La Torta del Casar cacereña vince la 'guerra' dei marchi al suo connazionale Estremadura Serena Cheese Extremadura Serena

La Torta del Casar cacereña vince la ‘guerra’ dei marchi al suo connazionale Estremadura Serena Cheese Extremadura Serena

Il Casar de Cáceres è l’unico formaggio spagnolo a cui può essere attribuita la denominazione “torta”, secondo una decisione del Tribunale dell’Unione europea che annulla un’altra decisione dell’Ufficio comunitario della proprietà intellettuale e che risolve temporaneamente – è possibile ricorrere contro la controversia commerciale tra la Torta del Casar e il Queso de la Serena (Badajoz).

Nella regione di La Serena di La Paz, 17 produttori producono anche un formaggio a pasta molle tradizionale che è riuscito a registrare come denominazione commerciale “Torta y Queso de la Serena”.

Ora, il Tribunale europeo ricorda che l’Ufficio europeo della proprietà intellettuale (EUIPO), che ha ammesso la torta Serena, ha evitato di verificare se la “torta” fosse una denominazione tradizionale associata al formaggio del concorrente commerciale, Casar, e che non dovrebbe utilizzarne un’altra. El Casar una volta si oppose alle pretese di La Serena, e ora ha ragione.

Entrambi i prodotti, cacereño (la sua denominazione di origine è del 1999) e pacense (denominazione di origine precedente, 1991), sono molto apprezzati nella regione e il primo viene venduto ad un prezzo più elevato. La Torta del Casar è considerata una delle delizie gastronomiche spagnole, anche insieme al prosciutto iberico di cui in Estremadura esiste una denominazione di origine, Jamón Dehesa de Extremadura.

Ángel Pacheco, presidente della denominazione di origine Torta del Casar, ha espresso a avnotizie.it Extremadura la soddisfazione per la decisione della corte europea, e sebbene abbia detto che i rapporti con l’altra denominazione, Queso de la Serena, sono buoni, credono che fossero nel diritto esclusivo di ‘torta’ poiché “quando hanno approvato la denominazione non hanno messo il nome di torta a lui, è stata la loro scelta, e siamo stati noi quelli che in seguito hanno registrato quella parola come marchio commerciale associato al nostro prodotto”.

“Altri formaggi venivano prodotti e venduti in Spagna con il nome di torta, ma a prezzi più bassi che ci rendono competitivi. Hanno usato etichette simili, ante e presentazione del formaggio, e alla fine hanno usato un marchio registrato da noi.

Nella maggior parte dei casi, aggiunge, il produttore ha rimosso la torta una volta che era stata richiesta per iscritto, come nel caso, ricorda, di un caseificio in Castilla y León. “Ci sono altri produttori di formaggio a pasta molle, qui in Estremadura, che hanno optato per un altro nome commerciale e che ci sembra perfetto.

10% in più

Pacheco aggiunge che le vendite di Torta del Casar quest’anno 2017 aumenteranno del 10% secondo le stime, dell’ordine di 350.000 chili, anche se non si può parlare del numero di pezzi in quanto la tendenza è cambiata e rispetto ai formaggi più piccoli quest’anno la domanda di pezzi medi e grandi è aumentata.

La campagna natalizia concentra buona parte delle vendite della torta di cacereña.

La “frase” europea

Il Tribunale dell’Unione europea (TGEU) ha annullato la decisione dell’Ufficio europeo della proprietà intellettuale che ha accettato come marchio registrato Queso y Torta de La Serena’ di Badajoz, nonostante l’opposizione di Torta del Casar’ da Cáceres, secondo l’agenzia Efe.

Secondo la sentenza dei giudici del TGUE, l’ufficio della proprietà intellettuale “ha illegalmente omesso di esaminare (….) se il termine ‘torta’ fosse un nome tradizionale non geografico”, spiega il tribunale lussemburghese.

I fatti risalgono al dicembre 2011, quando il Consiglio Regolatore della Denominazione di Origine Protetta Formaggi Serena, con sede a Badajoz, ha depositato la domanda di registrazione come segno distintivo della legenda “Formaggio e dolce di La Serena”.

Nel marzo 2012, il Consejo Regulador de la Denominación de Origen Torta del Casar, con sede a Cáceres, si è opposto alla registrazione, sulla base di due marchi anteriori e una denominazione d’origine. Questa organizzazione con sede a Caceres fa riferimento al marchio figurativo UE per i formaggi a denominazione di origine “Torta del Casar”, al marchio registrato spagnolo per i formaggi “Torta” e alla denominazione di origine protetta (DOP) “Torta del Casar”, registrata per i formaggi.

L’Ufficio europeo della proprietà intellettuale ha respinto l’opposizione e il successivo ricorso in quanto la DOP Torta del Casar è composta dal termine “torta”, che descrive la forma del prodotto (arrotondata e appiattita) e dall’indicazione geografica “del Casar”, che identifica “la località o la zona di produzione di questi formaggi”, ossia Casar de Cáceres.

Egli ha escluso la possibilità che il termine “torta” possa “costituire una denominazione tradizionale e protetta” perché il Consejo regulador de la Torta del Casar non ha basato la sua argomentazione sull’esistenza di una “denominazione tradizionale”.

Il termine “torta”

L’organismo dell’UE ha aggiunto che il termine “torta” si riferisce semplicemente alla forma arrotondata e appiattita di un formaggio e che “questo fatto non è legato alla produzione di quell’alimento in una data zona”, ha ricordato il TGEU.

Inoltre, secondo l’EUIPO, “l’elemento geograficamente rilevante di ‘del Casar’ difficilmente poteva venire alla mente del consumatore quando vede il marchio (…..) ‘de La Serena’.

Il Tribunale dell’Unione europea ritiene che tale interpretazione sia illegale, in quanto l’EUIPO avrebbe dovuto considerare il carattere “denominazione tradizionale non geografica” del termine “torta”.

Una DOP può anche consistere in una denominazione tradizionale non geografica che designa un prodotto alimentare originario di una regione o di un particolare luogo che presenta fattori naturali omogenei che lo delimitano rispetto alle zone limitrofe, ha ricordato la Corte. Contro questa sentenza del Tribunale dell’UE, entro due mesi può essere proposto ricorso in cassazione dinanzi alla Corte di giustizia dell’UE.

Controlla anche

Sei pro e cinque contro dell'aspirapolvere

Sei pro e cinque contro dell’aspirapolvere

A seguito dell’articolo Tre must per entrare nella cucina del 21° secoloin cui abbiamo presentato, …

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Simona, lettore e partner di avnotizie.it, ci scrive spiegandoci il seguente problemaHo una stanza in …

Dieci vini bianchi che vi faranno riconciliare con il DO Rioja

Dieci vini bianchi che vi faranno riconciliare con il DO Rioja

Forse crediamo che la DOC Rioja non possa più sorprenderci perché è quella che abbiamo …