La pandemia di COVID-19, che è venuto a cambiare così tante abitudini di vita, soprattutto in relazione al contatto con gli altri, ha colpito anche, come non potrebbe essere altrimenti, la vita sessuale. Durante il confino, molte persone senza un partner o superato la quarantena lontano da lei- si rivolse al sesso virtuale o altri tipi di attività come un modo di affrontare l’isolamento. Ora, con la desescalada e il prossimo “nuova normalità”, ci sono le nuove condizioni per la vita sessuale. Condizioni che, almeno in alcuni casi, anche di richiedere che le loro precauzioni.

In il caso di coppie stabilisia il soggiorno che quelli che non lo fanno, gli esperti sottolineano che non è necessario avere alcun tipo di attenzione o cura con il coronavirus, purché nessuna delle due persone presenti sintomi, o se avete già superato la malattia, e non sono in periodo di incubazione o di quarantena e di avere gli anticorpi, e se non hai avuto rapporti sessuali di recente con altre persone.

Se, invece, uno dei membri del partner ha sintomi o ha testato positivo per COVID-19, la prima cosa e più importante è quello di seguire le raccomandazioni mediche. E poi, che cosa? Il più conveniente è “trovare la cassaforte pratiche di sesso per continuare a godere“, spiega il dottor. Francisco Javier del Rio Olvera, un esperto in sessuologia e professore presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Cadice.

Si deve ricordare, sottolinea lo specialista, anche se ora la preoccupazione maggiore è che il coronavirus, ci sono coppie che vivono insieme per un lungo periodo di tempo con altre importanti patologie, come per esempio l’HIV. E quelli che “si sono abituati a un tipo di relazione, non sono regole, e altrettanto piacevole”.

Pratiche di ‘non-normativi” al fine di evitare una possibile infezione

Che cosa sono queste ” pratiche “non-normativi”? “Quello che mi sento di raccomandare è quello di evitare di baciare e anche l’uso della maschera durante il sesso. Si tratta di un problema reale,” dice Francisca Molero, medico sessuologo e presidente della Federazione spagnola di Sessuologia (FESS). Oltre ai baci-che in culture come la nostra, hanno una importanza fondamentale durante il rapporto sessuale – l’uso della maschera è complicato dall’aumento della frequenza respiratoria in fase di eccitazione.

“Così la gente deve essere creativi”, dice Molero. E Il Fiume Olvera partite: “Il limite è l’immaginazione”. “Ogni coppia-aggiunge – si può fare la pratica sessuale che ti piace o che ti piace di più, da masturbarsi di fronte all’altro fino ad arrivare a toccare talmente semplice mantenere aggiornati misure di prevenzionese e quando si insiste, mantenere le misure per evitare il contagio.”

Questo significa che, strano a prima vista può sembrare di essere, in determinate circostanze, il sesso e le misure di precauzione contro il virus -uso di maschere, di igiene, anche due metri di distanza tra l’uno e l’altro – non possono essere incompatibili. “La sessualità è così ricco e variegato che non si può prendere una formula magica membri Del Fiume Olvera-ma solo per effettuare una di quelle pratiche che sono al sicuro e piacevole per entrambi.”

Molero, per parte sua, si basa sulla creatività e l’immaginazione della gente: “i migliori la maschera diventa un oggetto di feticismo erotico“i rischi. A proposito, è anche il già citato sesso virtuale, una pratica che molte coppie potrebbero avere scoperto o cambiato di valutazione durante il parto. Gli esperti sottolineano che, lungi dall’essere solo un “povero sostituto” sesso faccia-a-faccia, il virtuale può costituire “una nuova strategia nei rapporti sessuali”, una variante che può aiutare a “rompere la monotonia” in cui a volte la coppia può cadere.

Per prevenire la diffusione del virus nel sesso occasionale

Ora, cosa succede in caso di casual partner? Perché in un certo senso, si può ritenere che, alla fine, le cose non sono cambiate molto. “Il le raccomandazioni sono simili a quelli che venivano da seguire prima di pandemia quando abbiamo saputo di qualcuno e voleva fare sesso -dice Del Rio Olvera-. Prima si doveva prendere in considerazione la possibile diffusione di malattie sessualmente trasmesse (MST). Ora, in aggiunta a queste infezioni, dobbiamo essere attenti a non infettare COVID-19″.

Questo specialista sottolinea anche il valore della comunicazione come “un grande strumento di prevenzione”. Specifica che “per cominciare sarebbe parlare di salute”: il coronavirus e le eventuali malattie sessualmente trasmissibili. “È vero, come riconosciuto dal Rio Olvera – che può sembrare una conversazione poco giusto per tenerlo con qualcuno che hai appena incontratoma se fatto correttamente non c’è nessun problema. Non dovrebbe darci problemi o vergogna di parlare di questi temi con qualcuno che a noi basta sapere”.

Ma a questo punto, oltre alla comunicazione, un altro elemento di criticità nell’equazione: la necessità di essere in grado di fidarsi dell’altro. Così che cosa questo significa?, solleva Francisca Molero. Beh, che “la cosa migliore è bisogno di più tempo di interazione con la persona, di conoscere, di valutare se realmente siete interessati, per valutare il rischio o meno e la voglia di condividere il sesso. Che è a dire, che forse al primo appuntamento non sarà“.

Nuovo normale, i nuovi comportamenti

Il presidente della FESS ritiene che alcuni comportamenti cambia rispetto a come erano prima della pandemia. Spiega che l’aumento delle applicazioni di dating (come Esca), hanno creato una certa idea implicita che, “dal momento che siete stati con qualcuno, in un tempo relativamente rapido già fuori dal contatto sessuale”.

E che questo aveva portato ad alcuni problemi: “ho dovuto vedere i pazienti, sia uomini che donne, che aveva cessato di avere quel tipo di interazioni con precisione che la pressione che si doveva fare sesso quando in realtà non voleva troppo, perché avevano bisogno di conoscere l’altra persona un po ‘ di più.”

“Penso che sarà ora di cambiare. Si sta andando per consentire più tempo per conoscere l’altro, e che sta andando a fornire più sicurezza“aggiunge Molero. In ogni caso, è probabile che questo argomento non mancare in qualsiasi primo appuntamento o per qualsiasi incontro con qualcuno di cui poco si sa, e che questa è una delle molte caratteristiche del nuovo normale.

Se si considera l’intimità sessuale per essere con un’altra persona, la logica indica che non dovrebbe essere un problema che la conversazionepoco tempo prima, per concentrarsi su un aspetto come la propria salute. “E poi, se necessario, è possibile adottare le stesse misure di sicurezza indicato per coppie stabili”, specifica Il Rio Olvera.

Per chiudere, Molero anche immaginare che i modi di affrontare i rapporti sessuali nell’immediato futuro può cadere sostanzialmente in due gruppi. Da un lato, di quelli che dicono “per sfruttare i vantaggi di, che la vita è di due giorni”. Dall’altro, la gente che sarà “molto più cauto”, alcuni dei quali ancora “stanno per avere un sacco di paura di interagire con gli altri.”

E quanto è radicalizarán o flexibilizarán quelle posizioni dipenderà cosa fine a ottenere un vaccino o di un trattamento efficace per il COVID-19 cessa di avere il ruolo di oggi e di diventare una malattia.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter