Cosa si mangia la vigilia di Natale e il giorno di Natale in ogni comunità autonoma della Spagna?

Cosa si mangia la vigilia di Natale e il giorno di Natale in ogni comunità autonoma della Spagna?

Fare una raccolta dei pasti natalizi più tradizionali in ogni regione è come per guardare le case di ogni nonna e ricordare cosa mangiava. È difficile stabilire un menù generalizzato, ma possiamo trovare alcuni piatti comuni. Faremo un viaggio gastronomico attraverso la Spagna con qualche piccolo tocco delle sue bevande tipiche.

1. Andalusia

Come aperitivo, è comune mangiare gamba al forno o ciccioli con sale, pepe, olio e limoneLo stesso vale per i frutti di mare cotti o, come antipasto, nella zuppa di pesce, così come il pucherito alla menta. Di principale, pesce al forno o tacchino o calamari ripieni… Per dessert, pestiños, rosquitos o abuelas, quei dolci di pasta fritta di origine musulmana. Il moscato corre da solo.

2. Aragona

È molto tipico in questa zona della penisola a nord-est il cardo con mandorle o anche con merluzzo, il cardo con orecchio e coda di maiale e, per ipotesi, il cardo con orecchio e coda di maiale, arrosto di vitello, in varie ricettepiù comunemente arrostito come spalla e stinco. Il cavolo rosso e l’orata al forno sono altre opzioni, seguite dal torrone e dagli involtini di torrone, naturalmente. Non ci mancheranno le garnachas, né bianche né rosse.

3. Asturie

E’ divertente che ci dicano che la cosa più tipica sono i dolci, in particolare casadiellas e budino di riso o frixuelos. Per quanto riguarda i pasti: tartarughe di mais con formaggio cabrales e panini preñaos (sia chorizo che formaggio erborinato). Poi, naturalmente, la fabada (stufato di fagioli) e, più natalizio, i frutti di mare del Golfo di Biscaglia. E, naturalmente, il tutto innaffiato con il sidro.

4. Isole Baleari

Sono molto eleganti galletti ripieni o zuppa della regina con crema pasticcera all’uovo salataOltre a farcire tacchini, capponi, calamari o il tipico maialino di Maiorca per l’ingrasso naturale. Delizioso su sofrit pagès di Ibiza e Formenteracon agnello e pollo, sobrassada, salsiccia e carciofi. I dolci, i torroni, ecc. vengono annaffiati con i tipici liquori alle erbe ibizenche e i vini dell’isola, che non sono pochi.

5. Isole Canarie

Nonostante le differenze tra le isole, la zampa di maiale arrosto, il baifo, le patate rugose e il gofio scottante cadono sempre, insieme al carne di capra e coniglioI piatti più popolari sono: le patelle con mojo verde, la ropavieja, quella vecchia alla griglia o al forno, il formaggio arrosto con mojo… e per dessert, la trota (pasticci) con pelo d’angelo o patata dolce, il latte arrosto, le quesadillas, il bienmesabe, i mantecados e il marzapane, innaffiato con il rum e con i vini caratteristici dei suoi terroir vulcanici.

6. Cantabria

Sembra che la base lumache in diverse elaborazioniI piatti principali sono: zuppa di pesce, orata o altro pesce al forno del Golfo di Biscaglia e alcuni frutti di mare, oltre a qualche agnello da latte per la sua vicinanza a Castiglia e Leon e, per finire, torrijas, sì o sì. A proposito, qui hanno anche del sidro locale.

7. Castiglia-La Mancia

Come antipasto, le melanzane Almagro e le olive spaccate con un vermouth dalla terra, prima dei ceci Torraos. Sono piatti molto tradizionali come il Atascaburras con briciole di merluzzogli involtini di mollica, il macello dell’aglio o il morteruelo. Anche le pernici sottaceto o i fagioli con la pernice e il pollo in pepitoria bagneranno la zurracapote, che è una bevanda preparata con distillato di finocchio, anice, frutta, ecc. Si distingue l’eccellente qualità del marzapane di Toledo, seguito dai fiocchi della Sierra de Alcaraz, dai suspiros e dalle peladillas.

8. Castiglia e Leon

A Natale el maialino e, soprattutto, l’agnello non mancano da nessun tavolo. Nei villaggi lo chiamano anche tostón. La rana pescatrice, il nasello o i gamberi sono seguiti da melograno o macedonia per dessert, così come il marzapane dolce con pinoli, peladillas, polvorones de Tordesillas, turrón e orejones. Ribera del Duero, Toro, Rueda e Bierzo sono le più note DO.

9. Catalogna

Il molto raro sono la zuppa di galletti (pasta con carne) e carn d’olla (con ceci, verdure, salsiccia, polpette), i cannelloni di carne e i galletto o tacchino ripieno, stufato. E, anche se tutte le denominazioni della terra sono molto importanti, senza cava, come mostriamo in questo articolo, non c’è paradiso in Catalogna, dove hanno anche grandi turrón artesanos e neulas.

10. Città autonome di Ceuta e Melilla

Come possono non tirare il pesce attraverso lo Stretto di Gibilterra e i frutti di mare come la granceola o il polpo, giusto? Anche se è anche il pollo moresco e altre ricette con un tocco di arabo come le lumache alla Ceuta, in contrasto con le ricette tipiche andaluse come le zuppe macinate, ma con carne al posto del prosciutto o dei calamari ripieni, così come la classica pasta sfoglia ripiena marocchina. E i tronchi di Natale e gli ubriaconi imbalsamati sono molto richiesti.

11. Euskadi

La vigilia di Natale di solito mangiamo torta kabratxo e zuppa di pesce e cardo con mandorlee il giorno di Natale l’agnello, anche se non tanto perché tutti preferiscono il pesce o i frutti di mare come la grancevola… A Gipuzkoa prendono (o prendevano) intxaursalsa, una crema di noci e, per dessert, tejas de Tolosa, turrones de Gorrotxategi e de Goya. Sidro basco o txacoli da inzuppare.

12. Estremadura

Le nostre fonti riconoscono che storicamente non sono state molto originali e hanno buttato via tacchino e orata, anche se è vero che il maiale iberico fa sì che ogni casa abbia un piatto di maiale. Dal semplice piatto di prosciutto del vostro DO a Filetti ripieni o stufato di maiale. Ora si affidano molto al prosciutto, ai frutti di mare e alla carne, in particolare alla selvaggina come cervi e caprioli di ogni tipo, persino ai paté. Non si può concepire un pasto in Estremadura senza i suoi formaggi, soprattutto i suoi dolci, con i vini della Ribera del Guadiana, naturalmente. E sono famose anche le mandorle caramellate e i confetti.

13. Galizia

Il grande protagonista è il pesce, ovviamente: granseole, capesante e vongole al forno. Ma tutto in generale. Il baccalà cucinato con cavolfiore e aglio, qualcosa di meraviglioso fatto di olio, aceto, aglio e paprica; un po’ di pesce al forno e stinco di capra o di maialino in umido. Il cappone, il gallo o il pollo ruspante di Villalba vengono solitamente serviti ripieni e accompagnati da salsa di mele e purè di patate. Non mancherà mai il lacón con i grelos e, per dessert, la zuppa di mandorle, torrijas en almíbar, filloas, tarta de Santiago e roscón de reyes. Di vini, godellos, albariños, ribeiros e mencías, seguiti dagli spumanti galiziani e dai loro orujos fatti in casa, naturalmente.

14. La Rioja

Ci sono chiare influenze reciproche tra tutte le regioni vicine, in modo che la più tipica è la cardo con besciamella e mandorleIl piatto è a base di agnello o capra arrosto, baccalà alla Rioja e orata al forno. Per il dessert, oltre a torrone e polvoroni, composta, macedonia, confetti fatti in casa e marzapane Soto. Vini locali e liquori di Valvanera o pacharán.

15. Roma

Trippa con ceci e cavolo rosso come accompagnamento a tutto il resto, che si tratti di agnello da latte, frutti di mare della Galizia, pesci vari come l’orata al forno e per finire torrone e pancetta fatti in casa dal cielo. Le garnachas del DO Roma non deludono mai.

16. Murcia

Stufato di tacchino con polpette di carne e brodo di aprire la bocca. Le palline sono polpette giganti fatte con carne macinata, sangue di tacchino, pinoli e spezie che danno allo stufato un tocco molto particolare. Mangiano anche cosciotto d’agnello o capretto, testa d’agnello e, per dessert, torte pasquali, torte di recao o di conte, marzapane Moratalla e torte di capelli d’angelo. Le DO di Yecla, Jumilla e Bullas danno molto di sé.

17. Navarra

Cardo o borragine o carciofi con prosciutto o mandorle. Per il secondo piatto, baccalà, arrosto di maiale o agnello, pollo con chilindrón (salsa piccante)… La tipica frutta secca come gli orejones (albicocche secche), le prugne per dessert e i loro rosé navarresi, sia nel vino che nello spumante, che hanno un DO Cava, come vi diciamo qui.

18. Comunità di Valencia

Come non potrebbe essere altrimenti, cade sempre la paella o cucinata con Trampoli per l’albero di Natalel’intera famiglia dei gamberi, su esgarraet di cipolle, peperoni e merluzzo e varie carni al forno. Il tutto annaffiato con uva Bobal o Moscato di Alessandria d’Alicante. Le torrone di Jijona e Alicante sono famose in tutto il mondo e il paliquesta volta dolce, a base di mandorle e cannella. La mistela con Pedro Ximenez è già il massimo.

Se nella vostra terra manca una ricetta fondamentale, sentitevi liberi di condividerlo nei commenti, per favore!

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Barba, rasoio elettrico o lama: qual è la rasatura più sostenibile ed ecologica?

Barba, rasoio elettrico o lama: qual è la rasatura più sostenibile ed ecologica?

L’orgoglio barbuto contro l’uomo appena rasato. Pedro, partner di avnotizie.it, ci chiede quale opzione sia …

Come fare una frittata vegana (senza usare un solo uovo)

Come fare una frittata vegana (senza usare un solo uovo)

Susana, lettrice e partner di avnotizie.it ci dice in una e-mailUna mia amica vegana ha …

Cottura in lotti e cibo vero: come usare Instagram per mangiare più sano

Cottura in lotti e cibo vero: come usare Instagram per mangiare più sano

Essere buongustaio it una tendenza che si riflette nei social network come Pinterest o Instagramgallerie …