Il COVID-19 conosce la nazionalità