Cos'è e cosa non è il pesce azzurro?

Cos’è e cosa non è il pesce azzurro?

Il pesce, qualunque cosa sia, è un’importante fonte di nutrienti e contribuisce a un’alimentazione sana. In generale, hanno un basso numero di calorie, ma una fonte importante e buona di proteine, vitamine e minerali. Molte specie sono ricche di acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6. Per tutte queste peculiarità, i pesci dovrebbero essere inclusi in qualsiasi dieta sana ed equilibrata.

Il grasso, chiave nella classificazione dei pesci

Il valore nutrizionale dei pesci dipende da fattori quali specie, tempo di cattura, età, ecc. Uno dei più decisivi quando si parla di pesce è la quantità di grasso (che è inversamente proporzionale alla quantità di grasso nel pesce), che determina la classificazione del pesce in bianco o blu. Questo nome è una convenzione piuttosto che una classificazione basata su rigorosi criteri scientifici perché non descrive alcuna specie particolare, ma si riferisce a vari aspetti, come il colore e, soprattutto, il suo contenuto di grasso.

Il pesce azzurro (o pesce grasso) è considerato grasso almeno del 5%; al di sotto di tale importo, cioè con un contenuto che va dall’1% al 2%, è considerato pesce bianco o magro. Va notato che la quantità di grasso varia non solo da una specie all’altra, ma sono coinvolti anche altri aspetti:

  • se sono stati allevati in sale o acqua dolce (l’acqua salata ha più grasso)[1965900]temperatura dell’acqua (a temperature più fredde, grasso/
  • le abitudini alimentari ; ad esempio, l’anilla può avere più grasso del bonito, anche se si considerano i due pesci blu.

Un altro modo per distinguere il pesce azzurro, ma questa volta fisicamente, è dalla forma della coda:

  • se questo è dritto o a forma di ventaglio è pesce bianco
  • invece, se ha la forma a freccia è pesce azzurro

Pesce azzurro

Pesce azzurro principale[1965[1965[1965″

Pesce azzurro principale[19655[196555]

Pesce azzurro

[9Iltonnorosso [ (Thunnus thynnus) è uno dei più apprezzati in gastronomia. Questo tipo di pesce è un’ottima fonte di proteine di alto valore biologico, vitamine e minerali. Al contrario, ha un basso livello di grassi saturi e un’alta percentuale di acidi grassi polinsaturi di tipo omega 3.
  • boqueràn (Engralous encrasicolus) è uguale all’acciuga ed è solitamente commercializzato fresco. Una grande quantità di boqueràn viene utilizzato per fare semi-conserve in aceto, anche se può anche essere consumato fritto o malconcio.
  • Il salmon (Salmo salar) è di solito commercializzato intero fresco o affettato, ma anche congelato. Il colore rosa è una delle sue peculiarità, così come la sua carne grassa.
  • La sardina è molto deperibile. Di solito è commercializzato fresco e, in alcuni casi, salato e affumicato (sardina di aringhe); è insolito trovarlo congelato. Questo pesce può essere trovato tutto l’anno, ma da luglio a novembre è quando ha il più grasso.
  • bonito (Thunnus alalunga) è altrettanto diffuso in pescivendoli che sono una specie vicina al tonno ma di dimensioni più piccole, e la cui carne è più utilizzata per le conserve, anche se ci sono piatti importanti nella cultura popolare con questa base, come il marmitako, il bonito nel pomodoro o l’andaluso.
  • ) sgombro o verdel (Scomber scombrus) appartiene al gruppo blu e anche se non è così comune, può essere trovato anche nei pescivendoli.
  • jurel or chicharro (Trachurus trachurus) è anche pesce azzurro con eccellenti proprietà culinarie.
  • Il pesce blu è cattivo?

    Ci sono grassi buoni e grassi cattivi, e il pesce azzurro è ricco di grassi insaturi (oleico, linoleico e omega 3), che riducono i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue. Ci sono due tipi di acidi omega-3 che abbondano di pesce blu, EPA (acido eicosapentaeno) e DHA (acido docosaexaenoico). Alcuni anni fa, un gruppo di esperti dell’Università di Pittsburgh ha deciso di determinare perché l’incidenza delle malattie cardiovascolari in Giappone è molto bassar che in altri paesi come il Canada, l’Europa occidentale o gli Stati Uniti.

    Poi, hanno osservato che il consumo di pesce ricco di omega 3 in Giappone è molto più alto che in altri paesi: consumano in media 100 grammi di pesce al giorno; Gli americani, d’altra parte, lo fanno due volte a settimana. Gli autori hanno poi osservato che il più alto consumo di pesce oleoso in questo paese è uno dei principali contributori ai suoi tassi relativamente bassi di malattie cardiache.

    In un altro studio epubblicato in Nutrientsgli esperti del Dipartimento di Ricerca Agricola degli Stati Uniti, dell’Università del Minnesota e dell’Università del Dakota del Nord sottolineano anche i benefici degli acidi grassi per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. 

    Nonostante tutti questi e altri studi sui suoi effetti benefici, l’analisi degli studi negli ultimi 50 anni dà anche luogo a alcune discrepanzecome riconosciuto nell’articolo Nutrizione e salute cardiovascolare, pubblicato nel Giornale spagnolo di cardiologia, secondo il quale i risultati di studi clinici randomizzati non mostrano una riduzione del rischio di mortalità da malattie cardiovascolari. P

    ero ciò che non è contestato è che il pesce azzurro è un’importante fonte di proteine, vitamine A, D e B12 e minerali. Le raccomandazioni dei consumatori ci incoraggiano a prendere da due a quattro porzioni pescate a settimana, alternando pesce azzurro o pesce bianco. Si stima che una porzione di pesce sia compresa tra 100 e 125 grammi di pesce nelle bistecche o tra 200 e 250 grammi di pesce intero. 

    Ci sono altri “ma” nel consumo di pesce azzurro?

    Se dobbiamo cercare un problema con il consumo di pesce azzurro, si riferisce, piuttosto che al particolare pesce, alla qualità delle acque in cui vivono, il che fa sì che gli animali che vivono in esse accumulino sostanze tossiche come il mercurio e altri metalli pesanti. Pertanto, il pesce azzurro immagazzina tali contaminanti, in particolare specie più grandi come il tonno o il salmone. Si tratta di specie che possono accumulare più minerali della pesca principalmente a causa delle loro dimensioni, perché si nutrono di altri esseri della catena trofica e perché vivono più a lungo.

    Ci sono raccomandazioni sul consumo di questo tipo di pesce. In Spagna, l’Agenzia spagnola per gli affari dei consumatori, la sicurezza alimentare e la nutrizione [1945904](AECOSAN) stabilisce una serie di modelli di consumo per i settori della popolazione più sensibili. Per le donne incinte o in allattamento e per i bambini sotto i 3 anni di età, è sconsigliato consumare pesce spada, squali e tonni pinna blu e, nei bambini dai 3 ai 12 anni, per limitarlo a 50 grammi/settimana o 100 grammi / ogni due settimane. 

    Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscrivetevi alle nostre newsletter

    Controlla anche

    Cibo e cambiamenti climatici: perché mangiare solo prodotti stagionali

    Cibo e cambiamenti climatici: perché mangiare solo prodotti stagionali

    Per mangiare o non mangiare. Anche se forse la domanda e’ questa: cosa mangiare in …

    Cinque stufati tipici spagnoli (con 5 vini rossi) per affrontare l'inverno

    Cinque stufati tipici spagnoli (con 5 vini rossi) per affrontare l’inverno

    Lo stufato è un pasto tipico spagnoloE ‘molto nutriente e perfetto per l’inverno, che in …

    Quanti tipi di sidro ci sono?

    Quanti tipi di sidro ci sono?

    Proprio come il vino, il sidro era già in atto ai tempi degli Ebrei, degli …