Fare freddo quando – come in questo inverno – le temperature sono molto basse è la cosa più normale del mondo. Ma cosa succede se qualcuno, non importa quanto sia caldo, sente ancora freddo? O se senti freddo anche quando nessuna delle persone intorno a te prova lo stesso? Ci sono persone a cui succede. Il Le possibili spiegazioni sono molto varie, ed è conveniente prestare loro attenzione per sapere dove può essere l’origine di questa particolarità.

Ci sono persone che sono più fredde per natura e altre che tollerano molto meglio le basse temperature. Uno scenario tipico in cui questo è evidente sono uffici e altri spazi condivisi dove spesso è impossibile raggiungere un accordo unanime sulla giusta temperatura per l’aria condizionata o il riscaldamento.

Ci sono fattori genetici coinvolti in questo aspetto: una certa tolleranza al freddo Viene trasmesso dai genitori ai figli. Ma anche alcune caratteristiche corporee sono fondamentali. La pelle grassa offre una maggiore protezione dalle temperature esterne, riducendo la dispersione di calore interna. Pertanto, le persone con la pelle meno grassa (più secca) tendono a soffrire di più il freddo.

Inoltre, i livelli più elevati di grasso corporeo e massa muscolare proteggono anche dal freddo. Questo perché, in questi casi, il metabolismo basale (la quantità minima di energia di cui una persona a riposo ha bisogno per vivere) è più alto, il che provoca una maggiore generazione di calore.

È per questo persone e donne più magre tendono ad essere più freddi delle persone e dei maschi più robusti. Ovviamente, aumentare di peso per proteggersi dal freddo non è un’opzione consigliata, poiché i rischi derivanti dal sovrappeso e dall’obesità superano di gran lunga i problemi di avere freddo.

Uno studio del 2015 lo ha rilevato tolleranza al freddo da parte delle donne è inferiore e un altro, dal 2018, che le donne “hanno bisogno di tremare come fonte di produzione di calore prima degli uomini”.

Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che questo è perché lo sono più preparati ad affrontare temperature estremeIl tuo corpo “si spegne” per proteggere il calore interno, facendo sì che i termocettori della tua pelle inviino segnali di freddo al tuo cervello più rapidamente.

Inoltre, anche variazioni ormonali -particolarmente quelli legati agli estrogeni- che si producono durante la gravidanza e la menopausa- possono esercitare la loro influenza in questo senso, e far sì che la sensazione di freddo sia più frequente in chi sta attraversando queste fasi.

Ma oltre alle caratteristiche di ogni persona, la sensazione di freddo può essere correlata a un problema di salute. Tra i motivi più frequenti ci sono processi infettivi che può causare febbre, come raffreddore, influenza, polmonite o, ovviamente, COVID-19.

Dato che la febbre di basso grado è un sintomo frequente della malattia responsabile dell’attuale pandemia, è necessario prestare particolare attenzione a possibili brividi, soprattutto quando non è stato esposto a basse temperature esterne.

Un altro motivo per cui una persona può provare una sensazione di freddo persistente sono i problemi alimentari. UN dieta povera di nutrienti -particolarmente la vitamina B12, la cui carenza riduce il numero di globuli rossi e compromette la corretta ossigenazione dell’organismo- può essere responsabile di chi soffre di una costante sensazione di freddo.

Anche le diete ipocaloriche (in aumento, ma sconsigliate) possono avere questo effetto, così come i processi in cui si perde molto peso drasticamente. Ma dietro la costante sensazione di freddo potrebbero esserci problemi di salute più gravi, come il seguente:

Problemi circolatori

Una cattiva circolazione sanguigna significa che il sangue non raggiunge tutte le parti del corpo in quantità sufficiente, specialmente le mani e i piedi. Questo provoca una temperatura più bassa e compare una sensazione di freddo che non si limita alle estremità ma copre tutto il corpo. A cosa sono dovuti i problemi circolatori? Le ragioni possono essere molteplici, da una vita molto sedentaria a problemi come l’ipertensione e il colesterolo.

Anemia.

L’anemia fa sì che i globuli rossi non siano sufficienti per trasportare un livello adeguato a tutti i tessuti del corpo. Ovvero qualcosa di simile a quanto già descritto in relazione alla mancanza di vitamina B12, sebbene questa malattia possa essere causata da vari fattori, come la carenza di altri nutrienti (ferro, folato) o l’azione di altre malattie, come come problemi renali, artrite reumatoide, cancro, ecc.

La sindrome di Raynaud.

Questo problema è legato alla circolazione: i vasi sanguigni si restringono e il sangue che raggiunge i tessuti – soprattutto le dita, sia le mani che i piedi – è molto piccolo. Di conseguenza, la persona soffre di una sensazione di freddo, le sue dita cambiano colore e persino feriscono. La sindrome di Raynaud può essere primaria (se non è associata a nessun altro problema) o secondaria (se è causata da un’altra malattia) e si stima che colpisca il 3-5% della popolazione.

Ipotiroidismo, problemi renali, diabete, malattie vascolari, ecc.

Ci sono anche altre condizioni che possono provocare una sensazione di freddo: problemi ai reni, diabete, malattie vascolari o che influenzano la coagulazione del sangue, l’ipotiroidismo, ecc.

Consumo di alcuni farmaci.

I beta-bloccanti (usati principalmente per trattare le malattie cardiache) e le benzodiazepine (incluse in molti sedativi e ansiolitici) a volte producono lo stesso effetto. E anche le persone con cattive condizioni di salute o che stanno vivendo una grave malattia possono sentire freddo.

Dato l’elevato numero di fattori che possono provocare la sensazione di freddo, gli esperti consigliano pratiche diverse per evitare o almeno non soffrire troppo in queste situazioni. Una dieta che includa le calorie necessarie è fondamentale. In inverno brodi, legumi, cereali, noci, frutta e infusi sono di grande aiuto per mantenere una buona temperatura corporea. D’altra parte, la pratica di un’attività fisica moderata migliora la circolazione, grazie alla quale è un altro ottimo alleato per evitare la sensazione di freddo.

Per il resto il consiglio principale è quello di avvolgere adeguatamente ed evitare di essere esposti ad ambienti molto freddi e sbalzi di temperatura, anche se di breve durata. E, naturalmente, vai dal medico se sospetti che “essere di cattivo umore” possa spesso essere un sintomo di una qualsiasi delle malattie menzionate in questo articolo o di altri problemi.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter