Cos'è il rame antimicrobico, l'ultima rivoluzione medica

Cos’è il rame antimicrobico, l’ultima rivoluzione medica

La maggior parte delle famiglie sono probabilmente dotate di cavi in rame e di alcuni utensili in rame, che si distinguono per il loro grande elevata durata, resistenza alla corrosione e conduttività termica ed elettrica. Inoltre, questo materiale ha un “superpotere” che gli esperti dei materiali hanno saputo sfruttare: la sua capacità antimicrobica.

I batteri dipendono da metalli come il ferro e il calcio per l’energia di cui hanno bisogno per sopravvivere. Il rame, invece, è un metallo che non solo non li “alimenta”, ma li elimina e li distrugge in modo rapido ed efficace. Pertanto, il rame e le sue leghe, come il bronzo e l’ottone, possono vantare proprietà antibatteriche, antivirali e antimicotiche.

Cosa significa questo? Il rame si è dimostrato efficace nella lotta contro batteri e funghi, in particolare, ha dimostrato un 99,9% di efficacia con due ore di contatto. È un metallo che produce “morte per contatto” sulle superfici metalliche che lo contengono. Questo metallo è in grado di uccidere da dieci a cento milioni di batteri al minuto. Ciò che gli esperti sottolineano su questo materiale è che è anche in grado di distruggere il DNA dei batteri, il che gli impedisce di sviluppare resistenza. E’ l’unica superficie di contatto in metallo solido che è stata approvata dalla Agenzia per la protezione dell’ambiente La United States Environmental Protection Agency (EPA) lo ha registrato come il primo e unico metallo con proprietà antimicrobiche.

Come funziona il rame

L’idea di utilizzare il rame come antibatterico non è nuova. In effetti, era già in uso ai tempi degli antichi Egizi e dei RomaniLo usavano per curare ferite da battaglia, ustioni e infezioni. Attualmente, il rame è un’alternativa promettente al problema della resistenza antimicrobica di super insetti come l’MRSA, un problema attuale che sta diventando sempre più una conseguenza dell’uso eccessivo di antibiotici, che ha portato allo sviluppo della resistenza da parte dei batteri.

Gli esperti hanno iniziato ad esplorare l’uso del rame antimicrobico come potente alternativa. Negli Stati Uniti, la registrazione del rame antimicrobico permette ai prodotti di pubblicizzare i reclami antimicrobici contro sei batteri:

  • E.coli 0157:H7
  • Pseudomonas aeruginosa
  • Stafilococco aureo
  • Aerogeni di enterobatteri
  • VRE
  • MRSA

Sebbene i meccanismi chimici e molecolari responsabili della capacità antimicrobica del rame siano ancora in fase di studio, ci sono diverse teorie su come gli ioni influenzano di rame nelle cellule batteriche:

  • Essi abbattono la parete della membrana cellulare, portando alla perdita di nutrienti cellulari, come il potassio, e la conseguente morte cellulare.
  • Scomponendo la membrana cellulare, portano alla perdita di contenuto cellulare.
  • Si legano a proteine che non richiedono rame per funzionare. In dosi elevate, il rame porta alla perdita di proteine e alla decomposizione.
  • Causano stress ossidativo; il rame partecipa a quella che viene chiamata reazione di tipo Fenton, una reazione chimica che provoca danni ossidativi alla cellula.
  • Essi “rubano” gli elettroni dai lipidi nella membrana cellulare, causando la degradazione ossidativa, che porta alla morte cellulare.
  • Il DNA si degrada e lascia la cellula.

Dove può essere utilizzato il rame antimicrobico

Negli ultimi anni è diventato evidente che le superfici di rame con cui gli agenti patogeni possono entrare in contatto, cioè le superfici di contatto in rame metallico, possono contribuire a ridurre i problemi di igieneIl sito Società Americana di Microbiologia (WEA). Ad esempio, le superfici di rame secco in ambienti di laboratorio e ospedalieri hanno dimostrato di essere molto efficaci nel distruggere una vasta gamma di microbi.

Negli ospedali, azioni come l’apertura delle porte, lo sciacquone dei bagni e l’apertura dei rubinetti possono esporre i pazienti, coloro che vi lavorano e i visitatori a super insetti resistenti agli antibiotici, tra cui lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina. In un processo americano, è stato ha identificato il superfici più contaminate nei reparti ospedalieri ed è stato confermato che quelli “sporchi” sono quelli più vicini al paziente: sponda del letto, tavolo del letto, braccioli della sedia di accompagnamento e pulsante di chiamata.

Nella maggior parte dei casi, i componenti in rame possono essere facilmente installati o adattati in pochi minuti. Con oltre 500 leghe di rame registrate EPAInoltre, questo materiale può essere utilizzato per le maniglie delle porte, i binari delle scale, le maniglie, i maniglioni, i lavandini, le leve dei rubinetti, i carrelli e altre attrezzature sanitarie.

Il rame è diventato anche luogo comune per lo stoccaggio e la trasmissione dell’acqua attraverso tubi e rubinetti e superfici di preparazione del cibo. In uno studio su l’efficienza del rame all’inseguimento di Salmonella Enterica y Campylobacter jejuniEssendo due dei più comuni agenti patogeni batterici delle malattie di origine alimentare, gli esperti riconoscono l’efficacia delle superfici di rame contro questi due agenti patogeni e ne sostengono l’applicazione in varie operazioni di trasformazione alimentare come la carne. È stato utilizzato come sostituto di materiali come l’acciaio inossidabile e la plastica.

Con l’invecchiamento di alcune superfici non rivestite di leghe di rame, esse possono cambiare leggermente colore a causa dell’ossidazione naturale, ma questo non influisce sulla loro efficacia antimicrobica: l’usura di questo materiale, e anche l’ossidazione naturale di alcune leghe di rame, non influisce sull’efficacia del materiale. Continua ad essere efficace anche dopo l’uso. Ma per rimanere efficaci, dovrebbe essere pulito regolarmente, come per qualsiasi altro materiale.

Avere un tale materiale antimicrobico non significa che non si debba tener conto delle buone prassi igieniche, come Esci di scenache continuano ad essere la base per il controllo delle infezioni.

Il rame può sviluppare resistenza?

I batteri hanno sviluppato, nel corso degli anni, meccanismi di resistenza agli antibiotici. Potrebbe essere lo stesso per il rame? Gli esperti ammettono che, al momento, ciò è improbabile per diversi motivi:

  • Poiché il rame è naturalmente presente nella crosta terrestre e, ad oggi, non sono stati dimostrati organismi resistenti. Anche gli organismi che tollerano il rame muoiono a contatto con le superfici di questo materiale.
  • Perché il rame uccide i microrganismi attraverso diverse vie piuttosto che specificamente in un recettore, come fanno la maggior parte degli antibiotici.
  • Perché i microrganismi muoiono prima di potersi replicare e quindi non possono trasmettere materiale genetico che potrebbe portare allo sviluppo di resistenza.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall'infanzia

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall’infanzia

I vantaggi dell’ascolto della musica sono numerosi. Il cervello rilascia dopamina – un neurotrasmettitore associato …

Dieci motivi per non indossare abiti troppo stretti

Dieci motivi per non indossare abiti troppo stretti

Molti di noi hanno sentito una volta, seduti su uno sgabello per esempio, che ci …

La luna piena influenza la qualità del nostro sonno?

La luna piena influenza la qualità del nostro sonno?

Carlos, lettore e partner di avnotizie.it, commenta nel corpo di una e-mailNon sono molto portato …