"Il vino implica l'amore per il locale che si perde in questa Europa neoliberale"

“Il vino implica l’amore per il locale che si perde in questa Europa neoliberale”

Joan C. Martàn (Valencia 1953), autrice della fantastica guida ‘Los Supervinos 2016; la guida del supermercato, è molto più di un prestigioso enologo e un bravo scrittore. Ci troviamo di fronte a un saggio eclettico e a un umanista ardente che comprende il vino in modo integrale, dalla terra dove l’uva germoglia all’ambiente sociale dove si trasforma, in modo ancestrale, nel prodotto che raggiunge il consumatore. Per questo motivo, apprezza qualcosa in apparenza prosaica come un vino lineare supermercato con lo stesso amore, e serietà, con cui altri meditano i brodi delle colture più squisite.

Come risultato di questa passione per lo sforzo e la tradizione che ogni bottiglia respira, nasce una letteratura certa e divertente, che spiega in modo semplice ma emozionante, i risultati che in un anno l’autore ha fatto nei diversi supermercati in Spagna. Pagina per pagina, Martàn scopre la magia di ciascuno dei 118 ‘supervinos’ che ci consiglia per meno di 6,99 euro, e anche dei 32 ‘megavinos’, scoperti ad un prezzo inferiore a 14,99 euro.

Per chi non conosce le precedenti edizioni di questa guida, ‘Los Supervinos 2016; la guida del supermercato sarà una ricca scoperta, non solo per scoprire buoni vini a prezzo regaloma anche per godere di piccoli pezzi di prosa eccellente, focalizzata sulla spiegazione delle ragioni di tale Consigli. 

Il settore vinicolo dei supermercati in Spagna non ha tradizionalmente avuto una grande offerta… com’è oggi?

È vero che tradizionalmente al supermercato si potrebbe trovare il “fare-re-mi-fa-sol” dei vini: una coppia di Rioja, alcuni Ribera del Duero e forse un bianco di pennadini, la Viàa Sol per esempio. Ma fortunatamente, questo paesaggio è cambiato da alcuni anni, e lo fa così veloce.

La ragione è che i maestri di acquistare le aree principali sono intelligenti e vedere che sulla strada la gente va a comprare il vino alle enoteche e consultare e chiedere al commerciante per cose nuove. Di conseguenza, hanno deciso di seguire un po’ questo modello e di offrire una varietà di denominazioni di origine. Detto questo, c’è ancora molta strada da fare fino a quando non vediamo l’offerta che possiamo trovare in Francia.

I supermercati hanno un ruolo di insegnante proprio come le enoteche?

In una certa misura sì, perché il consumatore ha accesso a nuove denominazioni e diverse varietà di uva, a vini di invecchiamento o di riserva, ecc. Ma questo effetto pedagogico, che in Spagna è molto necessario perché siamo un paese con pochissima cultura del vino, almeno in relazione alla nostra produzione, è ostacolato dagli interessi finanziari degli stessi supermercati. Hanno un business e il loro scopo è quello di pagare il deprezzamento, così alla fine nel lineare ci sarà sempre più presenza dei best sellerche non sono necessariamente quelli che piacciono a tutti.

Oltre a questo effetto di uniformamento, c’è il problema di come grandi aree entrano nel settore vitivinicolo: l’acquisto di aziende vinicole per fare la propria produzione, spesso con una standardizzazione del processo che rimuove tutta la scintilla al prodotto, o premendo per ottenere prezzi anormalmente bassi. Questa pressione significa che talune denominazioni di origine di grande interesse non possono essere nel caso in quanto la loro produzione è limitata. Il gioco del vino super-economico può essere giocato solo da aree che danno molti ectolitricome Castilla la Mancha o Valdepeas.

Perché la guida mostra alcune denominazioni molto spesso e altre, come Priorato, non sono nemmeno presenti?

Andiamo in parti: nel primo caso è; ci sono alcune denominazioni come la Catalogna che appaiono molto, ma è perché riuniscono i grandi produttori di quella comunità autonoma, coloro che hanno abbastanza produzione per suonare il vino duro di vino super-economico allo stesso tempo come bene. Il vino vale quello che il lavoro dietro di essoma naturalmente, se ti dà un sacco di produzione, ti dà più ampio cammino.

Ora, nel caso del Priorato e di altre denominazioni di grande prestigio, perché alcuni anni appaiono grandi vini e altri non ne trovi nel super è qualcosa di un po ‘mistero. Priorato è una denominazione di origine un po ‘Guadiana, che appare e scompare, forse perché il timbro di questa origine segna già un prezzo iniziale che lo rende non competitivo nei supermercati, forse perché sono più interessati all’esportazione…

D’altra parte, abbiamo il caso opposto nei vini del Paese Valenciano, che quest’anno sono frequenti e notevoli e anche hanno tra loro Mo Salinas, il miglior Supervino del 2016, con designazione di origine Alicante. Sono vini con un prezzo inferiore in eccesso per la qualità che hanno e non saranno in grado di tenere troppo a lungo con margini di profitto così brevi. La ragione è che l’area produttiva non è molto grande e c’è un enorme lavoro dietro di esso. 

Ci sono sempre più denominazioni di origine in Spagna. È un bene o un male?

È molto buono e un segno di civiltà per quanto riguarda il vino. In Francia, il paese che meglio tratta e comprende meglio il vino, ce ne sono più di 400 e definiscono sia la struttura varietale che la climatologia, la terra, i processi di vinificazione e vinificazione che vengono seguiti per ottenere il vino, ecc. Cioè: protegge non solo il vino ma tutto dietro di esso, dall’ambiente agli usi culturali del locale.

