Sono numerose le condizioni che possono danneggiare i nostri occhi e, quindi, la nostra capacità di vedere bene. Una volta danneggiati, possono essere nuovamente “curati”? Glaucoma, degenerazione maculare, ipermetropia, miopia o affaticamento degli occhi sono i più comuni. Alcuni possono essere invertiti, Ma non tutto.

Se hai già compiuto 45 anni, hai molti numeri per avere il vista stanca, chiamata anche presbiopia. Secondo i dati del Consiglio generale degli ottici-optometristi (CGOO), colpisce l’81% degli spagnoli di questa età e il 98% nel caso delle persone di età superiore ai 65 anni.

Le cifre, lungi dal diminuire, indicano un certo aumento, più della metà della popolazione in meno di dieci anni. La vista stanca è un processo degenerativo naturale direttamente correlato all’invecchiamento che ci rende difficile avere una visione ravvicinata.

Questo difetto di rifrazione è dovuto a perdita di elasticità della lente, la lente naturale dell’occhio che consente di mettere a fuoco le immagini a diverse distanze. Nel corso degli anni, i nostri obiettivi devono mettere a fuoco per vedere gli oggetti da vicino, come la lettura, e devono fare il possibile.

Questa parte agisce come se fosse uno “zoom” di una macchina fotografica. Più una persona è giovane, più è flessibile. Invecchiando, la lente diventa più rigida e la capacità di contrarsi si riduce. Come la cataratta, l’affaticamento degli occhi appare a causa dell’invecchiamento di questa parte dell’occhio, che è essenziale per una visione chiara e nitida.

L’affaticamento della vista non può essere prevenuto o invertito perché, come abbiamo visto, è legato agli anni e, in molti casi, è intrinseco all’età. Gli esercizi per gli occhi non possono riparare o prevenire la rigidità della lente che causa la presbiopia. Nemmeno l’uso di vetri lenticolari.

Sì, può succedere che lo sia un processo intermittente, vale a dire che in alcune persone migliorano e riacquistano la capacità di concentrazione, ma poi peggiorano di nuovo dopo i primi sintomi (visione offuscata degli oggetti vicini, necessità di spostare un libro, mal di testa, ecc.).

Se hai la miopia, non noterai la presbiopia tanto o non appena compare di solito in seguito. Essendo un problema refrattario, è facile correggerlo. Il modo più semplice per trattarlo è l’uso di occhiali o lenti.

Ma mentre non possiamo prevenire la presbiopia, così come non possiamo prevenire l’invecchiamento, alcuni passaggi possono migliorare la nostra salute visiva e diminuire la velocità con cui peggiora:

La miopia è forse il difetto visivo più conosciuto. È facile da capire In cosa consiste: Non vediamo oggetti ben distanti, ma li vediamo da vicino. A differenza dell’affaticamento degli occhi, che è correlato all’età, la miopia può manifestarsi già durante l’infanzia, e lo fa sempre più in giovane età.

est difetto oculare refrattario Colpisce già il 10% dei bambini di 8 anni, il 60% degli adolescenti, l’85% dei giovani tra i 22-25 anni e il 35% degli adulti tra i 40 ei 65 anni, secondo i dati della Società Spagnola di Miopia. Può accadere che, con il passare degli anni, si stabilizzi.

C’è una falsa convinzione che la miopia possa essere curata con gli esercizi. Ma non è una malattiaÈ un difetto refrattivo congenito che non può essere prevenuto o curato; Può essere corretto solo con occhiali, lenti a contatto e chirurgia refrattaria, soluzioni che non trattano il problema ma anzi gestiscono il sintomo.

Non esiste un metodo collaudato per accorciare la lunghezza del bulbo oculare. Una volta che l’occhio inizia a diventare troppo grande, l’allungamento non può essere invertito. Ma ci sono alcune misure preventive che possono aiutarci a tenerlo sotto controllo:

Alcuni gli esercizi promettono di ridurre la miopia, ma non ci sono prove scientifiche della sua efficacia. In Cina, un paese con alti tassi di miopia, gli “esercizi per gli occhi” fanno parte della politica nazionale nelle scuole da più di 50 anni. Ma recenti ricerche mostrano che questi esercizi non aiutano a preservare o migliorare la vista.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter