Vogliamo che i nostri cani (e gatti) per quanto a noi. Ed è normale sentire che il cancro può colpire i nostri amici a quattro zampe ci invadere la paura, la rabbia e incertezza. Infatti, gli esperti insistono, il rischio che il vostro perrete ha un tumore, lungo la sua vita, per non dire altro, altrettanto comune per voi. Secondo la Società di Veterinaria di Cancro, uno ogni quattro cani per sviluppare alcuni tipi di cancro; una malattia che colpisce la metà dei cani di età compresa tra dieci anni.

Anche se le consultazioni di oncologia, i cani sono abbastanza frequenti, Ricardo Ruano, presidente del gruppo di Oncologia veterinaria dell’Associazione dei veterinari spagnolo specialisti nei piccoli animali (l’Associazione), smonta il mito che il cancro avrà una fine necessariamente irreversibilené per gli esseri umani, non per i gatti, né per i cani. “Un sacco di persone associano oncologia veterinaria con il terminale o la chemioterapia, ma per fortuna, il 75% delle query non è venuto per questo; infatti, quasi tutti i casi meglio”, dice l’esperto.

Il cancro della nostra perretes deve preoccupare, ma, se diagnosticata in tempo, è normale che non è la fine del mondo. Il fatto che i nostri amici a quattro zampe ogni volta a vivere più anni che spiega in parte il motivo dell’insorgenza di tumori è cresciuta. Ma ci sono molti tipi, spiega Ruano: ci sono benigne o maligne, “e molti tumori maligni sono curata con la chirurgia“. In altri casi è necessario il trattamento con la chemioterapia, come con le persone.

Sì: è fondamentale per imparare a rilevare la presenza di eventuali sintomi di cancro del vostro compagno pelosoe agire rapidamente. “Quando si tocca un nodulo sul corpo del nostro piccolo cane, che cosa mai c’è da fare è aspettare per vedere se cresce: che è la cosa peggiore che si può fare con un tumore”, avverte Ruano.

Riconosce il cancro nei cani

Ci sono quattro principali gruppi di segnali per rilevare un tumore al tuo amico.

1. La damn small piccolo bump

La prima cosa è vedere o sentire l’infortunio. Se il tuo amico ha un tumore della pelle o del tessuto sottocutaneo (sotto la pelle), si dovrebbe essere in grado di sentire o toccare il grumo o un nodulo. “Se si trova un nodulo nella pelle del vostro perrete, o sotto di esso, devo andare ad un veterinario a considerare l’importanza che può avere.” L’urgenza non è casuale: tumori della pelle sono il tipo più comune di cancro nei cani.
Così, un terzo dei tumori perrunos sono noduli che sono poi palpato, come grumi in pelle o gonfiore delle ghiandole linfatiche.

E influenzare alcune razze sono più di altri. “È raro che un pugile o un labrador che non hanno per togliere un tumore della pelle durante la sua vita”, avverte il veterinario oncologo. Altre volte questi dossi sono lipomi, o molli tumori di grasso, di solito benigna, che appare sotto la pelle. “Qualsiasi nodulo o massa che palpemos mentre spazzolatura o il bagno con il cane o animale domestico lui è un motivo per andare dal veterinario”. E non sono solo i cani, i gatti possono anche soffrire di cancro, tra gli altri, di pelle.

2. Il cane smette di mangiare o è indifferente

A volte sono in generale i segni che possono essere confusi con altri comuni della malattia, vale a dire, perdita di appetito, anoressia, debolezza o perdita di peso senza motivo apparente. Sono i tipici segni di cancro che ci piacerebbe anche vedere una persona malata; che è a dire, perdere peso o di subire un deterioramento delle loro condizioni fisiche, come una riduzione della massa muscolare. Tutti questi sintomi possono essere indicativi di qualsiasi tipo di tumore è più interne, come quelle che colpiscono gli organi.

3. Gonfiore dei linfonodi dietro le ginocchia

Un altro sintomo che si può avvertire di un tumore nel cane sono chiamate adenopatie, vale a dire un aumento delle dimensioni o gonfiore dei linfonodi. Questa lesione è molto tipico di quando il cane soffre di linfoma, un tipo di tumore che colpisce il sistema immunitario, la rete che combatte i germi, virus e batteri. Questi linfonodi si trovano in tutto il corpo del tuo amico; per esempio, nella zona cervicale o la parte posteriore del ginocchio. Se le note crescere, è necessario andare dal veterinario.

4. Il cane tossisce o vomita

Il quarto gruppo di segnali che possono indicare che il cane ha un tumore sono legati al luogo di utilizzo, e gli indizi per rilevare sarà differente in funzione della parte o organo del corpo di al tuo amico che è interessato. Così, un tumore al polmone causa tosse e difficoltà di respirazionementre un tumore nel tratto digestivo vi darà il vomito. Occhio: i tumori dell’apparato digerente sono relativamente comuni nei cani anziani.

Allo stesso modo, “un cancro che colpisce le ossa causare un limp in un cane che sarà in grado di rilevare durante l’ora in giro; ma, se si moltiplica nel midollo spinale possono causare anemia e il nostro cane sarà pallido”, aggiunge il veterinario Javier Frias. È di più: come in una persona, il cancro può colpire tutte le cellule del corpo del vostro cane. “Per questo motivo a volte è complicata a punto di specifici sintomi; e c’è di che guardare per i segni di una più generale e comune a molte malattie, come apatia, perdita di peso o che il cane non voglia di mangiare,” dice Freddo.

Prevenire è meglio che curare

Non solo è importante per rilevare il cancro in nostro amico peloso. È altrettanto importante prevenire. Anche se alcuni tipi di tumore sono più complicati da evitare, altri non sono così. È il caso del tumore della ghiandola mammaria nelle femmine. “Un gesto semplice come un sterilizzare o castrare il nostro amico peloso lontano il rischio di soffrire di cancro al seno, uno dei tipi di tumore, con la differenza più comune nei cani di sesso femminile che non sono passati attraverso la sala operatoria”, indica Ruana.

Tanto che il tumore al seno è la prima casa di morte nei cani non sterilizzati. E ha insistito: “Vediamo se cresce il piccolo piccolo bump è il grande errore di medicina veterinaria. Perché si può rotolare il marrone”. Forte e chiaro.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter