Giovanni Bolea, propone la solitudine di due uomini brillanti, in “il Sangue della lepre”