Sara, lettrice e socia di avnotizie.it ci scrive una e-mail chiedendoci come realizzare deodoranti per l’aria domestica e chiedendoci anche della possibile tossicità di quelli venduti nei negozi di casa, profumerie e altri negozi di cosmetica, in quanto ha letto che in generale tendono ad emettere sostanze cancerogene; vuole sapere fino a che punto questo è vero.

La prima risposta che possiamo darvi è che la voce circa la tossicità dei deodoranti per ambienti commerciali è corretta in una certa misura, perché a quanto pare ci sono alcuni formati tossici, che secondo uno studio pubblicato dall’OCU nell’ottobre 2013, e realizzato in collaborazione con le equivalenti organizzazioni dei consumatori belgi, italiani e portoghesi, emettono più benzene del fumo di tabaccoun composto altamente tossico, come abbiamo spiegato in questo articolo sul fumo passivo. Per darci un’idea, il benzene partecipa al fastidioso odore di colle e vernici acriliche.

Ma non tutti i deodoranti per l’aria hanno questi livelli di emissione e alcuni risultano essere (quasi) del tutto innocui. È il caso dei deodoranti mikado, dove gli oli essenziali del deodorante e l’alcool che li rende la matrice assorbono il bastone ed evaporano lentamente. L’alcool e alcuni degli oli presenterebbero una certa tossicità a dosi elevate – per questo motivo il “quasi” – ma non a cui il mikado evapora.

Incenso e olii, un cocktail di sostanze tossiche

Vale a dire che questa è la presentazione ideale e raccomandata per questi prodotti, anche se è considerato valido, anche se dà concentrazioni leggermente più elevate nell’aria di alcol e oli essenziali, il formato aerosol utilizzando spruzzatori. A parte queste due tecniche, il resto sono la combustione: candele, combustione a olio o incenso. Mentre le candele profumate sono uscite abbastanza bene nello studio OCU, l’incenso è diventato il grande perdenti e dopo di loro la combustione di olii.

Il motivo è che la combustione di queste sostanze emette nell’aria un grande cocktail di composti tossici che entreranno nel nostro corpo attraverso la respirazione che, come abbiamo già sottolineato, può essere più tossico del fumo di tabacco, anche se puntualmente. AnchePossiamo assimilare l’inquinamento atmosferico nelle grandi città.. Queste sostanze non sono raccomandate:

  • Particelle finivengono rilasciate quando viene bruciato l’incenso e sono equivalenti a quelle che fuoriescono dai tubi di scarico delle auto diesel, ovvero le 14,5 PM. Il problema è che alloggiano nei polmoni e possono causare problemi respiratori. Il limite ideale è 12µg/m³, ma in alcuni incensi l’OCU ha rilevato livelli superiori a 5.000 µg/m³.
  • BenzeneÈ un idrocarburo aromatico di formula molecolare C6H6, di nota attività tossica e la cui esposizione è legata ad avvelenamenti momentanei ma anche a lungo termine con diversi tipi di cancro, in particolare la leucemia. L’analisi OCU lo ha trovato in tutto l’incenso e in alcuni oli combustibili, anche se in misura minore.
  • FormaldeideÈ un composto chimico delle vie respiratorie altamente volatile e irritante che può causare mal di testa. Il limite ideale sarebbe di 10 µg/m³ ma alcuni oli superano i 200 µg/m³ nelle analisi.
  • AllergeniPossono indurre reazioni di ipersensibilità nelle persone sensibili. L’OCU ha trovato fino a 13 allergeni nello stesso prodotto.
  • Sostanze irritantiNello studio hanno utilizzato come riferimento l’acetaldeide, che non dovrebbe superare i 200 µg/m³. Questo limite è stato superato in alcuni oli e incensi. La formaldeide, di cui abbiamo già parlato commentando la tossicità degli smalti acrilici, che viene utilizzata per il suo potere volatile per diffondere gli aromi, è 20 volte più tossica dell’alcool.

Se non vuoi perderti nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter