Consistenza cardiaca: le emozioni possono essere controllate attraverso la respirazione?

Consistenza cardiaca: le emozioni possono essere controllate attraverso la respirazione?

Per anni la neurocardiologia ha definito il cuore come un sistema molto complesso, un organo sensoriale sofisticato che riceve ed elabora le informazioni. Pertanto, secondo questa visione, il cuore non è solo incaricato di pompare il sangue, ma ha decine di migliaia di neuroni che li fanno agire come piccoli cervelloni.

Il sito cervello e cuore sono collegati attraverso il sistema nervoso periferico, formato allo stesso tempo dal sistema simpatico (si attiva quando siamo in allerta, rilasciando adrenalina e attivando il ritmo cardiaco) e dal sistema parasimpatico (rilascia neurotrasmettitori che generano calma e quindi rallentano il ritmo cardiaco).

Come riconosciuto dalla Fondazione spagnola per il Cuore, il cuore non batte sempre allo stesso modo o alla stessa velocità costantemente. I battiti cardiaci possono variare tra i 60 e gli 80 al minuto a riposo, senza che questo abbia nulla a che fare con le aritmie. Al contrario, è sinonimo di un cuore sano. A seconda dell’attività che esercitiamo, la frequenza cardiaca varia. Ma anche le emozioni giocano un ruolo: in uno stato di paura o di rabbia o di stress, la frequenza cardiaca aumenta.

La coesione cardiaca per la rimozione dello stress?

La coerenza cardiaca è una tecnica che cerca di coordinare la respirazione con la frequenza cardiaca per rallentare e stabilizzare la respirazione e rallentare e stabilizzare il battito cardiaco. La respirazione e la frequenza cardiaca sono strettamente correlate. Sviluppato dall’HeartMarth Institute in California, USA, “respirazione a coerenza cardiaca” si riferisce, come suggerisce il nome, al rilassamento della respirazione e alla frequenza cardiaca.

Si tratta quindi di uno strumento o di una tecnica destinata a gestire lo stress e l’ansia attraverso la respirazione. Il termine coerenza implica correlazioni, connettività, uso efficiente dell’energia, ecc. In un discorso orale, per esempio, la coerenza ci permette di adattare bene le parole e di ordinare correttamente la frase: solo così il discorso ci raggiunge bene.

Allo stesso modo, i nostri sistemi fisici, mentali ed emotivi funzionano, dove questo termine è usato per descrivere uno stato di efficienza psicologica in cui il sistema nervoso, cardiovascolare, endocrino e immunitario funzionano tutti in armonia. Si presume che il cuore abbia un proprio circuito neuronale che è interconnesso con il cervello e controlla le emozioni e la fisiologia del corpo.

Gli esperti hanno scoperto che ci sono alcuni 40.000 neuroni nel cuoreil che significa che ha un proprio sistema nervoso. Quando siamo stressati, il nostro corpo perde questa armonia, è fuori sincronia a causa di emozioni negative (emozioni distruttive come l’ansia, la rabbia o la frustrazione possono bloccare il ritmo).

Questo si traduce in un’alterazione della frequenza cardiaca e in un blocco a livello del cervello. Al contrario, le emozioni positive creano un equilibrio tra il sistema nervoso e la frequenza cardiaca. Secondo ricerca condotta dall’Istituto HearthMarthQuando una persona prova sentimenti positivi (e il ritmo cardiaco è più costante), è possibile modificare le funzioni corticali.

Uno degli obiettivi della frequenza cardiaca è imparare a gestire l’ansia, aumentare l’energia vitale e controllare lo stress e il dolore. Questa tecnica si è dimostrata efficace per la riduzione della pressione sanguigna acuta. Con un ritmo di battito ritmico, riusciamo ad entrare nella coerenza cardiaca, cioè in uno stato di rilassamento e di benessere.

Come respirare

Il sito tecnica sviluppata da esperti americani ci permette di controllare le accelerazioni e le decelerazioni del cuore attraverso la respirazione. Inspirare ed espirare volontariamente e lentamente aumenta l’ampiezza della frequenza cardiaca. La sincronizzazione tra il respiro e la frequenza cardiaca permette di raggiungere quella che gli esperti chiamano “coerenza”.

Un modo per ridurre lo stress è pensare di respirare, in un ambiente tranquillo, seduti con i piedi per terra, senza incrociare mani e gambe:

  • Inspirate attraverso il naso per cinque secondi.
  • Espirare con la bocca per cinque secondi.
  • eseguire sei inspiri ed espiri al minuto per cinque minuti, almeno tre volte al giorno.

La respirazione e la frequenza cardiaca sono due sistemi primari per il corretto funzionamento delle cellule. Per la Fondazione spagnola del cuore, respirare male significa stress, ansia e stanchezza fisica e che il nostro cuore deve lavorare molto più duramente affinché le cellule possano ottenere l’ossigeno di cui hanno bisogno.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Per un lungo periodo di tempo, internet e i social network diffuso il cosiddetto “sfide …

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Li abbiamo messi a fare l’acquisto o andare giù per la farmacia. E molti messaggeri …

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall'infanzia

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall’infanzia

I vantaggi dell’ascolto della musica sono numerosi. Il cervello rilascia dopamina – un neurotrasmettitore associato …