Come guardare il telefono correttamente per evitare lesioni alla schiena

Come guardare il telefono correttamente per evitare lesioni alla schiena

Qualche anno fa era in voga la cosiddetta “sindrome del collo da testo”, che ha descritto una serie di patologie associate alla cattiva postura quando si guarda il cellulare per strada. Il termine, coniato da un chiropratico americano, si riferiva al sovrappeso che i muscoli che sostengono il collo, soprattutto i trapezi e gli sternocleidomastoidi, sostengono quando si forza la postura quando si guarda il cellulare.

Il cellulare può pesare fino a 27 chili (nel collo)

Il motivo è che la tensione che la testa – che in posizione di colonna vertebrale diritta pesa circa cinque chili – esercita sui muscoli del collo cresce esponenzialmente con l’inclinazione del collo in avantiQuesta è la tensione che questi muscoli devono sopportare a volte per lunghi periodi o in modo molto ricorrente durante il giorno.

In particolare, uno studio del chirurgo spinale americano Kenneth K. Hansraj attribuisce i seguenti aumenti per grado di inclinazione del collo per guardare lo schermo del nostro smartphone:

  • Con un angolo di 0º la sollecitazione è pari a zero o equivalente a mantenere la testa in posizione: 5 kg
  • Con un angolo di 15° la sollecitazione può raggiungere i 12 kg
  • Con un angolo di 30° è di 18 kg
  • Con un angolo di 45º è di 22 kg
  • Con un angolo di 60° è di 27 kg

Pertanto, secondo le misure del Dr. Hansraj, nel migliore dei casi sosteniamo la nostra testa e nel peggiore – un angolo di 60° – l’equivalente del peso di un bambino di otto anni appeso al collo per tutto il tempo che guardiamo il telefono in questa posizione. Albert Imperial, del Centre Quiropràctic de la Columna Vertebral, conferma le conclusioni del chirurgo: “nessuno ci aveva detto che un cellulare potesse pesare così tanto, ma a quanto pare è così, anche se il peso non colpisce il braccio ma la parte posteriore del collo”.

Aspetto di lesioni croniche in età precoce

Imperial spiega che “anche se la nostra muscolatura è in linea di principio pronta a sostenere un bel po’ di peso a livello del collo, lo stress costante e ripetitivo può portare a sovraccarichi che diventano croniche e indeboliscono il muscolo, lasciando il lavoro di tensione sulle articolazioni delle vertebre cervicali, alcune delle quali sono anche compresse”. Il risultato, secondo questo specialista nel recupero delle lesioni alla schiena, è la futura artrosi in queste aree, con dolori cronici che possono arrivare anche a noi quando siamo giovani.

“Siamo all’inizio dell’era della telefonia mobile, quindi siamo anche all’inizio di queste patologie dovute alla scarsa ergonomia”, osserva Imperial, aggiungendo che “ogni volta che io più casi di persone con dolori ricorrenti in questa zona a causa di contratture che domani sarà osteoartrite e cifosi. Se con l’età abbiamo difficoltà a tenere la testa alta e veniamo scopati, il cellulare lo accentuerà molto di più”, predice e indica i bambini e i giovani come la fascia d’età più preoccupante perché “iniziano da bambini”.

Ma il chiropratico estende il disturbo a tutti i tipi di dispositivi di lettura, in quanto ritiene che debba essere inteso come un problema posturale generale di chi lavora con computer e libri, e avverte: “…non solo la parte posteriore della testa ne soffre, ma la schiena in generale, e molti problemi lombari possono accelerare il loro aspetto perché quando i muscoli del collo si stancano, si torce la vita per mantenere l’inclinazione, così la tensione passa ai muscoli lombari, che si stancano anch’essi e cedono peso alle vertebre.

Qual è la postura corretta

Imperial spiega che c’è una posizione corretta in cui il cellulare non deve farci del male: “semplice come alzare il braccio con il cellulare all’altezza degli occhi invece di appoggiarsi al collo, e infatti molte volte iniziamo a guardare lo schermo in questa posizione, perché è la più naturale e confortevole… fino a quando non ci stanchiamo sulla spalla e il braccio, il mobile e il collo cadono giù. Di conseguenza, ha un impatto su esercizi con manubri per rafforzare le spalleIn modo che reggano il peso del braccio, “e se sentiamo l’ustione sapremo come si sente il nostro collo quando lo pieghiamo.

Inoltre consiglia sport come il nuoto per mantenere la schiena tonicaAiuta anche i muscoli del collo e permette loro di mantenere una maggiore inclinazione, anche se solo in minima parte. Lo specialista conclude: “se in futuro vedremo molte persone per strada con le braccia alzate invece che con la testa chinata, avremo preso coscienza del problema”.

Se non volete perdervi nessuno dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter

Controlla anche

Come fare una vacanza per la videoconferenza per evitare la relegazione

Come fare una vacanza per la videoconferenza per evitare la relegazione

Avendo un compleanno, durante il corrente quarantena vincolato dalla pandemia coronavirus può essere un po …

Scrivere la poesia per affrontare la quarantena: consigli per i principianti

Scrivere la poesia per affrontare la quarantena: consigli per i principianti

È normale che i giorni di reclusione richiesti dalla pandemia coronavirus sono i loro effetti …

Quali farmaci sono stati studiati contro il coronavirus?

Quali farmaci sono stati studiati contro il coronavirus?

Il nuovo coronavirus, che ha ricevuto il nome di SARS-COV-2, è stato osservato per la …