Cuori spezzati, simboli cinesi che non sanno nemmeno cosa significano, nomi di persone dimenticate, date che non significano più niente … Alcune persone si pentono, dopo alcuni anni, facendo quel tatuaggio. O semplicemente averne uno significa che hanno difficoltà a trovare lavoro.

Tutti questi motivi hanno fatto sì che, negli ultimi anni, il numero di persone che vogliono eliminarlo sia aumentato. Negli Stati Uniti, ad esempio, quasi 100.000 processi di rimozione del tatuaggio nel 2012, da 86.000 nel 2010; dal 2012 al 2013 il numero delle elisioni è aumentato del 52%.

La principale tecnologia utilizzata per farlo è quella dei laser, come gli ultra pulsati, con tempi di accensione di nanosecondi o picosecondi, cioè miliardesimi o miliardesimi di secondo. Cosa fa il laser? Attraverso questa tecnica il pigmento introdotto viene distrutto, ma uscendo una ferita sulla pelle che necessita di cure e trattamenti specifici per evitare che si infetti o lasci cicatrici o macchie.

Alcuni tipi di laser sono una sorgente di luce, simile a quelle utilizzate per la depilazione, ma con alcuni parametri diversi in modo che abbia un effetto fotoacustico ed emetta un impulso molto breve. Questo impulso è diretto al pigmento e non danneggia il tessuto circostanteInvece, produce una sorta di esplosione di inchiostro fino a quando non viene convertito in particelle molto piccole che vengono eliminate dal corpo, secondo il gruppo spagnolo di dermatologia estetica e terapeutica (GEDET).

Ma un laser non può abbattere tutti gli strati in una sola sessione di trattamento. Quindi lo sono diverse sessioni e tempo richiesto tra di loro perché la pelle ha bisogno di riprendersi da queste sedute (questa di solito rimane rossa, un po ‘gonfia e, in alcuni casi, vesciche, quindi è consigliabile lasciare almeno sei-otto settimane tra di loro).

Generalmente, le sessioni necessarie Possono variare da 2 a 12, a seconda di vari parametri (un tatuaggio medio, delle dimensioni di un cellulare, può richiedere da cinque a dieci sedute).

Per ridurre al minimo gli effetti negativi e migliorare i risultati, consiglia l’American Academy of Dermatology (AAD) seguire una serie di raccomandazioni:

Tutti questi fattori condizioneranno anche il costo del trattamento, in particolare il numero di sedute richieste e le dimensioni del tatuaggio. Anche se la persona è un fumatore e il numero di colpi necessari in ogni sessione. Il prezzo medio di una seduta per un tatuaggio medio Può andare dai 200 ai 400 euro, quindi il costo per rimuovere un tatuaggio delle dimensioni di uno smartphone sarà tra 400 euro e 4.000 euro.

Alcune persone possono sperimentare alcuni effetti collaterali sulla pelle, come la comparsa di macchie chiare o scure, che tendono a scomparire dopo sei-dodici mesi, ricorda l’AAD. Sebbene non comune, l’uso del laser per rimuovere i tatuaggi, soprattutto se non eseguito da un dermatologo professionista, può lasciare cicatrici, alterazioni della grana della pelle e ustioni.

Non sono validi come metodi di rimozione o creme o pistole per micropigmentazione perché sono tecniche che, oltre ad essere inefficaci, possono essere dannose.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter