Mireia, un lettore e membro della gazzetta.si presenta in una e-mail in questione se ci sono alimenti che aiutano a ritardare la menopausa o almeno a mitigare i loro effetti negativi, credendo che l’età per entrare in questo periodo della sua vita. Per rispondere, prima ci si espone a tutti i lettori e gli spettatori contesto che assume la menopausa.

La menopausa come una fase della vita

La menopausa, la fine del periodo mestruale, non è una malattia, né un disturbo; questo è un normale processo di vita di una donna. È di solito confermata dopo 12 mesi consecutivi di ultimo periodo. La maggior parte delle donne tendono a iniziare tra i 40 e i 58 anni, ricorda il north American Menopause Society (NAMS). Durante questa fase, ci sono una serie di cambiamenti ormonali a causa di un calo della produzione di estrogeni e altri ormoni.

Prima della menopausa, il corpo prende già un paio di anni di avviso, con cambiamenti fisici che iniziano anni prima che l’ultimo periodo mestruale. Questo transizione di fase è noto come perimenopausae si comincia con modifiche nella lunghezza del periodo e si conclude un anno dopo l’ultima regola. Ogni donna è diversa, quindi, la loro esperienza con la menopausa è così.

Alcuni non apprezzano i cambiamenti fisici durante la perimenopausa, altri stanno già iniziando a soffrire vampate di calore, sudorazioni notturne, secchezza vaginale, disturbi del sonno, cambiamenti di umore… Tutto questo, che è consolidato in menopausa, è il risultato di cambiamenti irregolari, i livelli di ormoni ovarici (estrogeni nel corpo. Questi sintomi variano in ogni donna, ma è chiaro che interessano, in maggiore o minore misura, per la loro qualità di vita.

Alcuni studi hanno dimostrato che una naturale menopausa precoce è associata con una minore densità ossea, osteoporosi, depressione, altri studi documento che una menopausa tardiva sarebbe correlato ad un aumentato rischio di seno e il cancro ovarico. Nonostante i risultati, sono anche altre cause tra l’età alla menopausa e salute: fattori genetici, ambientali o esposizioni meccanismi ormonali.

Può il potere di ritardare la menopausa?

Il potere, oltre ad aiutare a ridurre alcuni degli effetti della menopausa, potrebbe anche ritardare ulteriormente. Secondo un rapporto nel Journal of Epidemiology and Community Health, questo sarebbe possibile grazie ad una dieta ricca di pesce e legumi. Al contrario, un elevato apporto di carboidrati raffinati potrebbe accelerare. Secondo gli esperti, l’età media della menopausa è di 51 anni, e di alcuni alimenti sembrano essere associati con il loro aspetto, mentre non ci sono giudizi conclusivi 100% a questo proposito.

Secondo i risultati dello studio, condotto nel regno Unito, con circa 14.000 donne tra i 35 e i 69 anni, durante i quattro anni, ogni porzione giornaliera di ulteriori carboidrati raffinati è associato con l’avanzamento della menopausa un anno e mezzo; il consumo di una porzione di pesce e di verdure fresche, in contrasto, è associato con un ritardo di più di tre anni.

Alimenti che aiutano a ritardare o ridurre i sintomi della menopausa

Tuttavia, ci sono prove che una volta le voci in menopausa molti di il i sintomi possono diminuire con i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita. Una dieta sana e varia, a base di alimenti ricchi di amido e frutta e verdura, a basso contenuto di grassi saturi, zucchero e sale, serve per tutte le donne (e a tutte le persone), indipendentemente dalla fase della vita in cui si trova. Ma per le donne con menopausa e post-menopausa, ci sono alcuni aspetti nutrizionali sono particolarmente importanti, soprattutto all’ora di per ridurre il rischio di malattia cardiovascolare e l’osteoporosicosì come diminuire i sintomi della menopausa tutti i giorni.

Alcune sostanze presenti sono, secondo la British Nutrition Foundation:

  • Calcio per mantenere la densità ossea: una delle principali fonti sono prodotti lattiero-caseari come latte, yogurt o formaggio. In unestudiorealizado da esperti svizzeri per l’effetto del latte sulla salute dell’osso, ha dimostrato che le donne in postmenopausa che mangiare più di questi tipi di prodotti, le proteine animali hanno una densità ossea significativamente più elevati rispetto a quelli che mangiano la minor quantità. In caso di intolleranza al lattosio può essere sostituito con latte di soia arricchito. Altri cibi ricchi di calcio sono i cereali per la colazione, alcune verdure a foglia verde come cavoli; semi di sesamo; fichi secchi; pesci come sardine.
  • La Vitamina D: aiuta anche per la salute delle ossa, perché aiuta l’assorbimento del calcio dal cibo. Oltre ad esporre alla luce del sole (sempre con cautela), importanti fonti di questa vitamina sono: uova, carne rossa o pesce.

Per la salute cardiovascolare, particolarmente vulnerabili durante questo tempo, è importante:

  • Ridurre il consumo di grassi saturi come salsicce, patatine e biscotti e sostituirli con grassi insaturi (modifica il burro con l’olio di oliva e di girasole, per esempio).
  • Consumare il pesce almeno quattro volte a settimana (sgombro, salmone, sardine). I grassi sani come gli omega-3 acidi grassi, può migliorare i sintomi associati alla menopausa, in particolare le vampate di calore e sudorazioni notturne.
  • Limitare il il consumo di sale.
  • Per limitare la alimenti zuccherati.
  • Per limitare la bevande alcoliche.
  • Aumentare il consumo dicereali integraliperché sono ricchi di sostanze nutritive, tra cui tiamina, niacina e riboflavina. Secondo una meta-analisi, pubblicata su PubMed, l’assunzione di cereali integrali è associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari e il cancro. Secondo il responsabile dello studio, questi risultati supportano le linee guida dietetiche che raccomandano una maggiore assunzione di cereali integrali, durante la menopausa.
  • Includere cibi ricchi di fibre come ortaggi, frutta, cereali integrali e legumi.
  • Consumare legumistra due e quattro volte alla settimana.
  • Bere almeno 1,5 litris acqua al giorno (equivalente a 6 tazze).
  • Consumare verdura ricca di isoflavoni. Noti come fitoestrogeni sono composti che agiscono come estrogeni deboli nel corpo. Anche se ci sono state alcune polemiche circa l’inserimento di questi nella dieta, alcune ricerche suggeriscono che possono beneficiare la salute delle donne durante la menopausa. Uva, prugne, semi di lino, semi di soia, o i ceci sono alcuni degli alimenti che contengono fitoestrogeni, in modo naturale.

Per controllare il peso, il cui aumento è accompagnato intrinsecamente da una perdita di massa muscolare, è consigliabile seguire una dieta ricca di proteine magre (coniglio, pollo, tacchino o pesce bianco). Il consumo di verdure, frutta e soia è anche associato con una riduzione significativa degli effetti, come vampate di calore e la perdita di peso.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter