Ingrandimento del pene: miti e rischi che dovresti sapere se ci pensi

Ingrandimento del pene: miti e rischi che dovresti sapere se ci pensi

Partiamo dalla base che si deposita, categoricamente, lo psicologo, il sessuologo e antropologo Alfonso Antona: “Le tecniche per l’ingrandimento o l’ispessimento del pene sono, per la maggior parte, una stufa; l a promettere un pene allargato per avere una vita sessuale migliore è come la promessa di buoyants che vendono afrodisiaci: ciarlatania.”

Corrobora Eduard Garcàa Cruz, urologo specializzato in Medicina Sessualeche si fida solo degli estensori e, infine, nell’intervento chirurgico, perché “con le pillole e gli estratti delle piante che allungano il pene si ottengono molti scuotimento dei capelli, è rigorosamente falso al lavoro. Ci sono anche programmi di esercizi per allungare il membro sostenuto dalla stessa garanzia scientifica del mito che allungare il nostro pene dopo il miccionar alla fine crescerà. Gli esperti sottolineano che è particolarmente preoccupante che ci siano persone che cercano di dimostrare la sua efficacia.

Inoltre, Antona non è più a favore di metodi ortodossi: “le tecniche chirurgiche non sono prive di rischi, né quelle che utilizzano estensori, aspirapolvere o pesi”. Il sessuologo afferma che “nella migliore delle ipotesi, uno o due centimetri possono essere aumentati, che saranno visibili solo con il pene flaccido, perché nell’erezione non otterrai un millimetro in più”.

Internet e i miti del grande fallo

A più di uno può essere sorpreso da queste affermazioni, dal momento che Internet è pieno di testimonianze di uomini che sostengono che i trattamenti miracolosi di alcuni siti web hanno cambiato il hanno cambiato il i loro partner sono finalmente sessualmente soddisfatti. Beh, il sessuologo osa assicurarvi che al massimo tutto sarà il risultato di un’auto-stimolazione psicologica, una sorta di effetto sessuale placebo, dal momento che “la dimensione dei corpi spugnosi e cavernosi non può essere allungata e la dimensione del pene eretto sarà la stessa con o senza allungamento.

Allora perché la pratica commerciale funziona, sia fisicamente che chirurgicamente? Come antropologa, Antona sostiene che “un discorso falocentrico è stato rafforzato ; possiamo trovare immagini di peni dipinti su pareti dell’antica Roma, sculture in tombe vietnamite o porte del bagno pubbliche in qualsiasi parte del mondo.” Secondo lui, “il pene rappresenta il potere, uno strumento, un’arma o uno strumento con cui sottomettere donne e uomini – in alcune culture – un ariete con cui abbattere le porte…”

Il pene è configurato come simbolo vatocentrico e patriarcale con il quale la dimensione sembra essere legata al grado di potere: nell’immaginario collettivo l’idea si afferma che maggiore è la dimensione, maggiore virilità, più potenza”. Non è quindi strano, entrambi gli esperti riferiscono che nella rete riverbera l’eco di questa concezione ancestrale, che sebbene non sia legata al piacere coitale, almeno dal punto di vista fisico. 

Dimensioni insufficienti o dismorfobia?

Questo è spesso confermato da Garcoa Cruz nella sua consultazione del Serrate & Ribal Institute of Urology: “il problema è che fa parte del costrutto maschile; per quanto tu spieghi loro che le dimensioni non contano, che le donne non sono delle dimensioni del pene che li eccita di più, ti dicono che anche prendendolo vogliono avere più grande.”

Questa ossessione di alcuni uomini potrebbe essere spiegata in ciò che lo psicologo attribuisce a una possibile immagine del disturbo psicologico: “la maggior parte delle persone che cercano di allungare il pene probabilmente soffrono di dismofobia per la quale soffrono di dismofobia per il quale soffrono di una dismofobia per il quale soffrono di una dismofobia per il quale soffrono di una dismofobia[19455005] per il quale soffrono di una dismofobia per la quale soffrono di dismofofobia[19459005″percepisconodiavereunpenepiùpiccolodiquellocheinrealtàhannoPertantosiaAntonacheGarciaraccomandanoprimadioptareperuninterventochirurgicoconsultareunprofessionistadellasalutementaleodellasessuologia

Essi sostengono che con il loro consiglio, tra le altre cose, capiranno che auto-piacere o piacere condiviso non ha nulla a che fare con la dimensione o la lunghezza di un pene e che ci sono maschi con peni sopra le calze che hanno difficoltà a dare e ottenere Piacere. “Molti sono sorpresi quando spiegato che la vagina (che non vulva) è flessibile, si adatta quasi a tutte le dimensioni, e quelli molto grandi sono spesso respinti da fastidioso,”, aggiungono. D’altra parte, il dotto vaginale è sensibile solo nel suo terzo esterno.

