Dieci superalimentari fatti in casa di cui non dovresti mai fare a meno.

Dieci superalimentari fatti in casa di cui non dovresti mai fare a meno.

Bacche di goji, quinoa, semi di chia, kefir, curcuma, zenzero, camu camu, moringa tea, clorella, kelp, acai berry, aglio nero.ecc. Sono quelli che è stato chiamato ‘superfoods’, prodotti esotici a cui spesso alcuni dietisti, alcuni siti web e non poche aziende che li commercializzano hanno attribuito particolari proprietà curative, preventive o nutrizionali.

Sono considerati integratori eccezionali che dovrebbe essere nella nostra dieta, regolarmente o come integratori, perché contengono antiossidanti, abbassare l’assorbimento del colesterolo intestinale, proteggere il fegato, prevenire le malattie cardiovascolari e intestinali o fornire numerose fibre, vitamine o precursori di questi.

In alcuni casi le loro proprietà sono vere e sono state provate; in altri c’è qualche mito dietro di loro e poco contrastato test di laboratorio. Ma la maggior parte delle volte, questi “supercibo” hanno il suo equivalente localeche possiamo acquistare nella maggior parte dei negozi locali e che servono a ricordarci che non c’è nessun ‘compressore’ migliore di quello che è sana, varia ed equilibrata. Vale a dire Mediterraneo.

Prossimo sono stati segnalati dieci “superalimentari fatti in casa che vale la pena di essere nella nostra dieta per i suoi alti profitti.

1. Lenticchie

Le lenticchie hanno un’eccellente proporzione di proteine e fibre vegetali, quindi aiutano la crescita muscolare al posto della carne e favoriscono le funzioni intestinali e lo sviluppo della flora intestinale. D’altra parte, agiscono nella prevenzione del cosiddetto ‘colesterolo cattivo’ grazie a lecitine, saponine e isoflavoni, composti vegetali che ritardano l’assorbimento del colesterolo intestinale e impediscono i precipitati plasmatici nelle arterie. Inoltre, sono sazianti, quindi servono a ridurre il peso senza ricorrere a diete miracolose. Ceci o fagioli possono essere serviti allo stesso modo.

2. Sardine

Forniscono ferro – è un mito che le lenticchie lo rendono assimilabile dall’organismo e gli acidi omega-3 e omega-6, essenziali per molte funzioni che regolano il nostro metabolismo e i sensi come la vista. Va notato che i principali acidi omega-3 e omega-6 Non si puòIl sintetizzadue per un mammifero e, quindi, dobbiamo ottenerli da animali come le sardine o il salmone, o da verdure come le noci. A suo favore è anche il fatto che, pur essendo pesce grasso, la sua capacità di bioaccumulo di metalli pesanti, in particolare il mercurio, è relativamente bassa.

3. Kiwi

Nonostante la loro origine esotica, sono oggi ampiamente coltivate in Spagna, per cui possiamo considerarle un alimento locale. Hanno una grande quantità di vitamina C e altre sostanze idrosolubili, ma hanno anche un’enorme quantità di fibra solubile che ritarda l’assorbimento del colesterolo intestino e zuccheri. Inoltre, quando si fa un’assunzione di cibo dolce, ad esempio con una bibita analcolica, scarica nel fegato un eccesso di zucchero. Di fronte alla tentazione dei succhi di frutta, non c’è niente di meglio di un kiwi.

4. Bietola

Essi ricco di folatiun tipo molto importante di vitamina B nelle donne in gravidanza e in allattamento, il cui deficit può causare problemi al tubo neurale del feto durante la gravidanza. Sono anche coinvolti nella formazione del DNA e dell’RNA. Hanno anche le fibre.

5. Pomodori

Il suo contributo in licopeni, composti molto importanti per l’ambiente. riduzione del “colesterolo cattivoin quanto potenti antiossidanti che impediscono la loro precipitazione nel sangue. Inoltre, forniscono fibra e una buona quantità di vitamine A, B, C, C, E e K. Un’alternativa interessante è l’anguria.

6. Funghi

Ha un alto potere saziante che aiuta a non mangiare troppo e può essere utile nelle persone che seguono una dieta. Presentano anche un alto contenuto di composti antiossidanti che aiutano a prevenire l’invecchiamento cellulare e i problemi cardiovascolari. Infine, c’è l’alto contenuto di polisaccaridi non digeribili dall’apparato digerente ma dalla flora intestinale, che ne migliora così il funzionamento.

7. Yogurt

Fornisce numerose proteine, grassi animali ricchi di vitamine liposolubili e microrganismi probiotici che rigenerare la flora intestinale. Inoltre, sono prodotti fermentati a basso contenuto di zuccheri.

8. Carciofi

Forniscono fibre, riducono la stitichezza, hanno proprietà diuretiche e alleviano l’acidità dello stomaco grazie al loro effetto di livellamento del pH. Forniscono anche flavonoidi -antiossidanti- e stimolare la secrezione della bileche aiuta il fegato nelle sue funzioni di eliminazione degli elementi tossici che sono entrati nell’organismo o sono generati come sottoprodotti metabolici.

9. Integrale

Si tratta di una base di carboidrati che grazie alla presenza di fibre ritarda l’assorbimento degli zuccheri rilasciati dalle farinein modo che entrino nel plasma sanguigno in modo più scaglionato. Inoltre, ha un alto potere saziante. Un’alternativa è la riso integrale.

10. Avocado

Gli avocado di Loa sono l’unico classico ‘superalimentare’ che includiamo nell’elenco, poiché sono già coltivati regolarmente in Spagna e sono quindi integrati nella nostra dieta. Si tratta di un alimento con un alto contenuto di grassi vegetali di qualità, che fornisce acidi omega-3 e molte vitamine liposolubili, importanti per il metabolismo umano. E’ anche un frutto ricco. in antiossidanti e acido folicooltre ad una fonte di potassio, che mantiene il tono muscolare e previene i crampi.

Se non vuoi perderti nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla newsletter di ConsumoClaro.

Vi raccomandiamo anche voi:

Addio carne, ciao verdure: soluzione o nonsense di fronte all’avvertimento dell’OMS?

Controlla anche

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Per un lungo periodo di tempo, internet e i social network diffuso il cosiddetto “sfide …

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Li abbiamo messi a fare l’acquisto o andare giù per la farmacia. E molti messaggeri …

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall'infanzia

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall’infanzia

I vantaggi dell’ascolto della musica sono numerosi. Il cervello rilascia dopamina – un neurotrasmettitore associato …