C’è nell’appellazione di origine di un vino un amore per il locale che si perde nell’Europa neoliberale, che ha solo il massimo margine di beneficio. Ma attenzione: il nome è la cosa locale fintanto che si pensa al globale. Le denominazioni d’origine nascono dalla riunione di un punto di vista romantico con un altro punto di vista pragmatico e più calvinista. Cioè, la terra è difesa, ma attraverso il lavoro svolto in modo etico, ordinato e professionale. La terra è sostenuta perché produce ricchezza e allo stesso tempo quella ricchezza viene reinvestita nel sostenere la terra.

Ebbene, questa consapevolezza dell’importanza del locale, che l’amore per il territorio al di là dei livelli commerciali o delle foche di prestigio, è fondamentale nell’attuale proliferazione di nuove denominazioni. La Catalogna, la Castiglia e Leon furono le prime comunità a prendere coscienza della diversità dei loro territori e della ricchezza che queste particolarità portano ai loro vini. Di conseguenza, i loro nomi sono i più comuni nella nostra guida, perché la loro personalità è molto notevole. Altre comunità sono in pieno risveglio, ma il clima e la diversità geografica della Spagna rivendica ancora molte più denominazioni.

Nella guida apprezzi molto il tipo di chiusura della bottiglia. I tappi di filettatura o silicone sono accettabili?

Il problema non è se siano accettabili o meno, ma se vi sia un altro rimedio rimasto. Per quello che molte persone credono, il tappo a vite non è lì per rendere più facile per voi per aprire la bottiglia e si può bere in campagna o su una panchina di strada. Mette tappo a vite perché non hai un budget per le spine di sugheroo perché non hai un’industria del sughero a portata di mano…

Voglio dire che il tappo di sughero è essenziale perché è un serbatoio di ossigeno per il vino e anche di organismi che possono fornire sostanze distintive che non danno un filo o un tappo sintetico. Quello che succede è che a volte la domanda è stata superiore all’offerta e non c’è altra scelta che cercare formule alternative.

Ora l’offerta si sta riprendendo e c’è più sughero per i tappi, ma presto i cinesi e gli indiani inizieranno a far causa al vino in massa e torneremo ad una situazione in cui la domanda di sughero sarà superiore all’offerta. In ogni caso, si consiglia di essere flessibili e riconoscere che per i vini di consumo durante l’anno, come i giovani rossi, rosé e molti bianchi, non capita di utilizzare questo tipo di chiusure. 

Dimmi qualcosa per i rosé. Robert Parker non li valorizza.

ma Joan C. Martàn li ama! E ho le mie motivazioni fondate: siamo terra di rosé, con aree come Navarra o Alicante dove non sono una questione minore e c’è una tradizione dietro di esso. Ma il mio amore speciale per loro arriva perché nella sua leggerezza, nella sua acidità giovanile, nella sua fermentazione incompleta c’è una grazia che si sposa molto bene con pasti leggeri a base di riso o verdure del Mediterraneo. Li vedo come vini profondamente gastronomici, che accompagnano molto bene una paellaun pesce alla griglia, formaggi leggeri, ecc.19659007]Perché nella guida arrivano pochi scava e quasi esclusivamente dalle grandi cantine?

Cava è un settore complesso e ricco, con molte piccole cantine, non solo in Catalogna, che danno ottimi vini. Tuttavia, è vero che nei supermercati l’offerta non varia, come se fosse un segmento che ha resistito alla rivoluzione che ha subito il vino in Spagna. Non è proprio così: ha anche aumentato la qualità e la varietà del prodotto negli ultimi anni.

Tuttavia, la cava manca di girare la storia del perché merita di stappare una bottiglia al di là di dessert e celebrazioni. E voglio dire una storia di marketing, che convince il cittadino medio, perché è allora che l’offerta arriverà al supermercato e nella guida Supervinos avranno più presenza.

Infine: contro o a favore delle etichette creative e artistiche sulle bottiglie?

In linea di principio a favore, ma senza oltre. E penso che stiamo superando di esso, perché una cosa era l’abitudine di etichettare con blasphens, scudi o nature morte stantie che sono stati visti prima nelle Riojas, e un altro la follia agisceper cercare di conquistare il pubblico con l’etichetta, non importa ciò che la bottiglia contiene. Il vino deve entrare attraverso il palato, non la retina. Detto questo, voglio rendere enety che io sono del valore del packaging e l’aspetto visivo perché parla dell’amore e della cura che l’enologo ha per il vino che ha fatto.

Raccomandiamo anche: Non molto tempo fa questa terra ha dato vino garrafa per la domenica e ora produce bianchi del mondo

Controlla anche

Cinque stufati tipici spagnoli (con 5 vini rossi) per affrontare l'inverno

Cinque stufati tipici spagnoli (con 5 vini rossi) per affrontare l’inverno

Lo stufato è un pasto tipico spagnoloE ‘molto nutriente e perfetto per l’inverno, che in …

Quanti tipi di sidro ci sono?

Quanti tipi di sidro ci sono?

Proprio come il vino, il sidro era già in atto ai tempi degli Ebrei, degli …

Dammi la lattina: sette modi pratici per riutilizzare questa confezione a casa.

Dammi la lattina: sette modi pratici per riutilizzare questa confezione a casa.

Andy Warhol li ha trasformati in arte, anche se la maggior parte dei mortali li …