José ci scrive la seguente email: “Ho una stanza che fungeva da scaldabagno per uno dei bagni della casa, che per motivi non rilevanti è separata dal bagno principale e dalla cucina. Il caso è che abbiamo ristrutturato questa stanza e vogliamo sbarazzarci della stufa, che è di 50 litri, mantenendo però l’acqua calda per il bagno; abbiamo pensato ad una stufa tankless, ma abbiamo dubbi sul fatto che riscalderà abbastanza “.

Originari dell’Asia, date le piccole dimensioni delle case in quel continente, i riscaldatori elettrici tankless si stanno affermando in Europa grazie a una serie di vantaggi che si adattano alle circostanze di molte case attuali, di dimensioni più piccole e molte monofamiliari, che non necessitano di un grande volume di acqua calda.

Si tratta di piccoli elettrodomestici piatti, alti tra i 20 ei 50 cm (cm) di larghezza circa 20 cm e mai più di 10 cm di spessore, che hanno una zona di ingresso acqua fredda e una zona uscita acqua. caldo. Al centro l’acqua passa attraverso una serie di resistenze elettriche che riscaldano l’acqua che va in transito verso la doccia o il lavandino.

conclusione: consigliamo a José di non cambiare, a meno che non abbia una contrazione di alta potenza o sia un bagno con doccia per uso molto occasionale, quindi i guadagni estetici e di spazio compenseranno i limiti del riscaldamento.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter