Auri, lettore e membro di avnotizie.it, ci chiede di parlare di prurito vaginale. e le sue possibili cause, visto che le ha sofferto per almeno due motivi diversi. Inoltre, Auri ritiene che le donne non prestino sufficiente attenzione a questo prurito, che è un buon indicatore di una serie di problemi che, se individuati in tempo, hanno una soluzione migliore.

Cosa c’è dietro il prurito vaginale

L’equilibrio è essenziale quando si parla della zona vaginale, in particolare quando si parla di perdite vaginali. Perché, in condizioni normali, è formato da una flora polimicrobica, saprofita, in cui i lattobacilli sono abbondanti.che sono quelli che forniscono acidità e proteggono l’epitelio.

Quando l’equilibrio tra queste componenti è rotto, quando una minaccia lo distrugge, stiamo parlando di alterazioni vaginali.come riconosciuto dall’Accademia Spagnola di Dermatologia e Dermatologia (AEDV). Ed è allora che il prurito o il disagio possono comparire nell’area intima. Il prurito di solito è un segno che qualcosa non va. La cosa più importante in questi casi è identificare le cause per poter trattare questa condizione in tempo, il che può diventare molto fastidioso.

Prurito vaginale Può essere interno (vaginale) o esterno (vulvare, labiale o perineale).. Anche se nella maggior parte dei casi i sintomi sono lievi e di solito scompaiono nel giro di pochi giorni, può anche essere un sintomo di altri disagi e malattie, come ad esempio:

Candidosi

E ‘al primo posto tra tutte le cause di prurito interno. Questa e’ un’infezione vaginale. causata dal fungo Candida albicansche causa non solo prurito, ma anche una densa e biancastra fuoriuscita, nonché arrossamento della zona, bruciore e disagio durante la minzione. In condizioni normali, si trova in vagina in una piccola percentuale, ma a fronte di squilibri può proliferare in modo sproporzionato.

Lo stress, la gravidanza o un sistema immunitario indebolito, così come il diabete e l’assunzione di antibiotici o contraccettivi ormonali, possono aumentare le possibilità di sviluppare un’infezione fungina. Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), il 20% delle donne ha il fungo. Candida albicanssenza presentare sintomi. E, inoltre, si stima che Il 75% delle donne svilupperà un’infezione fungina. durante la sua vita, riconosce l’Accademia Americana di Dermatologia (AAD).

Vaginosi batterica

Questa infezione è causata da una quantità eccessiva di batteribuoni e cattivi, che normalmente vivono nella vagina. Quando il vostro equilibrio normale cambia, c’è prurito, secrezione, odore e dolore nella vagina. Secondo il CDC, la vaginosi batterica è l’infezione vaginale più comune nelle donne di età compresa tra i 15 e i 44 anni.

Dermatite da contatto o allergia

E’ causata da aggressioni che si verificano nella zona esterna a causa di cause come l’uso di indumenti molto stretti (pantaloni molto stretti) in questo settore, ma soprattutto l’uso di indumenti sintetici perché è un genere che non permette una corretta traspirazione.

Può anche essere un problema di eccesso di igiene nella zona genitale (maggiori informazioni in Come lavare correttamente i nostri genitali), che può portare a condizioni della pelle come l’eczema, che spesso causano prurito genitale. Ciò è dovuto principalmente all’uso di saponi o gel con sostanze chimiche che distruggono l’equilibrio interno della vagina.

Trichomoniasi

E’ una malattia a trasmissione sessuale prodotta dal protozoo. Trichomonas vaginalische può anche causare un intenso prurito nelle donne, accompagnato da una fuoriuscita anomala (maggiori info en Scarico marrone: cosa dicono i colori delle secrezioni vaginali sulla nostra salute?). I protozoi possono essere non solo nella vagina ma anche nell’uretra, quindi il trattamento può variare.

Secchezza vaginale

Può causare prurito e irritazione. Il fluttuazione ormonale Questo significa che il prurito può peggiorare durante la menopausa, la perimenopausa, l’allattamento e la gravidanza.

Psoriasi

La maggior parte delle persone che soffrono di psoriasi si ammalano di psoriasi anche nella zona genitale. In questo caso, la zona tende a far male e prurito, e a volte intensamente.

Come può essere trattata

  • Farmaci antimicotici. Per la candidosi, il trattamento è un farmaco antimicotico che viene applicato nella vagina o una singola dose di fluconazolo preso per bocca.
  • Antibiotici per la tricomoniasi. Anche il partner sessuale deve essere trattato per evitare il ripetersi dell’infezione.
  • Corticosteroidi per la psoriasi.
  • Lavare e mantenere pulita l’area, sciacquandola con acqua calda e asciugandola delicatamente con un asciugamano, senza strofinare.
  • Saponi e saponi adattiIn caso di dermatite per contatto o allergie. La chiave del trattamento è evitare la fonte di irritazione e fermare il problema. Impacchi di ghiaccio o impacchi freddi possono ridurre l’irritazione. Indossare biancheria intima di cotone ed evitare indumenti come pantaloni stretti e non utilizzare saponi profumati o carta igienica. Nelle situazioni più gravi, i farmaci possono essere necessari.

In tutti i casi, è il medico o lo specialista che determinerà il trattamento migliore. Va notato che mentre i trattamenti da banco sono sicuri ed efficaci nel caso di infezioni fungine, ad esempio, non sono sicuri ed efficaci se il problema è diverso. In più, Un uso scorretto del trattamento può causare un ritardo nella diagnosi. e il giusto trattamento per il vero problema, come avvertito dall’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG).

Se non vuoi perderti nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter