Ecco un piccolo segreto: è possibile avere ortaggi e persino fiori sul balcone o nell’orto urbano senza prendere in mano una sola zappa. Se l’hai avuto in mano, lo sai: girare la terra in un frutteto è il modo migliore per spezzarti la schiena.

Non solo quello: Inoltre, questo compito consuma buona parte del tempo che dedichiamo alla casa o all’orto urbano. La buona notizia: puoi coltivare il tuo cibo senza raccogliere una sola zappa. Questo è ciò che dice un flusso crescente di fioriere e giardinieri uniti sotto il motto della coltivazione #nodig; cioè di coltivazione senza aratro.

Il compito più “rompelomo” del giardino Non è necessariosecondo i suoi sostenitori. Inoltre, potrebbe essere dannoso mescolare il terreno in profondità (circa 50 centimetri, secondo l’orticoltura tradizionale) per aerarlo, aggiungere compost o rimuovere quelle erbacce che competono con i tuoi pomodori.

I vantaggi del metodo #nodig o coltivazione senza aratro si riassumono in tre, secondo Charles Dowding, uno dei guru del movimento: “Risparmi tempo, è più facile e ottieni una maggiore produttività in uno spazio di terra più piccolo”. Dowding è l’autore di No Ploughed: An Organic Home and Garden (No scavare, casa e giardino biologici, 2017).

Anche la scienza sostiene chi vuoi sbarazzarti della zappa. Secondo diversi studi recenti dell’Università di Washington, girare la terra non sempre porta i benefici che promette: aerare, aumentare la fertilità o liberarci delle erbacce.

A volte ha anche l’effetto opposto. Inoltre, la maggior parte di questi studi lo conclude applicare uno strato di compost o fertilizzante di circa tre centimetri (cm) all’anno, o tra 10 e 15 cm, se è la prima volta, permette di ottenere un risultato migliore.

La ragione? È ricoperto di materia organica si decompone naturalmente con l’azione dei batteri. Successivamente, finisce per entrare nel terreno grazie all’aiuto dei vermi. Questo gesto aiuta a mantenere la popolazione di questi importanti organismi nel tuo suolo, che stanno anche facendo il lavoro di arare la terra per te.

Se parti da zero, la prima cosa è stendere il cartone ondulato sul terreno dove vuoi creare le tue fioriere, il tuo terrazzo o il tuo letto di coltivazione. Certo, sarà più facile quanto più grandi saranno le scatole. Le buone notizie: Puoi ottenerlo totalmente gratuito se lo ordini nel tuo supermercato o in un negozio all’ingrosso; È valido anche se conservi tutte quelle scatole dei tuoi acquisti online.

Non importa se hai le erbacce. Questo servirà da copertura per rimuoverli. Per quanto possa essere difficile crederlo, non sono immortali. Come ogni altra pianta, anche loro hanno bisogno di luce per crescere; e il cartone impedisce loro di ottenerlo.

Quindi, dopo un po ‘, si esauriranno e smetteranno di cercare di crescere. Tienili a filo con il terreno, coprili con del cartone e vincerai. Poi, e sul cartone, hai bisogno di una copertura del substrato profonda per le tue piante; circa 15 cm. Il compost che fai in casa vale la pena (se è ben maturo) oppure, se non ce l’hai, puoi acquistare un substrato da giardinaggio già pronto.

Questo creerà uno strato ricco che, una volta impostato, è perfetto per piantare sia le tue verdure che i tuoi fiori (anche se per i fiori, non è necessario che lo strato sia così profondo). Da ora in poi, i vermi faranno il lavoro per arare per te. E puoi dimenticarti della zappa.

L’azione naturale dei lombrichi e di altri microrganismi del suolo, come i funghi, creano i complessi strutturali del suolo (tecnicamente chiamati complessi organo-minerali) e i sottili canali di circolazione dell’aria di cui le tue piante hanno bisogno per crescere sane; e che, tuttavia, il severo aratro distrugge.

Tra pochi mesi, anche il cartone si sarà decomposto. Ma a quel punto, le tue aiuole di fiori o ortaggi (come un po ‘di aglio) saranno ben consolidate. Inoltre, la maggior parte delle radici penetra facilmente nel cartone per entrare nello strato inferiore di terreno. Ora senza concorrenti.

Non è così gentile con il pianeta, ma funziona anche. Invece di cartone, puoi usare un file plastica nera spessa realizzato in polietilene per svolgere la stessa funzione: impedire alle erbacce di ricevere la luce. In questo caso, il compost o il substrato va direttamente a terra.

Quindi, si pone la pianta e, infine, si ricopre il terreno con la plastica che avrete dovuto fare prima dei buchi, uno per pianta. Per evitare di essere così esposto, puoi coprire la plastica con del compost o dei trucioli di legno.

Avere la tua verdura nell’orto urbano o il balcone senza rompersi la schiena sembra molto allettante. E sia il pavimento che la tua schiena ti ringrazieranno.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter