La fobia del Natale: sette consigli per convivere con il rifiuto di questa festa

La fobia del Natale: sette consigli per convivere con il rifiuto di questa festa

“Non mi piace il Natale”, “Odio il Natale”, “Sono depresso dal Natale”ecc. Sono frasi frequenti che possiamo sentire da molte persone durante il periodo dell’anno in cui stiamo entrando. Possono rispondere a un rifiuto filosofico delle feste di carattere marcatamente consumistico, che hanno perso il loro carattere cerimoniale e sacro. Ma non di rado rispondono alla sofferenza reale di chi li pronuncia, che entrano in una sorta di blues natalizio.

Non invano, l’esistenza del personaggio del Grinch, nel racconto tradizionale di Theodor Seuss, denota il persistere di una fobia di queste vacanze radicata in una parte della nostra personalità. Nella storia e nel film successivo, un personaggio verde e mostruoso ruba il Natale ad altri esseri normali perché odia ciò che simboleggia. Questo furto incarna il rifiuto da parte di chi si sente diverso (il Grinch è un essere diverso e grottesco) della felicità dei cosiddetti “normali”.

Tolstoj ha detto che tutte le famiglie felici si assomigliano, ma ogni famiglia infelice è felice a modo suo. In altre parole, le persone infelici si sentono diverse e vedono i felici come una massa uniforme. Ecco perché in questi tempi che enfatizzano la felicità sociale, sia reale che finta, possono esserci una serie di disturbi affettivi per contrasto e che ricadrebbero sotto quella che chiameremmo depressione natalizia.

Esiste davvero una cosa come il blues natalizio?

Come ha spiegato nel 2017 in una conferenza al Collegio Ufficiale di Psicologia di Castiglia e Leon, con sede a Burgos, la psicologa Maria Rosa AraguzoAnche se si chiama “depressione natalizia”, questo disturbo esiste – anche se preferisce essere chiamato “depressione natalizia” – ma può avere una varietà di cause. Tra questi cita la perdita di una persona cara e non necessariamente negli ultimi tempi. Così, il ricordo del Natale passato con la persona perduta ci provoca dolore e malinconia in varia misura. Naturalmente, con il passare degli anni il dolore può essere minore, ma anche può diventare cronica e con essa la malinconia in questo momento.

Un’altra supposizione che la psicologa ha fatto nel suo discorso è stata la relativa solitudine delle persone care da cui ci siamo allontanatiPer qualsiasi motivo, e che si nota soprattutto nei festeggiamenti, così come la stessa solitudine quando ci si trova lontani dai propri cari, per esempio trascorrendo il Natale in un paese che non è il nostro. Inoltre, aggiungeva la malinconia del passato, l’idea che qualsiasi Natale passato fosse migliore e più felice, soprattutto quello dell’infanzia.

Precisamente il confronto con l’infanzia perduta e l’eccezionalità di queste date, che lasceranno il posto a un altro ciclo annuale, influenzano riflessioni sulla vita personale e familiare che non sempre danno risultati soddisfacenti. “Pensavamo che il Natale del passato fosse felice, perché avevamo dei figli, o perché avevamo altre caratteristiche”, ha detto lo specialista. È chiaro che, molto spesso, la memoria selettiva porta a idealizzare il passato.

La pericolosa “valle del Natale”

Altri specialisti preferiscono non parlare di depressione in senso clinico, ma ritengono che se la persona ha sofferto in precedenza di disturbi e problemi di vario tipo, sia endogeni che dovuti a circostanze della vita, In questo periodo festivo, c’è quella che chiamano “Christmas Valley”.Questo è un periodo pericoloso in cui il dolore psichico può essere aggravato da diverse cause. Uno di questi sarebbe il contrasto con l’apparente felicità degli altri, che genererebbe una sorta di fobia che inizierebbe già con l’accensione delle prime luci nelle città e l’apparizione degli alberi di Natale.

Questi atti – che sono in grado di migliorare il rapporto tra vicini e, nella maggior parte dei casi, agiscono come stimolatori dell’umore – sarebbero come la chiave di attivazione per l’inizio dell’emergenza in persone con problemi precedenti. Un’angoscia che avrebbe il suo culmine il giorno di Natale e il giorno di Capodanno, quando tutto è fermo e non c’è altro da fare se non riflettere sui problemi. Ma sono indicate anche le cause esterne, come la minore illuminazione giornaliera, che porta a ciò che è noto come disturbo affettivo stagionale dovuto alla diminuzione della secrezione di serotonina.

In breve: possiamo tutti avere motivo di essere tristi un Natale o altri, e a volte per diversi anni, ma il vero pericolo non è tanto questa tristezza, ma come essa possa approfondire in noi in un momento in cui siamo particolarmente fragili emotivamente, sia per motivi clinici che per il dolore.

Consigli per vivere con il blues a Natale

Per combattere la tristezza o la fobia del Natale, o almeno per evitare che si ammacchi troppo il nostro umore, ecco alcuni consigli:

  • Andare in viaggioQuando il rifiuto del simbolismo natalizio è molto grande, o se siamo persone sole, un viaggio in un paese del sud o non cristiano può aiutarci a disinnescare il problema.
  • Fare attività comuni in coppia o in famiglia fuori casaDall’organizzazione di una gita nei musei o di una maratona di film, a brevi escursioni, spuntini, shopping, ecc.
  • Trascorrere il giorno di Natale a piediNon dobbiamo andare al pasto della famiglia se ci sentiamo male, e possiamo mangiare in un ristorante in campagna, per esempio.
  • Aumentare l’esercizio fisicoSport: che si tratti di andare in palestra o di fare passeggiate o di correre, lo sport è un ottimo modo per promuovere la secrezione di serotonina e di altre sostanze che migliorano l’umore.
  • Non rimanere inattivoCi sono numerose serie da vedere, possiamo anche cucinare ricette difficili, fare degustazioni di vino o cogliere l’occasione per dipingere una stanza o restaurare un mobile, ecc.
  • Partecipare ai preparativiSe non riusciamo ad aggirare le feste di famiglia, non dovremmo mai stare lontani dai preparativi, perché questo ci causerà più dolore.
  • Se siamo soli, dovremo aumentare la frequenza delle attività all’esterno, poiché ogni scusa è buona per uscire di casa, incontrare persone e smettere di pensare ai problemi.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Come rimuovere i trialometani dall'acqua di rubinetto in modo semplice e veloce

Come rimuovere i trialometani dall’acqua di rubinetto in modo semplice e veloce

Ieri abbiamo pubblicato l’articolo Trihalometani: C’è un rischio di cancro dovuto all’acqua del rubinetto?Facevamo eco …

Trihalometani: C'è un rischio di cancro dovuto all'acqua del rubinetto?

Trihalometani: C’è un rischio di cancro dovuto all’acqua del rubinetto?

Vem, lettore di avnotizie.it, fa la seguente richiesta in una e-mailSalve, sono un lettore del …

Perché alcune persone sono sempre in ritardo?

Perché alcune persone sono sempre in ritardo?

Il mondo potrebbe essere diviso in due grandi gruppi: quelli che arrivano in orario e …