González Laya ritiene che non è il momento di indipendenza, ma di “gestione dell’interdipendenza”