi si trovano nel sud della provincia di Cordoba e sono composti dalla varietà hojiblanca o lucentina e da altre varietà minoritarie come arbequina, picual, lechín, tempranilla, ocal, campanil e chorruo.
  23. DOP Montoro-AdamuzNella provincia di Cordoba, i comuni di Montoro, Adamuz, Espiel, Hornachuelos, Obejo, Villaharta, Villanueva del Rey e Villaviciosa de Cordoba producono i loro migliori oli con picual (neve bianca) e neve nera, oltre ad altri oli minoritari come lechín, picudo e carrasqueño.
  24. DO Montes de GranadaNella Subbética di Granada si trova la regione di Los Montes, dove abbondano il picual o marteña, seguito da altre varietà come lucio, loaime, negrillo de Iznalloz, escarabajuelo, gordal de Granada e hojiblanca.
  25. DO Poniente de GranadaNella parte occidentale di Granada, le olive autoctone sono il lucio o illoreño, il nevadillo de Alhama de Granada e il loaime, ma hanno anche hojiblanca, picual o marteña e picudo.
  26. DOP Sierra de CádizAnche se stiamo parlando della Sierra de Cádiz, vicino al Parco Naturale della Sierra de Grazalema, la varietà che dà più carattere ai suoi oli si chiama lechín de Sevilla, anche se lavorano anche con camomilla, verdial de Huévar, verdial de Cádiz, hojiblanca, picual, alameña de Montilla e arbequina.
  27. GU AntequeraLe varietà di hojiblanca, picual o marteño, arbequina, lechín de Sevilla o zorzaleño, picudo, gordal de Archidona, verdial de Vélez-Málaga e verdial de Huévar sono molto popolari in diversi comuni della provincia di Malaga.
  28. DO Sierra de CazorlaPicual: Nel sud-est della provincia di Jaén, come in tutta la provincia, che è il maggiore produttore di questa provincia, spicca la varietà picual.
  29. DO Sierra de SeguraQuesta DO aggiunge, al caratteristico picual di Jaén, le varietà verdala, royal e manzanillo di Jaén, che vengono raccolte con la mungitura nei comuni di Beas de Segura, Benatae, Chiclana de Segura, Génave, Hornos de Segura, Orcera, La Puerta de Segura…
  30. DO Sierra MáginaNel Parco Naturale della Sierra Mágina, sempre nel sud di Jaén, nei comuni di Albánchez de Úbeda, Bedmar-Garcíez, Solera, Jimena, Jódar, Larva, Mancha real, Pegalajar e Torres, sono tipici il picuale e il manzanillo di Jaén

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter