Da quando il coronavirus ha capovolto il lavoro in ufficio nel marzo 2020, milioni di persone lo hanno scoperto le gioie del telelavoro. Tra questi, la possibilità di spostare l’ufficio in terrazza, in soffitta o in qualsiasi angolo esterno che abbiamo a portata di mano quando la temperatura lo invita.

Ma anche prendere il sole mentre rispondi alle e-mail o prendi parte a una riunione Zoom con il tuo capo ha le sue difficoltà. Primo: se fa caldo, il tuo computer potrebbe subire un aumento della temperatura o un surriscaldamento.

In effetti, Apple consiglia usa il tuo laptop a temperatura ambiente tra 10 e 35 ° C, massimo. Quindi, se puoi, il primo consiglio è di lavorare all’aperto per prima cosa al mattino o al pomeriggio, quando il sole inizia a cadere e le temperature tendono ad essere più fresche.

Ma c’è di più: Usare un laptop o un tablet mentre si prende l’aria è complicato quando la luce dall’esterno si riflette sullo schermo, creando quei fastidiosi riflessi. In cambio, possono aggravare la cosiddetta sindrome da visione artificiale, che comporta mal di testa e diminuzione della produttività.

Se il sole è intenso, le cose peggiorano. Vediamo schermo quasi nero e l’unica cosa che possiamo praticamente distinguere sul monitor è la nostra immagine riflessa. Che delusione.

Sembra una verità lapalissiana, ma il primo consiglio per partecipare alle tue riunioni Zoom mentre ti godi il sole è cercare di trovare un’ombra. Puoi usare il riparo di un albero o ricorrere all’ombra di un edificio: ognuna di queste opzioni ti aiuterà a prolungare l’orario di lavoro all’aperto.

O costruiscilo con un ombrello. Inoltre, l’installazione di tende da esterno su una terrazza è relativamente facile se si utilizzano barre elastiche o di tensione. E ti forniranno una maggiore privacy.

Usa un riparo, una tenda da sole o un cappuccio per il computer risolve i fastidi dell’incidenza solare sullo schermo. E per ottenere ciò, tutto ciò di cui hai bisogno è mettere il tuo computer all’interno di una scatola di vino. L’idea viene dall’utente di LinkedIn Tom Wood; Ma l’ingegnosa scoperta è già stata celebrata da centinaia di persone che hanno portato i loro computer e tablet all’estero.

Una scatola del vino è la dimensione perfetta per la maggior parte dei laptop; ma qualsiasi scatola che hai a portata di mano varrebbe la pena, purché abbia le dimensioni giuste per mettere il tuo dispositivo all’interno. Si Certamente: Giralo su un lato e regola i lembi della scatola in modo che siano aperti: questo aiuterà a eliminare ancora più riflessi. Semplice ed economico.

Anche se il tuo istinto ti invita al contrario, aumentare la luminosità dello schermo spesso ti aiuta a vedere cosa c’è sul monitor più chiaramente.

La maggior parte dei computer regola automaticamente la luminosità; ma, per ogni evenienza, ricordati di controllare le impostazioni del tuo computer. E considera aumentare anche il contrasto: Questo aiuta il testo a risaltare e rende lo schermo più facile da leggere.

Se l’opzione della scatola del vino non ti convince, puoi sempre farlo compra una tenda per computer, anche se il suo prezzo si aggira facilmente intorno ai 100 euro. I fotografi sportivi o naturalistici usano spesso questi tipi di dispositivi per proteggere le loro attrezzature dagli elementi.

E servono anche a proteggere il computer dal sole, consentendo allo stesso tempo di vedere lo schermo più opaco e facilitando la lettura. Un’altra opzione è utilizzare uno schermo antiriflesso per il computer, che può anche aiutarti a ridurre alcuni di quei fastidiosi punti salienti.

Quando porti il ​​tuo computer fuori, c’è un semplice trucco per ridurre l’abbagliamento dello schermo: vestiti con colori scuri. Poiché i toni bianchi e chiari sono più efficaci nel riflettere la luce, una maglietta nera (che assorbe i raggi) eviterà che gran parte di quei riflessi colpisca il monitor.

E non dimenticare gli occhiali da sole: Oltre a proteggere i tuoi occhi dagli effetti nocivi dei raggi, ti aiuteranno a migliorare la visibilità del tuo monitor.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter