La giustizia dell'UE si pronuncia a favore della Torta del Casar contro Queso de la Serena

La giustizia dell’UE si pronuncia a favore della Torta del Casar contro Queso de la Serena

Il Tribunale dell’Unione Europea (TGUE) ha annullato oggi la decisione dell’Ufficio Europeo della Proprietà Intellettuale (EUIPO) che ha accettato come marchio registrato “Queso y Torta de La Serena” di Badajoz nonostante l’opposizione della “Torta del Casar” di Cáceres.

Secondo la sentenza odierna dei giudici del TGEU, l’EUIPO “ha illegalmente omesso di esaminare (…..) se il termine “torta” fosse una denominazione tradizionale non geografica”, ha dichiarato in una dichiarazione il tribunale con sede in Lussemburgo.

I fatti risalgono al dicembre 2011, quando il Consiglio Regolatore della Denominazione di Origine Protetta “Queso la Serena”, con sede a Badajoz, ha depositato una domanda di registrazione come segno distintivo della leggenda “Queso y Torta de La Serena” di Badajoz.

Nel marzo 2012, il Consiglio Regolatore della Denominazione di Origine “Torta del Casar”, con sede a Cáceres, si è opposto alla registrazione, basata su due marchi precedenti e una denominazione di origine.

Questa organizzazione con sede a Caceres ha fatto riferimento al marchio figurativo UE per i “Formaggi a denominazione di origine “Torta del Casar”, al marchio registrato spagnolo per i formaggi “Torta” e alla denominazione di origine protetta (DOP) “Torta del Casar”, registrata per i formaggi.

L’EUIPO ha respinto l’opposizione e il successivo ricorso per il fatto che la DOP “Torta del Casar” è composta dal termine “torta”, che descrive la forma del prodotto (arrotondata e appiattita) e dall’indicazione geografica “del Casar”, che identifica “la località o la zona di produzione di tali formaggi”, ossia “Casar de Cáceres”.

L’Ufficio della proprietà intellettuale dell’UE ha escluso che il termine “torta” possa “costituire una denominazione tradizionale e protetta” perché il Consiglio Regolatore della “Torta del Casar” non ha basato la sua argomentazione sull’esistenza di una “denominazione tradizionale”.

L’organismo dell’UE ha aggiunto che il termine “torta” si riferisce semplicemente alla forma arrotondata e appiattita di un formaggio e che “questo fatto non è legato alla produzione di quell’alimento in una data zona”, ha ricordato il TGEU.

Inoltre, secondo l’EUIPO, “l’elemento geograficamente rilevante di ‘del Casar’ difficilmente poteva venire alla mente del consumatore quando vede il marchio (…..) ‘de La Serena’.

Il Tribunale dell’Unione europea ritiene che tale interpretazione sia illegale, in quanto l’EUIPO avrebbe dovuto considerare il carattere “denominazione tradizionale non geografica” del termine “torta”.

Una DOP può anche consistere in una denominazione tradizionale non geografica che designa un prodotto alimentare originario di una regione o di un luogo specifico con fattori naturali omogenei che lo delimitano rispetto alle zone limitrofe, ha ricordato la Corte.

Contro tale sentenza del Tribunale dell’Unione europea può essere impugnata in cassazione dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea entro due mesi.

Controlla anche

Sette menu súpersencillos di cottura per vivacizzare la seconda settimana

Sette menu súpersencillos di cottura per vivacizzare la seconda settimana

Continuiamo con la corsa dei tori tirando la creatività degli chef Branly Coy per non …

Sei pro e cinque contro dell'aspirapolvere

Sei pro e cinque contro dell’aspirapolvere

A seguito dell’articolo Tre must per entrare nella cucina del 21° secoloin cui abbiamo presentato, …

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Simona, lettore e partner di avnotizie.it, ci scrive spiegandoci il seguente problemaHo una stanza in …