Marta, lettore e partner di avnotizie.it, fa la seguente richiesta nel corpo di una e-mailSoffro di stitichezza periodica dovuta allo stress, e ora con questa cosa delle elezioni e il timore che Vox tiri fuori molti deputati, la verità è che vado al bagno solo due o tre volte a settimana. È un disturbo piuttosto fastidioso, ma lascio a voi il compito di descrivere i sintomi… Quello che vi chiedo di fare è di consigliarmi cosa posso mangiare per alleviare questa sofferenza che è la stitichezza.

Perché si verifica la stitichezza

Capiamo per costipazione una frequenza irregolare dei movimenti intestinali, che sono limitati a pochi giorni alla settimana invece che al giorno. Inoltre, la persona che ne soffre deve fare uno sforzo considerevole per deporre e talvolta lo fa anche nel dolore. Questo disturbo del ciclo digestivo è causato da diversi fattori, alcuni fisici e altri psicologici.

  • Cause posturaliLa causa principale della stitichezza è la sedentarietà, che è la ragione principale dell’aumento di questo disordine nel mondo civilizzato. Ma è particolarmente comune lavorare in posizione seduta, con una pressione sul basso addome, che favorisce l’immobilità intestinale e la formazione di diverticoli, che sono pezzi di intestino che rimangono attaccati insieme formando delle sacche.

  • Cause alimentariStitichezza: Una dieta povera di fibre vegetali, sia solubili che insolubili, così come l’eccesso di grassi animali e vegetali, può contribuire alla stitichezza. Anche la scarsa assunzione di acqua, così come le bevande diuretiche che fanno asciugare le feci in eccesso, come nel caso dell’alcol. D’altra parte, alcuni cibi come il vino o il tè contengono un’alta percentuale di tannini, che in eccesso sono astringenti e induriscono troppo le feci, rendendo difficile l’evacuazione. Se lo sgabello scende troppo morbido per mancanza di fibre o troppo duro per mancanza d’acqua, la costipazione sarà accentuata.

  • Cause psicologicheStress: Lo stress che è notevolmente aggravato dalla paura del cambiamento, dal lutto o da altre circostanze traumatiche può portare a una forte stitichezza temporanea. Succede anche in paesi o luoghi che non sono nostri, nella cosiddetta “costipazione del viaggiatore”, che corrisponde a quelle persone che si depositano solo nella propria coppa. Questo fatto è dovuto alla secrezione di cortisolo, un ormone che ci genera l’allarme del pericolo ma anche processi infiammatori che possono colpire alcune zone dell’intestino, bloccando le contrazioni di evacuazione.

  • MenopausaNel caso delle donne in post-menopausa, ci può essere una tendenza ad una maggiore stitichezza dovuta a cambiamenti ormonali, che impediscono la regolarità digestiva. Per maggiori informazioni leggi: sono vicino ai 50 anni: come faccio a sapere se sono in menopausa?

  • ContraccettiviI motivi sono simili a quelli della menopausa e uno dei loro effetti simili può essere la stitichezza.

Sintomi di stitichezza

I principali sintomi della stitichezza sono:

  • Tasso di deposizione molto altoLa “C” sta per “C” se è uguale o inferiore a tre volte alla settimana.

  • Sgabelli duri e scuriSgabelli: gli sgabelli sono duri e molto scuri, a volte anche quasi neri per problemi di emorragia emorroidale. Potete saperne di più in Cosa dice la nostra cacca sulla nostra salute.

  • Deposizione forzata e dolorosaIl processo di evacuazione è stanco, lento e a volte anche sanguinoso per lo sforzo.

  • Gonfiore di stomaco e dolore addominaleIl processo è lento, le feci ristagnano e la flora intestinale fermenta più di quanto dovrebbe, causando più gas di quanto il retto possa espellere in flatulenza. Di conseguenza, il gonfiore che si verifica a volte è doloroso. Per maggiori informazioni leggere Questi sono gli alimenti che producono più gas.

Cosa mangiare per sconfiggere la stitichezza

  1. FunghiFunghi: i funghi possono essere un buon alleato per promuovere il transito intestinale e combattere la stitichezza. La loro capacità di assorbimento dell’acqua e la presenza di lignina – fibra insolubile – li rende capaci di dare molto volume alla feccia senza indurla. Leggi Dieci benefici del mangiare funghi (ora che la stagione sta iniziando)

  2. Verdure con fibra insolubileAd esempio, il carciofo è un ottimo lassativo vegetale, sia per la sua quantità di fibre che per stimolare la secrezione di sali biliari. Tuttavia, troppo può scatenare flatulenza e causare maggiore dolore alle persone costipate. La carota in eccesso tende ad essere astringente. Il resto delle verdure è conveniente, evitando sempre quelle che ci danno flatulenza.

  3. VerdureL’uso dell’aloe vera: a causa del loro contenuto di fibre insolubili, sono eccellenti, ma non devono essere abusate per il loro potere di causare flatulenza.

  4. Grani interiI prodotti principali sono il pane e il riso integrale. Il motivo è la sua quantità di fibre alimentari. Il riso bianco, invece, aumenta la costipazione. Leggi Quattro modi per fare una paella di riso integrale.

  5. Frutta seccaIl motivo principale è che è ricco di fibre e grassi vegetali, che aiutano il bolo a muoversi. Le castagne si distinguono per il loro potere lassativo.

  6. Oli vegetaliL’olio d’oliva è un ottimo lubrificante per il bolo alimentare, oltre a stimolare la secrezione di sali biliari ed essere facilmente digeribile.

  7. Yogurt e formaggi a base di funghiIl motivo è che questi alimenti ci forniscono probiotici che arricchiscono la nostra flora intestinale.

  8. SottacetiGli ingredienti principali sono: olive, crauti e spiedini. Il motivo è lo stesso della sezione precedente. Per maggiori informazioni leggi Dieci alimenti che sarebbero impossibili senza l’aiuto di funghi e batteri.

  9. Succo di fruttain particolare arance, mandarini, ecc. Ma sempre a pezzi, mai in succo. Il motivo è che oltre alle fibre forniscono anche acqua. Un esempio ideale sono le prugne. Tuttavia, le banane non sono raccomandate a meno che non siano completamente mature, e nemmeno le mele o le pere, anche se possono essere mangiate occasionalmente se la buccia è inclusa.

  10. UvettaPrugne: Le prugne – soprattutto prugne, fichi e albicocche – accumulano fibre concentrate e quando si bagnano si gonfiano, dando allo sgabello molto volume. Tuttavia, è consigliabile moderare la loro assunzione in quanto concentrano molti zuccheri e hanno meno potere saziante rispetto ai frutti interi.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter