L'eiaculazione femminile esiste (anche se non come nei film)

L’eiaculazione femminile esiste (anche se non come nei film)

La ‘squirt’ esiste davvero o è un’invenzione provocata da quella mania di confrontare continuamente la sessualità maschile con il sesso femminile? Il mito delle donne espellere la propulsione liquida al momento dell’orgasmo è stato convenientemente inventato e esagerato dal cinema porno per ottenere una spettacolarità che spesso cade in parodia e ridicolo, come da un fonte di pressione deve essere trattata. Tuttavia, non si può negare che l’orgasmo femminile spesso comporta secrezioni. Possiamo includerli entro il termine tecnico di eiaculazione?

A parere dello psicologo e sessuologo Alfonso Antona, “l’eiaculazione femminile non esiste. E fingendo di confrontare l’eiaculazione maschile con quella femminile è un altro esercizio di machismo. I fluidi che alcune donne possono produrre al momento dell’orgasmo non hanno nulla a che fare con i maschi sia nella composizione fisiologica che nei processi di risposta sessuale.” La collega psicologa e sessuologa Carme Sonchez Martàn è d’accordo sul fatto che non hanno nulla a che fare con “perché sono due risposte diverse e non devono essere costantemente confrontate. Nel caso della donna, non deve essere sempre collegato all’orgasmo, per esempio.”

Le opinioni dei sessuologi sono come divise tra le donne stesseche si distinguono tra coloro che “credono che non ci sia eiaculazione (intesa come propulsione di un fluido durante l’orgasmo o sensazione di un maggiore senso di umidità che arriva a schizzare al momento del climax), coloro che ritengono di perdere urina quando espellere liquido al momento dell’orgasmo e coloro che pensano che l’eiaculazione femminile sia un fenomeno comune e naturale.”

Recenti studi sull’argomento

Questo è riportato da Francisco Cabello, medico, psicologo e sessuologo, nella sua relazione Contributi allo studio dell’eiaculazione femminiledove spiega che, in effetti, questo fenomeno non è una leggenda urbana: “Nella nostra pratica nella terapia sessuale, troviamo donne la cui domanda è legata all’emissione di liquido tramite percorso genitale durante l’orgasmo. Tale fluido emesso può essere urina (incontinenza urinaria) o un fluido diverso, che esaminando le trenta pubblicazioni relative al soggetto, la maggior parte degli autori si riferiscono a “eiaculazione femminile”.

Nel suo team partono dalla base che la maggior parte delle donne eiaculare“ci sono variazioni nella quantità di liquido emesso e/o eventualmente nella direzione dell’emissione”. Cioè, “crediamo che sia molto possibile che coloro che non percepiscono alcun tipo di espulsione di liquido in orgasmo è perché il prodotto della ‘prostata femminile’ è molto scarso o perché il fluido è diretto retrogrado verso la vescica, come accade nella retr eiaculazione ograda un alcuni maschi.

Ippocrate e Gale già descritto

La loro ricerca si basa su prove di composizione tra urina e liquido post-orgasmico per i ricercatori di tutto il mondo e anche in Ippocrate e Galen, che all’epoca parlavano di sperma femminile, come De Graaf nel 1672 già “postulato l’esistenza della femmina ‘prostatee’ o ‘corpus glandulosum’ che, secondo lui, ha segregato un succo che ha reso la donna più libidinosa”.

Per Cabello, l’impresa più importante è stata quella eseguita da “Grafenberg (1950), che ha voluto dimostrare la presenza di un’area (attualmente chiamata punto G) nella metà della parete anteriore della vagina, la cui stimolazione avrebbe portato all’emissione di un liquido momento orgasmo.

È interessante notare che Alicia Gallotti, una scrittrice specializzata in libri di sessualità, pensa, per quanto riguarda l’eiaculazione femminile, la stessa per quanto riguarda il punto G: “Se pensi di eiaculare, mi sembra già giusto; anatomicamente non c’è una risposta valida, ma dal momento che il cervello è il principale organo sessualequesto è ciò che conta. Quello che succede è che alcune donne emettono più fluidi rispetto ad altre quando hanno un orgasmo, che dipende da ogni organismo.”

Presenza di PROSTATE Antigen in Women’s Urine

Il fatto è che abbiamo dovuto continuare a ricercare la risposta sessuale femminile, e questo è ciò che Francisco Cabello ha fatto analizzando “il fluido emesso al momento dell’orgasmo da quelle donne del nostro segno che pretendono di eiaculare. Al fine di stabilire somiglianze e differenze con l’urina post-orgasmica, la presenza di PSA è stata misurata e si è scoperto che “il PSA medio nell’urina post-orgasmica era 0’09 ng/ml, quando in teoria le donne non producono PSA.

E l’acido citrico, scarso ma presente nell’eiaculazione, suggerisce che il suo fluido è diverso dall’urina. Anche se restano ancora alcuni dubbi da risolvere, Cabello suggerisce la conclusione che “durante l’evento orgasmico, la cosiddetta prostata femminile non è estranea all’eventoemettendo una quantità maggiore o minore di liquido ghiandolare.

Il che significa che molte donne emettono del fluido nella luce uretrale, di solito non troppo, perché la cosiddetta prostata femminile – composta dalle ghiandole uretrali, parauretraera e Skine – assume insieme una superficie di cellule limpide protesi non superiori a un centimetro quadrato. Se le donne rilevano il liquido di cui sopra al momento dell’orgasmo e altri non dipenderanno dalla quantità del fluido o dalla direzione di espulsione”, ma, in qualsiasi forma, hanno già dimostrato che il fluido è rilevabile quando trascinato dal urina post-orgasmica.

Lo schizzo ha sollevato la controversia

Mentre Antona riconosce che “è vero che alcune donne, mediante stimolazione del cosiddetto punto G, possono espellere i fluidi nel periodo di esecuzione o durante l’orgasmo, che è dovuto alla stimolazione di alcuni tessuti di origine embrionale condivisi tra feti di boy e girl”; si teme anche che “gran parte delle controversie su questo tema sia dovuta a film porno in cui squirt è diventata una categoria di tendenza.” “La maggior parte di ciò che si riflette nel porno è falso: trucchi e bugie”, dice Antona.

Carme Sonchez paragona che “nei video porno di squirt succede come nelle eiaculazioni degli uomini, vale a dire: molti ragazzi si chiedono perché non eiaculare tali quantità di sperma, che in alcuni video è esagerato; nel caso dell’eiaculazione femminile si chiedono la stessa cosa. Beh, non fatevi prendere dal panico, Cabello e il suo team concludono che tutte o quasi tutte le donne “ejaculan” durante l’esperienza orgasmica, variando la percezione soggettiva dell’emissione e la quantità di esso. Va bene.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscrivetevi alle nostre newsletter

Controlla anche

Eiaculazione precoce: disturbo psicologico o problema sociale?

Eiaculazione precoce: disturbo psicologico o problema sociale?

Chiunque potrebbe pensare che la presunta esistenza di un’eiaculazione femminile, che abbiamo chiarito in questo …

Flusso marrone: cosa dicono i colori delle secrezioni vaginali sulla nostra salute?

Flusso marrone: cosa dicono i colori delle secrezioni vaginali sulla nostra salute?

Rosana, lettrice e partner di avnotizie.it, ci scrive facendo la seguente richiesta: “Qualche settimana fa …

Riduce il pene con l'età?

Riduce il pene con l’età?

Con l’età molte cose cambiano in tutti gli organismi e in tutti i loro organi …