Il nuovo coronavirus, che ha ricevuto il nome di SARS-COV-2, è stato osservato per la prima volta a Wuhan, in Cina, nel mese di dicembre 2019, ed è responsabile per le malattie infettive noto come COVID-19, che provoca infezioni respiratorie. Attualmente non esiste alcun trattamento a questo specifico coronavirus, solo un trattamento di sostegno.

Sì sono la conduzione di studi clinici per trovare un trattamento farmacologico specifico per prevenire o trattare la COVID-19 e stanno lavorando sullo sviluppo di un vaccino. Ma c’è ancora nessuna prova che gli studi clinici sono fatto può diventare anche un trattamento specifico per COVID-19 e il vaccino può prendere anche il tempo per essere al punto di partenza.

Dov’è il vaccino?

Non esiste ancora un vaccino contro il coronavirus SARS-Cov-2 perché non ci sono ancora dubbi circa l’immunità di questa malattia e fino a quando non vengono risolti, non si sa se un ipotetico vaccino sarà efficace. Domande su come il nostro sistema immunitario, combatte i virus e come trigger in modo sicuro una risposta immunitaria simile a un vaccino, sono ancora senza risposte.

Ma, a differenza di altri coronavirus come il comune raffreddore, la nuova ha una struttura diversa e può infettare qualsiasi persona, perché nessuno ha ancora avuto il tempo di ottenere vaccinati o protetti. Nel caso del nuovo coronavirus, gli esperti non si parte da zero, perché hanno esperienza con altri coronavirus come quello che ha causato la SARS (Sindrome Respiratoria Acuta Grave) e MERS (Sindrome Respiratoria del Medio Oriente).

Il nostro sistema immunitario in grado di rilevare e distruggere gli invasori stranieri, come batteri, germi, ecc…. Ma non è stato in grado di con il nuovo virus. E qui è dove svolge un ruolo importante nel vaccino, che non cessa di essere un inganno per il nostro corpo, che ti fa pensare che è infetto e stimola la risposta immunitaria. Il vaccino, quindi, aiuta le persone a generare una risposta immunitaria contro un’infezione senza essere esposti al patogeno.

Ma prima di gli esperti dovrebbero dare con l’antigenela parte del vaccino che il corpo riconosce come un elemento estraneo (possono essere molecole di un virus, una stringa di DNA o proteine). L’altro ingrediente importante è l’adiuvante, che è quello che funziona per aumentare la risposta immunitaria contro un antigene.

Quando si arriva a scoprire qual è il modo migliore di attaccare il virus, è iniziato una fase di pre-trial clinici per stabilire che né l’antigene o il vaccino sono nocivo per la sperimentazione animale e di indurre una reazione immunitaria. Una volta superato il test con gli animali, si inizia forse la più costosa: la fase di sperimentazione umana.

Se il vaccino produce il respuesse dà la luce verde per la produzione di massa. Tutto questo può richiedere mesi per arrivare. Ciò che è più probabile è che c’è un vaccino disponibile per l’attuale pandemia. Nella migliore delle previsioni, ci vorranno tra i 12-18 mesi di tempo per avere un vaccino, secondo le stime dell’OMS.

In quali altri trattamenti di lavoro

Una combinazione di farmaci utilizzati con l’HIV, la malaria trattamento testato durante la Seconda Guerra Mondiale, un nuovo anti-virale che non è riuscito contro l’Ebola lo scorso anno… L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato, lo scorso 20 marzo, l’avvio di una sperimentazione clinica è internazionale, la cosiddetta Solidarietàper determinare se uno qualsiasi di questi trattamenti possono trattare le infezioni come COVID-19.

L’obiettivo è quello di generare solidi dati per trovare i trattamenti più efficaci. Di tempo, hanno aderito alla sperimentazione paesi come il Canada, la Francia, l’Iran, Norvegia, Spagna, Svizzera, Argentina e Thailandia. Alcuni dei strategie terapeuticheche seguono sono, secondo l’Agenzia spagnola di Medicinali e Prodotti per la Salute (AEMPS):

  • Remdesivir. All’inizio è stato sviluppato per trattare il virus Ebola, è stato dimostrato che potrebbe avere attività in vitro contro il coronavirus. Secondo gli esperti, è stato utilizzato con buoni risultati nel primo caso di infezione delle vie respiratorie COVID-19 negli Stati uniti. In Spagna ci sono due studi clinici in corso.
  • Lopinavir/ritonavir. Si tratta di un inibitore della proteasi dell’HIV, che in combinazione con altri agenti antiretrovirali, è utilizzato per il trattamento dell’infezione da HIV negli adulti. È stato, secondo il AEMPS, il trattamento raccomandato dalle autorità sanitarie e il cinese durante la crisi in quel paese.
  • Clororquina e idrossiclorochina. Questi sono farmaci utilizzati inizialmente come antimalarico dopo che sono stati utilizzati in varie malattie autoimmuni. Sono stati inclusi come una delle alternative di trattamento in pazienti con COVID-19, anche se si ritiene che il livello di evidenza è ancora bassa e basato su dati preclinici. I risultati sono stati osservati in un numero limitato di persone, che è il motivo per cui è necessario generare ulteriori elementi di prova. Il clororquina sembra essere efficace per limitare la replicazione del virus in vitro.

Ci sono altre ricerche trattamenti per i quali non vi è alcun tipo di prova per il momento. Gli antibiotici non sono efficaci contro i virus, pertanto, non deve essere usato come prevenzione o il trattamento della COVID-19.

Quali trattamenti sono stati seguiti fino al momento

Per i casi più lievi, in quanto dimostrano che essi sono nel 80% dei casi, il trattamento è sintomatico. Vale a dire, ciò che viene fatto è quello di cercare di ridurre al minimo i sintomi come febbre o malessere generale. Utilizzato antitérmicos, antidolorifici o antinfiammatori. È simile a quello che si potrebbe fare in caso di influenza. Pertanto, servono anche le raccomandazioni generali in questo caso:

  • Salvare il resto
  • Bere molta acqua
  • Lavarsi spesso le mani
  • Prendere antitérmicos o farmaci raccomandato da professionisti della salute per il trattamento sintomatico della febbre.

Cosa succede con l’ibuprofene?

Pochi giorni fa, e a seguito di un tweet il ministro francese della Salute, ha sviluppato l’idea che non è consigliabile l’uso di ibuprofene o altri farmaci anti-infiammatori analoghi nel trattamento dell’infezione da COVID-19. La raccomandazione fa parte di un’altra portata generale che ha fatto l’Agenzia francese per la Sicurezza dei Farmaci (MSNAnel mese di aprile del 2019, in cui ha affermato che l’ibuprofene può peggiorare alcune infezioni.

Tuttavia, secondo il AEMPS, non ci sono dati che indicano che l’ibuprofene o altri farmaci anti-infiammatori non steroidei aggravare i sintomi del coronavirus. Nei casi più gravi in cui vi è un coinvolgimento polmonare, il trattamento, oltre ad essere sintomatico, di solito è fatto a livello di ospedale e di solito consistono in la terapia di ossigeno per il miglioramento della funzione polmonare e qualche farmaco della famiglia dei broncodilatatori. Nei casi più gravi, potrebbe essere richiesto di reddito nelle Unità di terapia Intensiva (ICU) di ospedali.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter