Non hai mai passato così tanto tempo a casa; E una volta che hai fatto il pieno di Netflix, i tuoi occhi potrebbero vagare per il soggiorno. E che finiscono per sistemarsi la sorprendente verniciatura a polvere della credenza in legno. O che scoprono una lampada che giureresti non fosse sul tuo tavolo o su quella libreria che ti piace tanto.

Spolverare è solo il primo passo affinché i tuoi mobili in legno siano sempre belli. Ma hai pulito o hai mai cerato i tuoi mobili di legno? Se la risposta è no, potresti già avere un piano per il fine settimana. Perché pulirli con un panno non è sufficiente, dicono gli esperti.

Il legno è un materiale semplice da mantenere felice e bello; e il primo passo è pulire la polvere con una certa frequenza. La polvere si deposita sulle superfici in legno, creando un rivestimento che non solo lo fa sembrare triste, ma aiuta anche i tuoi mobili a rovinarsi.

Per rimuovere la polvere dai tuoi mobili come un professionista, inumidisci molto leggermente un panno in microfibra (è più morbido e delicato con il legno), o un panno di cotone, e strizzalo bene prima di strofinarlo sui tuoi mobili. Quindi, rimuovere l’umidità in eccesso con l’aiuto di un asciugamano asciutto.

A meno che i tuoi mobili in legno non abbiano uno strato di protezione in plastica, dimentica i detersivi e altri prodotti multiuso con cui pulisci, ad esempio, il piano di lavoro della cucina. Anche se normalmente è preferibile non pulire il legno con acqua, se trovi una macchia o una macchia appiccicosa, devi ricorrere al classico rimedio dell’acqua e del sapone.

Per fare questo, inumidisci il panno in una soluzione delicata (con poco sapone), strofinalo fino a rimuovere la maggior parte dell’umidità e passalo sull’area che devi pulire. Successivamente, asciugalo bene con un panno o un asciugamano pulito e asciutto.

Non finisce mai di stupirci: l’olio d’oliva è molto più di un antiossidante e un ingrediente di riferimento nella dieta mediterranea. È anche un’alternativa naturale allo smalto sintetico. Va bene qualsiasi olio d’oliva: basta stenderne una piccola quantità su un panno, strofinare delicatamente la superficie, lasciarla asciugare; e pronto.

Lucidi, detergenti e altri oli commerciali a base di olio destinati al lavoro su mobili per proteggere il legno creando un rivestimento leggero e scivoloso che riduce i graffi. Ed è proprio lo stesso effetto che ottiene l’olio d’oliva: evitare che i mobili si rovinino.

Ora, ha un piccolo inconveniente. Usato da solo, l’olio d’oliva tende ad attirare la polvere. Per evitare questo: aggiungere un po ‘di succo di limone e frullare prima di applicarlo.

Questa è la ricetta casalinga più semplice per pulire i tuoi mobili in legno: aceto, olio d’oliva e limone. Mescola tutti gli ingredienti in un flacone spray. Per utilizzarlo, mescola e agita bene 30 grammi (g) di olio d’oliva, 30 g di aceto e circa 15 g di succo di limone.

Spruzza uno straccio (o una vecchia maglietta di cotone o una felpa che non indossi più) con una quantità sufficiente per inumidirlo. Strizza il panno per rimuovere il prodotto in eccesso e strofina la superficie del mobile nella direzione delle venature.

Inoltre, è più economico, dato che risparmi i quasi otto euro che di solito costa mezzo litro di un prodotto commerciale simile e mezzo decente. Inoltre, se riutilizzi la bottiglia, impedirai a una buona manciata di contenitori di plastica di finire sulla montagna della raccolta differenziata.

Un consiglio: non fare più quantità di prodotto di quanto ti servirà. È meglio non salvarlo; In questo modo eviti che marcisca o diventi rancido.

Ed ecco un compito che non dovresti saltare: cerare i tuoi mobili in legno. Può sembrare un vecchio compito o un allenamento di Karate Kid (chi non ricorda l’insegnante di Ralph Macchio che ripeteva il grind “ceretta, ceretta”?). Ma è anche un compito semplice che ti permetterà di avere i mobili come nuovi.

Applicare una piccola quantità di cera protegge i tuoi mobili dai graffi. Inoltre, non è così difficile come pensi. Metti semplicemente una piccola quantità di cera, delle dimensioni di una pallina da ping pong, su uno straccio di cotone (o sulla tua vecchia maglietta).

Arrotolare in una palla e impastare bene fino a quando la cera si ammorbidisce. Ora puoi applicarlo, nella direzione delle venature; e rimuovere l’eccesso con un altro panno di cotone pulito e asciutto. E ripete il karateka una volta all’anno: “Metti la cera, lucida la cera”. O ogni due, se sei troppo pigro. I tuoi mobili non avranno lamentele.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter