Da SEMERGEN raccomandare misure per prima, durante e dopo il viaggio.

Roma, 21 (EUROPA PRESS)

Il jet lag post-vacanze può causare sonnolenza, vertigini, irritabilità, astenia o apatia. Questo è ciò che il responsabile della comunicazione della Società Spagnola dei Medici di Cure Primarie (SEMERGEN), Dr. Rafael Casquero, ci assicura che queste circostanze si verificano solo “nei casi più intensi”.

Così, il medico di famiglia e psichiatra del centro sanitario Las Cortes di Roma ha spiegato a Europa Press che questo fenomeno può essere più o meno incessante “a seconda del numero di ore di viaggio”, con la sonnolenza che è il sintomo quasi esclusivo del più breve. Tuttavia, la galena indica che è comune in entrambe le “alterazioni dell’organismo”.

In questo senso, egli afferma che il jet lag si verifica quando il ritmo circadiano di una persona non corrisponde a quello della nuova area geografica che sta visitando. In questo modo, il viaggiatore vede come il suo ritmo di sonno e veglia è alterato. Tuttavia, egli ritiene che “non è necessario drammatizzare”, poiché l’organismo “è disposto a trascorrere un periodo di sonno di uno o due giorni”.

In riferimento a questo, se si trova problematico quando questi grandi spostamenti diventano frequenti. In questi casi, l’organismo “comincia a danneggiarsi perché il ritmo biologico è alterato e molti ormoni, enzimi e funzioni organiche sono alterati”, avverte.

Inoltre, Casquero sottolinea che gli effetti sono diversi se si viaggia verso ovest o verso est, essendo il primo viaggio “più facile da fare”. Tuttavia, sia per entrambi che per alleviare gli effetti del jet lag, l’esperto raccomanda di adottare una serie di misure prima, durante e dopo il viaggio.

PER EVITARLO È NECESSARIO RIMANERE SVEGLIO SE SI ARRIVA DI NOTTE

Prima di tutto, è consigliabile studiare la differenza di fuso orario e scoprire se una volta arrivati a destinazione sarà notte o giorno alla stessa ora. Una volta che questo è noto, egli ritiene necessario rimanere sveglio o addormentato a seconda dei casi e, per farlo, esporsi o proteggersi dalla luce del sole, fare esercizi fisici o meno e consumare caffeina se necessario.

Dopo di che, e dopo essere atterrato, Casquero sostiene che è necessario fare piccoli sonnellini di non più di un’ora durante il giorno per evitare la sonnolenza. Ritiene tuttavia che l’uso dei medicinali debba essere fatto solo “in ultima analisi e con effetto breve”.

D’altra parte, questi effetti, che non durano più di due o tre giorni, “per definizione colpiscono tutti”, ma l’esperto ritiene che “le persone più deboli e sensibili per la sensazione di luce o sintomi minori: ipocondriaci” sono più inclini, sottolinea.

Infine, Casquero ha indicato a Europa Press che “non è strano” che il jet lag provoca effetti collaterali gravi o permanenti. Così, egli afferma che si sta osservando che l’alterazione del ritmo circadiano “può influenzare l’umore dei viaggiatori perché è legato alle emozioni.

Per il rappresentante di SEMERGEN, la modificazione della melatonina “nel lungo periodo può disturbare la salute delle persone, produrre malattie e abbreviare la vita. Tuttavia, conclude che queste evidenze sono il risultato di studi molto recenti che “hanno bisogno di conferma”.