Estensori meglio di un intervento chirurgico (se decidiamo)

In ogni caso, se (nonostante tutto quanto sopra) l’idea di vincere qualche centimetro è ancora mantenuta, l’urologo raccomanda gli estensori: “anche se le persone hanno un intervento chirurgico in mente, fino ad oggi il più efficace è il meccanismo di trazione del peneun estensore che, secondo vari studi, dimostra che si ottengono buoni risultati che lasciano l’intervento chirurgico in un secondo posto molto lontano, senza passare attraverso la sala operatoria e risparmiare il costo dell’operazione”.

Ora, è meglio armarti di pazienza perché “devi essere molto costante per ottenere un guadagno di soli due centimetri; devi indossarlo ogni giorno per almeno un paio d’ore, è come andare in palestra: devi andare almeno sei giorni alla settimana. Può essere fatto a casa tranquillamente sdraiato sul divano e facendo solo questo; di solito lo fanno mentre guardano la TV di notte, perché un altro momento del giorno in cui non devi muoverti è complicato, non vale la pena stare seduti a lavorare.”

Naturalmente, vale più la pena trascorrere tre mesi con un dispositivo aggrappato che entrare in una sala operatoria o mettere su una protesi, che, a parere dell’esperto, “sono un’avventura chirurgicaanche se alcuni fanno i loro calcoli e pensano, ‘se aggiungo fino al mio dieci centimetri due centimetri, avrò dodici; l’anno successivo lo aumento e sarà quattordici, ecc.” L’urologo spunta questo pensiero di errore.

I rischi di chirurgia

Recalca Garcàa Cruz: “La chirurgia dovrebbe essere considerata sperimentale, quando vi viene detto che si allungherà fino a cinque centimetri, mancano studi controllati al fine di definire il rischio-beneficio di chirurgia allungamento. Inoltre, con questa dismorfofobia menzionata sopra ingannando l’aspetto, “95% degli uomini che chiedono un allungamento hanno un pene di dimensioni normali, e con l’operazione lo si mette ad un certo rischio in cambio di un beneficio incerto”.

Ecco perché nella sua consultazione dice che cerca di modulare le aspettative del paziente: “Considero essenziale che capisca bene i rischi, che sia consapevole di tutte le conseguenze”. Lo paragona alle protesi al seno femminile: “è chirurgia estetica, la differenza è che con loro il beneficio a lungo termine è molto ben consolidato e in allungamento che non esiste”. Pertanto li raccomanda: “Non hanno un intervento chirurgico, ma se si vuole, si dispone di un intervento chirurgico da un urologo con un sacco di bagagli perché è un intervento chirurgico che di solito dà problemi di erezione in seguito.”

A volte, anche i pazienti richiedono un ispessimentoche non è esattamente migliore, Antona consiglia: “l’ispessimento è più complicato perché comporta l’infiltrazione di qualche sostanza sintetica o grasso stesso e la complicazioni come la fibrosi sono relativamente comuni.” Nelle parole dell’urologo e del chirurgo: “materiale viene aggiunto al pene che, se non collocato omogeneamente, può causare malformazioni

Aggiunge anche che “non è una tecnica semplice e dà problemi, ecco perché si vedono così tanti disastri chirurgici”. E ancora una volta Garcoa sottolinea che “la cosa peggiore è che si guadagna poco, così si deve cercare un chirurgo molto esperto in chirurgia genitale e limitarlo a casi molto selezionati, come i pazienti affetti da alcune malattie, quello di Peyronie per esempio, che fanno “ottenere ottimi risultati.” Per tutti gli altri, Garcàa Cruz insiste sul fatto che “il rischio-beneficio è dubbio”. 

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscrivetevi alle nostre newsletter

Controlla anche

Flusso marrone: cosa dicono i colori delle secrezioni vaginali sulla nostra salute?

Flusso marrone: cosa dicono i colori delle secrezioni vaginali sulla nostra salute?

Rosana, lettrice e partner di avnotizie.it, ci scrive facendo la seguente richiesta: “Qualche settimana fa …

L'eiaculazione femminile esiste (anche se non come nei film)

L’eiaculazione femminile esiste (anche se non come nei film)

La ‘squirt’ esiste davvero o è un’invenzione provocata da quella mania di confrontare continuamente la …

Riduce il pene con l'età?

Riduce il pene con l’età?

Con l’età molte cose cambiano in tutti gli organismi e in tutti i loro organi …