Come rimediare per evitare la scadenza del cibo

Come rimediare per evitare la scadenza del cibo

Sì, tutti noi sosteniamo di avere a cuore l’ecologia e la sostenibilità del pianeta, e alcuni di noi sono anche seguaci di Tristram Stuart e del suo movimento contro gli scarti alimentari. Ma la verità è che la coscienza va da una parte e la coerenza dall’altra in molti di noi. Quello che pensiamo, non ci esercitiamo e lasciamo le luci accese ovunque, mettiamo il router dove non si tocca, con quello che sprechiamo wifi, o semplicemente passiamo la nostra vita gettando cibo che abbiamo lasciato marcire o scadere per una sorta di negligenza forzata dal ritmo della vita che portiamo.

Beh, c’e’ qualcosa che possiamo fare al riguardo? Viviamo intrappolati in una matrice di obblighi, mancanza di tempo, stanchezza e responsabilità che ci superano, basta preoccuparsi dello stato dei pomodori …. Sì, dei pomodori e di molti altri alimenti, perché in fondo è molto facile evitare di dover buttare via cibo per marcio o obsoleto. Qui ci sono undici semplici trucchi per aiutarvi a risparmiare denaro, essere più coerenti con le vostre idee e mangiare cibi più sani.

1. Il pane, nel congelatore

Compri il pane ogni giorno? E’ un bel rituale che a molti di noi piace per l’odore dei panifici e la sensazione che ci sono ancora costumi che non sono andati perduti. Ma, naturalmente, non capita tutti i giorni di mangiare una pagnotta di pane, o due….. Ci sono sempre un sacco di fette biscottate più o meno uniformi che finiscono nella spazzatura.

Non è meglio tagliare le porzioni con un coltello, calcolando quella che andremo a mangiare e lasciando in modo pulito quello che pensiamo di avere rimasto? Gli avanzi vengono messi in un sacchetto di plastica e messi nel congelatore. Il giorno in cui ne abbiamo bisogno, lasciatelo scongelare e riportatelo allo stato naturale.

2. Il vino, coperto sotto vuoto e in camera oscura

Sì, abbiamo sempre quel culo e mezza bottiglia che non abbiamo più voglia di bere. Beh, il vino spagnolo è economico, ma anche molto buono, e molti di noi pensano che sia un peccato mortale buttare via quello che altrimenti potrebbe essere un bicchiere delizioso. Quindi è meglio prepararsi con tappi di gomma e una pompa per vuoto manuale, che toglie l’aria dalla bottiglia paralizzandone l’ossidazione, e ricopriamo il contenitore.

Poi lo mettiamo in un armadio scuro e anche in frigorifero se è bianco o a chiaretto. Possiamo sempre toglierlo un’ora prima del consumo e lasciare che prenda la temperatura. Avremo il vino quasi nelle stesse condizioni di quando lo chiudiamo.

3. Acquisto di frutta e verdura in piccole quantità

Le verdure, in generale, hanno due grandi nemici: il tempo e i frigoriferi. Pomodori, banane, prugne, pesche o avocado non dovrebbero mai entrare, ma fuori passano rapidamente. Mele, fagioli, bietole, spinaci, melanzane, peperoni e altri, sopportano meglio il freddo ma non passano la settimana senza mostrare quella pastosità di marciume e l’aspetto di secchezza.

Quindi, non compriamo per sparare. Calcoliamo che cosa stiamo andando a consumare in due o tre giorni, andiamo in un negozio di frutta e selezioniamo il più fresco. Possiamo anche lasciare tutto fuori dal frigorifero, come il nostro palato lo apprezzerà, e preparare i piatti con la tranquillità che non ci passeranno. Dopo tre giorni torniamo dal fruttivendolo e ricompriamo.

4. Comprare più volte alla settimana

Questo paragrafo, che si applica al precedente, è qui esteso ad altri alimenti. Ok, le uova ben conservate durano diverse settimane fredde, ma gli yogurt, se sono veri yogurt con batteri vivi all’interno e latticini non sterilizzati, dureranno meno di una settimana. E lo stesso accadrà con altri alimenti naturali, come i sacchetti di lattuga triturata. Quindi, se siamo super carne, evitiamo i sacchetti per insalata 3×2 di yogurt e XXL. Finche’ non siamo una famiglia numerosa, ovviamente. Calcoliamo di consumare in una settimana.

5. Comprare frutta ancora verde

L’acquisto di frutta qualcosa di verde ha i suoi vantaggi. Prima di tutto, evitare di doverlo mettere in frigorifero in modo che ci arrivi alla fine della settimana. In secondo luogo, implica che può essere lasciata tranquillamente in un frigo o in una ciotola di frutta in modo che maturi bene. Ci sono alimenti come pomodori, avocado o banane che non possono entrare in frigorifero ma maturano rapidamente. L’acquisto di un po’ di verde ci dà la libertà di consumarli quando vogliamo.

6. Imparare cosa dovrebbe e non dovrebbe andare in frigorifero

Come già accennato, ci sono alcuni tipi di frutta e verdura che si rovinano in frigorifero, quindi metterli nel frigorifero con il sistema è sinonimo di finire nella spazzatura e anche sporcare i cassetti. L’avocado cagliata, la banana brucia, il pomodoro perde il suo sapore – fatta eccezione per le varietà acide come il ravizzone – e le salsicce e i formaggi si seccano e diventano acidi.

7. I prodotti insaccati, ai tomaie

Va bene: i sacchetti di insalate a fette e altri alimenti, come i formaggi grattugiati – teniamo d’occhio quello che sono veramente – sono molto utili per il trasporto e la manipolazione e proteggono dalla secchezza in frigorifero. Ma è possibile che all’interno del sacchetto si formi un ambiente di ormoni di maturazione, o di eccessiva umidità con batteri, che potrebbe portare alla putrefazione.

E’ meglio estrarre il prodotto dal sacchetto, se si tratta di una verdura lavarlo e scolarlo e metterlo in un ciuffo asciutto. Poi possiamo metterlo in frigorifero e migliorarne la conservazione. E’ quello che fanno i professionisti nei ristoranti seri.

8. Usa i tufali per conservare formaggi e salsicce

Infatti la salsiccia e il formaggio possono andare in frigorifero, ma a condizione che si trovino in un ambiente controllato, con una certa umidità che non si verifica negli attuali frigoriferi frost. Il tupper è il rimedio perfetto e prolunga le sue buone condizioni per settimane o addirittura mesi.

9. Utilizzare i tufali per conservare le porzioni rimanenti

Ancora una volta i tuppers sono i re della cucina moderna. Se facciamo troppo cibo e una buona parte viene lasciata nel vassoio, pensiamoci due volte prima di inviarlo al sacco della spazzatura biologica. E se lo mettiamo in un ciuffo e lo mettiamo nel freezer? Potrebbe essere una razione che un giorno vorremmo.

10. Ricerca di ricette per riciclare gli avanzi di cucina

Internet è pieno di ricette per cucinare grandi cose con gli avanzi di un pasto. Dai maccheroni ai cannelloni, passando per molteplici puree, intaglio e vecchi vestiti, la cucina tradizionale ha sempre sfruttato gli avanzi per preparare deliziose prelibatezze. Ma possiamo estendere il nostro riciclaggio a quel pomodoro che è stato quasi liquefatto e che possiamo grattugiare e congelare per una salsa, o alla mezza poca di frutta che, tagliando il marrone, servirà per un’ottima macedonia di frutta al vino rancido. E così, tirando l’ingegno, ci sono mille possibilità.

11. Carne e pesce, direttamente al congelatore in unità isolate.

Beh, ciò che sembra così ovvio non è sempre vero: il frigorifero è quasi vuoto e il congelatore è quasi pieno. Lasciamo la spesa in frigorifero perché pensiamo di mangiarla in tre o quattro giorni, ma poi ci sono pranzi e cene in famiglia o con gli amici, e finisce per avere un odore strano….. E’ meglio separare i filetti e i pesci, il lombo e i calamari, avvolgerli in sacchetti individuali e portarli direttamente al congelatore.

Poi, se si scopre che è ora di mangiare e abbiamo tutto surgelato, non abbiate fretta: ci sono tattiche per scongelare improvvisamente senza danneggiare il prodotto. La cosa migliore è riscaldare l’acqua fino a 50 gradi Celsius, non di più. Poi immergiamo il sacchetto con quello congelato in acqua finché non notiamo la carne morbida, che sarà di circa due o tre minuti; la togliamo e apriamo il sacchetto. Pronti a cucinare.

Se non vuoi perderti nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla newsletter di ConsumoClaro.

Vi raccomandiamo anche voi:

E’ davvero vero che il cibo di oggi non ha più il sapore di quello che ci hanno dato le nostre nonne?

Controlla anche

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Sei piccole sfide padroni di casa di gestire al meglio la quarantena

Per un lungo periodo di tempo, internet e i social network diffuso il cosiddetto “sfide …

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Come utilizzare correttamente i guanti quando andiamo in farmacia o negozio di alimentari

Li abbiamo messi a fare l’acquisto o andare giù per la farmacia. E molti messaggeri …

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall'infanzia

Questi sono i grandi vantaggi di suonare uno strumento musicale fin dall’infanzia

I vantaggi dell’ascolto della musica sono numerosi. Il cervello rilascia dopamina – un neurotrasmettitore associato …