Il problema della monogamia ha interessato molti scienziati nel corso degli anni. Molti sono andati in cerca di una risposta forte se gli esseri umani sono per natura monogamo o non. Fino ad ora, tuttavia, nessuno è stato in grado di raggiungere una conclusione definitiva. Ma sì, ci sono studi i cui risultati gettare un po ‘ di luce sull’argomento.

In primo luogo, è chiaro che le specie di mammiferi che pratica la monogamia essi sono una minoranza: circa il 3% del totale, secondo i più alti stime (alcuni indicano che non supera l ‘ 1 %). Ciò è dovuto a ragioni evolutive: il sistema riproduttivo, che si è dimostrata più efficace per nove su dieci di queste specie è stata poligamia, che è a dire, il regime in cui un maschio dominante fertile, partner multipli, le femmine allo stesso tempo. In realtà, di una società umana che sia mai esistito, fino a 83 % praticato la poligamia. Come è possibile, quindi, che la monogamia è imposto in tal modo, nella nostra società moderna?

Studi e ipotesi circa il come e il perché di monogamia

Tra le specie che non pratica la monogamia sono il pinguino, il lupo grigio, il gufo, il condor, l’antilope africana dicdic, il castoro, e molti tipi di primati, compreso l’uomo. In metà delle specie che optare per questo sistema sociale, la causa principale è che le loro persone vivere troppo dispersi, in modo che sia facile per loro di trovare nuovi compagni per la riproduzione. Tale conclusione è giunto uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge, regno Unito) e pubblicato nel 2013 sulla rivista Science.

“Dove le donne sono ampiamente dispersi, la strategia migliore per un maschio è quello di stare con una femmina, a difendere la sua, e assicurarsi che è colui che genera tutti i suoi figli,” ha detto Tim Clutton-Brock, uno dei direttori dei lavori. “In sintesi, la strategia migliore per il maschio è quello di essere monogamo”. Secondo questi ricercatori, questa sarebbe la ragione per la metà dei mammiferi monogamo optato per questo sistema di riproduzione.

Cosa succede con l’altra metà? Un’altra ricerca, pubblicata quasi allo stesso tempo, come il precedente, ha tracciato il le origini della monogamia nei primati e ha postulato una risposta. Anche se l’importanza della collaborazione tra entrambi i genitori per l’educazione dei bambini è importante, il motivo principale era quello di evitare l’infanticidio.

Vale a dire, la morte della prole da parte di altri maschi, che da un lato il pensiero che la madre è desligara di foster è di nuovo disponibile come un partner sessuale, e, dall’altro, di eliminare le possibili concorrenti sessuale futura. Quindi, il lavoro sviluppato da esperti delle università del Regno Unito e Australia– conclude che “queste analisi filogenetiche sostenere il ruolo chiave dell’infanticidio, l’evoluzione sociale dei primati e, potenzialmente, di esseri umani.”

Altre ipotesi di includere ulteriori elementi che hanno contribuito all’adozione di monogamia da parte della nostra specie, come il desiderio di combattere le malattie sessualmente trasmesse, o ragioni economiche, legate con la proprietà privata della terra, eredità e altre proprietà che vengono organizzati nel più semplice modo quando un gruppo sociale è diviso –come la nostra oggi– in unità familiari.

La monogamia e la naturale

In entrambi gli esseri umani, quindi, siamo parte di alcuni rami evolutivi che a un certo punto ha adottato la monogamia. Questo significa che ci sono “naturalmente” monogamo? Lo psichiatra Judith Lipton e la psicobiólogo David Barash, autori del libro Il mito della monogamia (Ed. Ventunesimo secolo, 2003), dicono che non è. Al contrario, sostengono che “la biologia umana che tende naturalmente alla poligamia”, e che “né la biologia o la primatologia, o antropologia suggeriscono che la monogamia è un modo di vivere naturale”.

Ciò che è importante in questo caso è quello di definire cosa si intende per “naturale”. “A camminare e a parlare sono cose naturali –spiega Lipton e Barash–. L’arte è possibile, ma non è naturale. La monogamia è possibile, come l’arte, ma non è naturale”. Al contrario, “se naturali, che noi possiamo capire che c’è una predisposizione, ci sono forti ragioni per credere che la monogamia in esseri umani è naturale”, dice lo psicologo Bertrand Regaderscienza divulgatore, e il direttore della web Psicologia e la Mente.

Regader specifica che “è stato visto nel corso del tempo e della società, una chiara tendenza verso la monogamia funzionale”. Che dire, un’adeguata struttura per un certo numero di scopi. Lo psicologo –co-autore del libro Psicologicamente parlando: un viaggio attraverso le meraviglie della mente (Ed. Polity press, 2016)–, sottolinea che “ci sono diverse spiegazioni possibili”, e fa riferimento ad alcuni di quelli già citati, in quanto minore è il rischio di trasmissione di malattie veneree e una maggiore efficacia nel proteggere i bambini.

Il futuro appartiene ad aprire le relazioni e la poliamor?

Comunque, si chiarisce Regader, questo non significa che siamo “programmati per essere monogamo”, poiché “l’esistenza di certe predisposizioni biologiche non giustifica l’imposizione di modi diversi di vivere l’amore e le relazioni personali”. D’altra parte, “un tratto è stato utile fino ad ora ciò non significa che sia un bene in astrattoné la norma, ma fino ad oggi si è dimostrato vantaggioso per continuare ad esistere come specie. Ma che potrebbe cambiare in qualsiasi momento.”

Ci si pone la domanda inevitabile: è possibile che in futuro cambiare il paradigma e le cosiddette relazioni, la poliamor o altre forme sono imposto come il modello predominante nella struttura sociale? Sì, lo è, secondo Regader.

“Nella società del benessere, in cui un individuo può essere auto-sufficiente e, al tempo stesso, una maggiore facilità di creare legami di amicizia, e in cui il sesso e l’amore sono da dissociare la maggior parte della riproduzione e la creazione di famiglie, la dinamica poligamo può essere più facile a diffondersi. Solo il tempo dirà quanto sono in grado di farlo.”

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter