Abbiamo bisogno di toccare, abbracciare, baciare. Abbiamo una conoscenza di con il contatto fisico con altre persone. Infatti, il touch è considerato il primo senso che acquisire e la pelle dei nostri organi sensoriali più grande. Un semplice abbraccio può essere raggiunto per soddisfare una vasta gamma di bisogni fisici ed emotivi che molte volte non siamo consapevoli.

Il touch aiuta a rilassare il corpo e la mente, perché quando tocchiamo noi produrre più serotonina (aumenta l’umore) e meno di cortisolo (l’ormone dello stress) e la nostra frequenza cardiaca e la pressione del sangue diminuisce. Il bisogno di contatto umano-fisico, che è indicato anche come “fame pelle” o “fame ” touch” ci fanno sentire collegati con i nostri cari. E i modi di soddisfare questo bisogno può variare da dare una pacca sulla spalla, per salutare con un abbraccio o coccole con un qualcuno molto vicino.

Abbracci che ha rubato il coronavirus

Ma ora, con l’emergere del nuovo coronavirus, epidemiologi non cessa di insistere sul fatto che è meglio limitare il contatto fisico per aiutare a prevenire la malattia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che focalizza le sue linee guida per ridurre quanto più possibile il contatto fisico con le altre persone e a mantenere almeno un metro di distanza tra di noi.

Un nuovo studio sulle dinamiche di trasmissione e l’applicazione di futuro allontanamento sociale strategie, pubblicato su Science, dice ora che è possibile che una necessità di ripetuti provvedimenti di allontanamento sociale per controllare i livelli di infezioni, ricoveri e dei decessi per Covid-19. Questo distacco è fisico, quindi, ci ha portato a cambiare le nostre abitudini di rapportarsi agli altri.

Ma ci mancano gli abbracci con amici e familiari, ora che possiamo vedere. Come facciamo a spiegare ai bambini, per esempio, che non può abbracciare i nonni quando giorni fa, non hanno visto ed è la prima cosa che vogliono fare? E non sappiamo fino a quando durerà. Come possiamo far fronte senza che ci passa un disegno di legge emotivo?

10 consigli per vivere senza baci o abbracci

Le schermate sono state in questi giorni il nostro unico modo di comunicare. Video, foto o video che ti hanno sostituito tutto il resto. Ma per connetterti con qualcuno via Skype o Zoom è nulla di paragonabile a un buon abbraccio. Dobbiamo imparare un nuovo modo di esprimere i nostri sentimenti. Psicologi ifeel ci danno alcune chiavi per affrontare questa nuova realtà:

  • Essere consapevoli che si tratta di una situazione temporanea: anche se non sappiamo esattamente quanto tempo tutto questo, quello che è certo è che, con il tempo, a poco a poco ci arriveremo rilassante e mostrando affetto iran a tornare a poco a poco, senza incorrere in un rischio.
  • Sono possibilità di limitare la visualizzazione di affetto attraverso il tocco: questa pandemia ci ha insegnato che siamo in grado di limitare l’affetto fisico per un po’, anche se non siamo progettati per fare questo.
  • Per imparare da altre culturein alcuni paesi, come la Svezia o Giappone, la gente toccare meno, e mantenere una distanza interpersonale più alta che in altri paesi come la Spagna o l’Italia. Se guardiamo a come farlo, possiamo imparare a relazionarsi ridurre i campioni fisici.
  • Rafforzare il contatto all’interno della casa: quando usciamo, dobbiamo essere più lontana con le persone al di fuori. Ma a casa, con i bambini, per esempio, abbiamo bisogno di mantenere il achuchones, baci e abbracci, che sarà eventualmente essere il solo a quelli che la ricevono.
  • Spiega ai bambini la nuova situazione: alcuni bambini hanno cominciato questa settimana o cominceranno la prossima settimana la scuola. È molto importante per spiegare in modo chiaro, usando un linguaggio che è facile per loro capire, come si comportano e perché è importante mantenere allontanamento sociale.
  • Accettare che non possiamo toccarein alcuni casi, il fatto di non essere in grado di toccare l’altro, può provocare frustrazione. Ma passiamo fasi, e questo significa che possiamo iniziare a relazionarsi con gli altri, non è sinonimo che possiamo fare come ci piace. Possiamo iniziare con l’assunzione di una passeggiata all’aria aperta con gli amici e di essere chiari su come sarà l’incontro e che cosa possiamo fare e cosa non. Per gli psicologi”, se ci sforziamo di seguire i consigli che stiamo andando a prendere molto meno tempo per arrivare dove vogliamo.”
  • Mantenere il il contatto con la casa e la distanza con l’esterno: al momento di uscire per la strada e ci troviamo con altre persone, c’è quella di mantenere la distanza consigliata. Dobbiamo prestare attenzione e mantenere un po ‘ avviso che ci aiutano a rilassarsi. Indossare una maschera, non un abbraccio ad un amico che molto tempo fa che noi non vediamo, di mantenere la distanza, se siamo a casa di qualcuno, ecc .. Tutto questo ci aiuterà ad affrontare meglio.
  • Contenere gli impulsi affettuoso: questo è particolarmente importante per le persone che sono più inclini a manifestazioni fisiche di affetto, perché può generare disagio o fastidio, anche se ci saranno alcuni che non costi tanto, perché sono più lontani.
  • Ricerca alternative per gli schermi: ci vedi attraverso gli schermi, è stato il principale modo di comunicare. Ma, come ricorderete dal ifeel, non è il solo. Siamo in grado di utilizzare il telefono, semplicemente lo scambio di messaggi o a contatto di in persona, mantenere la distanza. Un altro segno di affetto è per fare un regalo (fiori, un libro, cibo, ecc), una dimostrazione di affetto che gli altri non potranno che apprezzare. Per gli psicologi, la cosa importante è che, qualunque sia il mezzo di comunicazione, mettere su un po ‘ di creatività e, diciamocelo.
  • Focus sul positivo: anche se non siamo in grado di abbracciare in molti casi, non è facile, dobbiamo pensare positivo da parte di tutti: non siamo più come due mesi fa, bloccato in casa e non uscire per niente o essere con chiunque. Almeno, riconoscono gli esperti, “siamo in grado di vedere di persona.”

Questa piccola guida ci può aiutare ad affrontare meglio la mancanza di contatto e di più se il risultato dello studio della Scienza è vera e la necessità di mantenere allontanamento sociale può richiedere fino a due annifino all’anno 2022, anche se con periodi di relax a prevedere che potrebbe essere un virus stagionale.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter