Il lato oscuro delle anatre di gomma

Il lato oscuro delle anatre di gomma

Una vasca piena di acqua, paperelle di gomma e altri animali che galleggiano nell’acqua e un bambino che gioca con loro. Questa è una scena che potrebbe sembrare la più innocente del mondo. Ma all’interno di questi giocattoli innocui e divertenti possono nascondere un nemico spesso sconosciuto e quindi disprezzato da tutti.

La crescita microbica incontrollata o desiderata in un ambiente vasca da bagno è prevalente. In particolare, le condizioni del bagno sono note per promuovere la formazione di biofilm (un accumulo di materiale organico e inorganico che aderisce a diversi tipi di superfici) e la crescita di batteri (che aderiscono a questi biofilm, dove crescono e crescono rafforzato) grazie alle temperature moderatamente elevate e all’aumento dell’umidità.

I più colpiti sono gli oggetti che entrano in contatto con l’acqua in questo ambiente, come le tende da bagno e, sorprendentemente, le paperelle di gomma. Secondo lo studio Ugly Ducklings: il lato oscuro dei materiali plastici a contatto con l’acqua potabile, condotto dall’Istituto federale svizzero di scienza e tecnologia acquatica (ETH, zurigo) e dall’Università dell’Illinois, si verifica la crescita dei batteri soprattutto all’interno di questi giocattoli di materiale flessibile. La prova di questo è che se spremiamo uno di questi giocattoli, esce un liquido scuro e nuvoloso. Ciò significa che l’interno è pieno di sostanze indesiderate.

L’acqua, un colpevole

Non è lo stesso che i giocattoli siano esposti all’acqua pulita come all’acqua del bagno. Va notato che l’acqua nella vasca da bagno, oltre ad essere calda, accoglie altri componenti come sapone e fluidi corporei del bambino stesso, ricordano gli esperti. Pertanto, i giocattoli sono esposti a tutti questi elementi. Secondo i ricercatori, l’esposizione all’acqua del bagno per undicisettimane provoca la comparsa di “tra 5 e 75 milioni di cellule per centimetro quadrato su superfici interne”.

E l’hai visto quando hai tagliato gli anatroccolo a metà, 80% dei giocattoli da bagno, contaminati da batteri potenzialmente patogeni come Legionella e Pseudomonas aerogunosaresponsabile in molti casi di infezioni ospedaliere. L’interno, quindi, appare con un biofilm denso, il risultato della crescita simultanea di muffe e altri batteri, così comeE.colie diverse specie di Listeria.

Il materiale, un altro colpevole

Oltre alla qualità dell’acqua, uno degli aspetti che influenza l’inquinamento è il materiale dei giocattoli, che di per sé fornisce un’importante fonte di nutrienti: materiali polimerici sintetici bassa qualità flessibile (soprattutto cloruro di polivinile, PVC o gomma siliconica) che rilasciano sostanze da composti organici di carbonio, che a loro volta servono come nutrienti per la crescita delle colonie batteriche. È vero che più sporca è l’acqua sporca del bagno, più è probabile che i giocattoli si sporchino dal punto di vista microbico. 

Cosa faccio con i giocattoli sporchi?

Li butto via, li pulisco, come? Oltre a scommettere sull’uso di materiali polimerici su giocattoli di qualità superiore, gli esperti dicono che l’esposizione a tali giocattoli “potrebbe rafforzare il sistema immunitario dei bambini”che sono i più esposti. Ma attenzione, il rilascio di carbonio dovrebbe essere preso in considerazione, in particolare l’esposizione agli occhi e alle orecchie, aree che possono diventare più facilmente infette.

La prevenzione è quindi essenziale. I giocattoli possono essere puliti regolarmente immergendoli in acqua tiepida con aceto biancoassicurando che asciughi bene e spremendo l’acqua in eccesso dall’interno. L’acqua che si accumula all’interno è una chiara fonte di coltivazione per i microrganismi. Un altro modo per pulirli è quello di metterli in lavastoviglie una volta alla settimana, o bollirli periodicamente. Un’altra possibilità che gli esperti indichino per sigillare il foro giocattolo per evitare che l’acqua entri, il che significa anche impedire all’anatroccolo di fare rumore, una delle peculiarità e grazie di questi giocattoli, tra l’altro.

Infine ricordate che il bagno è una delle aree della casa dove centinaia di microrganismi di solito si concentrano, anche se sono innocui. Per quanto sorprendente possa sembrare, il coperchio del water non è uno dei più inquinatialmeno l’agenzia internazionale Higyene Council riconosce.

È, sorprendentemente, il pulsante e anche la parte con cui lo spazzolino da denti viene raccolto. La causa: mani sporche,che possono ospitare anche batteri intestinali. Attenzione dovrebbe anche essere prestata all’acqua che si accumula nella soapbox, che diventa piccoli stagni umidi dove i microbi intestinali possono sopravvivere. 

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscrivetevi alle nostre newsletter

Controlla anche

11 costumi per bambini che stanno per trionfare questo Halloween

11 costumi per bambini che stanno per trionfare questo Halloween

Halloween sta arrivando, una festa che sta guadagnando sempre più seguaci in Spagna, ei vostri …

Gomma EVA: quali precauzioni adottare se ci sono bambini a casa

Gomma EVA: quali precauzioni adottare se ci sono bambini a casa

La gomma EVA è – da anni – un prodotto molto popolare nel mondo dell’artigianato …

Carenze nutrizionali durante la gravidanza: come evitarle?

Carenze nutrizionali durante la gravidanza: come evitarle?

Durante la gravidanza, aumentano le esigenze di energia, proteine, vitamine e minerali. Pertanto, la dieta …