Il sanguinaccio è uno dei prodotti più gustosi del libro di ricette della patria e la sua ricetta di base è di solito il sangue di maiale con strutto e spezie a piacere, e una miscela di cipolla, riso, patate o pane, così come altri ingredienti che determinano maggiormente il suo sapore. Dopo la cottura e l’impastamento di tutta l’amalgama, viene insaccata in un budello naturale di maiale o di manzo.

Per friggerla, Mario López, venditore del distributore gastronomico Antonio de MiguelNel caso dell'”Affettatura”, consiglia di affettarli “a fette di 2 centimetri con un coltello superfino e di farli scivolare molto in modo che i pezzi non cadano a pezzi. Versare un millilitro (ml) di olio nella padella per evitare che si attacchino e lasciarli nella vetroceramica alla potenza 8 per tre minuti da un lato e altri due minuti dall’altro, in modo da farli dorare all’esterno e riscaldare all’interno”.

In un paese dove l’allevamento del maiale è sempre stato un grande sostegno per molte famiglie, sia dal punto di vista economico che nutrizionale, perché è una delle carni più economiche e anche il sangue è usato, è stato logico che siano emersi così tanti modi artigianali di fare il sanguinaccio. Mentre in ogni comunità e provincia, potremmo dire che anche in ogni fattoria e in ogni macelleriahanno la loro versione. Ma qui abbiamo raccolto i 10 sanguinacci più popolari per regione, con tutte le differenze tra loro.

1. Budino nero di Burgos

E’ probabilmente il più popolare, anche se pochi sanno che è al 50% di cipolla e c’è un antico segreto che il produttore Roberto da Silva condivide nelle sue degustazioni di sanguinaccio: l’acqua, nella capitale Burgos, a causa dell’altitudine, bolle a 97-98 gradi. Pertanto, il riso deve essere messo crudo. Quando il produttore si allontana dalla capitale, deve precotturare il riso, altrimenti offre e rompe l’intestino.

E’ tutto qui. cosa rende il sanguinaccio di Burgos diversoLa “cardeña” dei villaggi circostanti e di Sotopalacios è conosciuta come “la cardeña”. In particolare, con González Sotopalacios’ si vuole mangiare anche la pelle, si scioglie al palato, le spezie assaltano le papille gustative e il punto speziato è molto evidente.

2. Jabugo o sanguinaccio iberico

Più di un sanguinaccio, sia nell’aspetto che nel gusto, per la sua intensità, sembra una salsicciaUna salsiccia fatta con sangue, carne e grasso di maiali iberici alimentati con ghiande, con condimenti fatti in casa e molto piccante. Non ha bisogno di preparazione, non si arrostisce, non si frigge, va mangiato crudo, tagliato a fette molto sottili, perché è duro e compatto, come qualsiasi altro insaccato iberico come il lombo, la salsiccia, ecc. Viene commercializzato come sanguinaccio iberico nero e sanguinaccio iberico alimentato con ghiande dello Jabugo.

3. Salsiccia di patate dell’Estremadura

Questo rosticceriaChe sia piccante o no, si chiama patatera perché, al posto del riso o del pane, ha una patata; al posto del sangue, ha carne di maiale magra e grasso di maiale iberico. Inoltre, se condito con la paprika de La Vera, potrebbe essere più simile a una sobrasada. Infatti, è anche confezionato in budello naturale e può essere mangiato spalmato sul pane (che è il modo più consigliato per gustarlo bene) o, una volta stagionato, a fette, come qualsiasi altro insaccato.

4. Salsiccia aragonese

All’indirizzo seria concorrenza con BurgosQuesto sanguinaccio a base di sangue fresco e lardo, aggiunge riso, le varietà autoctone di cipolle bianche di Fuentes o grano d’oro e pinoli o nocciole. Ha un sapore potente “di cannella e anice, in generale sono più speziati, ma hanno meno il sapore del sangue”, assicura Mario López. L’imballaggio naturale è bianco o nero a seconda dell’involucro utilizzato.

5. Budino nero di El Bierzo o Leon o pipistrello

E’ probabilmente il più originale e di buon gusto perché è fatto di cipolla e sangue di maiale, ma viene mangiato dal suo stomaco, cioè come se fosse fuso, una volta fritto con un po’ d’olio… e si diffonde! Si può anche mangiare cotto con stufati e riso o con le mele.

6. Salsiccia di sangue di Palencia

A Palencia si parla di sanguinaccio di riso e di crema di sanguinaccio al borono, che è simile a quello di León, ma il grande protagonista per la sua succosità e morbidezza è il sanguinaccio di cipolla horcalÈ la varietà autoctona che gli conferisce quel gusto particolare, con un delizioso punto dolce. Proprio qui sta la difficoltà, nel tritare e braccare la cipolla con lo strutto a fuoco molto basso. Il sangue, la paprica, il sale e altre spezie vengono poi aggiunti e confezionati in un budello di manzo che viene poi cotto per sterilizzarlo.

7. Budino nero di fagioli

Ciò che la distingue dagli altri non è solo che porri e spezie vengono aggiunti al gustoDeve essere cotto in acqua fredda a fuoco lento per circa un’ora e poi lasciato riposare. Anche se deve friggere, bisogna farla bollire un po’ per assaporarne tutte le sfumature.

8. Budino nero andaluso

Forse è una delle più grasse, perché ha guanciali, pancetta e pancetta di maialeLa carne, a parte il sangue, l’aglio e le spezie come il cumino e l’origano, è tutta insaccata in budella di maiale e poi cotta in caldaia. In particolare, quello di La Loma de Úbeda ha cipolle, pinoli e riso e si spalma in ochios, involtini di olio con paprika e anice, per dargli ancora più sapore.

9. Budino nero galiziano

Sono dolce invece che salato perché aggiungono frutta come mele, uvetta o fichi secchi in un misto di sangue e strutto, con zucchero, pane, acqua, latte, latte, pinoli, sale e spezie prima della cottura. Si mangia a fette d’oro.

10. Budino nero delle Canarie

Ha anche che punto dolce dato dallo zucchero e dall’uva passaAnche se di solito aggiungono, al sangue e al burro, cipolla tritata finemente, pangrattato, mandorle, zenzero, pepe verde ed erbe aromatiche come menta, origano o maggiorana.

E nel vostro paese, com’è il sanguinaccio e dove si mangia meglio?

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter