Ci scrive Perico Come risultato dell’articolo che abbiamo pubblicato domenica scorsa sui riscaldatori tankless: “L’ho trovato un dispositivo molto interessante e gli svantaggi che ha molto rivelatori. Anche così, penso che potrebbe essere interessante installarne uno. Per quanto riguarda la potenza contrattata, non è un problema perché Ho il più alto per uso domestico, ma non so se l’emissione di corrente trifase sarà un problema. Come posso sapere se la mia è trifase o normale? “

Da “normale”, Perico si riferisce alla corrente monofase, che in effetti è la maggioranza nelle famiglie spagnole e quindi la più normale. Tuttavia, non vi è alcun impedimento tecnico affinché una casa abbia corrente trifase; Quello che succede è che poiché la maggior parte degli apparecchi elettrici venduti sono monofase, è più facile funzionare con corrente monofase.

Detto questo, funzionerebbero allo stesso modo con corrente trifasica, anche se non sono progettati per lo stesso e forse ci farebbero saltare i cavi più del solito. Vedremo più avanti perché. Per ora, la prima cosa è spiegare le differenze tra corrente trifase e monofase.

È, come abbiamo detto, il più comune nelle case di tutti i tipi e dimensioni. Si caratterizza per essere corrente alternata fornita in una singola fase. La tensione di installazione può essere di 220 volt (v) o 230 v. A seconda di ciò, la potenza massima supportata è di 13,86 kW (220 v) o 14,49 kW a 230 v.

È una corrente alternata di tre diverse fasi, che divide la potenza erogata in tre. Le installazioni di corrente trifase sono utilizzate principalmente in locali commerciali e industriali, nonché in scale comuni dove sono presenti ascensori, pompe e altri dispositivi. La sua tensione è solitamente compresa tra 380 e 400 volt e la potenza massima è di 15 kW.

È estremamente semplice. Basta recarsi al quadro elettrico e controllare l’aspetto degli ICP, ovvero degli interruttori che attivano le diverse zone dell’impianto elettrico della casa, gli stessi che normalmente scendono quando saltano i cavi. Se si tratta di un’installazione monofase, avranno questo aspetto:

D’altra parte, se l’installazione è trifase, il suo aspetto sarà il seguente:

Sì possiamo, con un adattatore da presa trifase a monofase. E possiamo anche farlo al contrario, utilizzando un dispositivo monofase in un’installazione trifase.

Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli che i dispositivi monofase sono progettati per installazioni monofase e trifase per trifase. Bianchi e imbottigliati: non funzioneranno così ottimamente nel crossover.

Quindi, un dispositivo monofase di potenza medio-alta in un impianto trifase ci farà saltare i cavi continuamente, poiché è progettato per ricevere tutta la potenza in un’unica fase.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter