Cinque chiavi per distinguere una Rioja da una Ribera del Duero

Cinque chiavi per distinguere una Rioja da una Ribera del Duero

Queste sono le due denominazioni della bandiera spagnola, la più conosciuta e apprezzata a livello internazionale, e quella con le maggiori esportazioni: la Vino rosso di Rioja e il vino rosso della Ribera del Duero. Sono anche di gran lunga i più consumati in Spagna, e c’è un acceso dibattito su quale sia il campione dei vini spagnoli. Per i loro appassionati, che li hanno ciascuno, il loro è preferibile all’altro, ma per la maggior parte dei consumatori danno vini con caratteristiche molto simili che si incarnano anche nello stesso vitigno dominante, il Tempranillo.

Possono davvero essere differenziati al di là del contesto geografico e amministrativo? In linea di principio, sì, anche se a volte il coupage – mescolando vini di diversi vitigni – può rendere difficile la distinzione. Ma sì. ci sono alcune caratteristiche di ognuno dei quali questo articolo tenta di decifrare in cinque chiavi.

1. L’antichità

La Rioja è stabilita come denominazione di origine in 1925Nel 1991 è diventata una denominazione di origine qualificata, che viene concessa solo ai vini di altissima qualità. La Ribera del Duelo è riconosciuta come denominazione di origine in 1982 e non ha il sigillo di una denominazione di origine qualificata, sebbene sia considerata tale dalla maggioranza degli esperti.

2. Geografia

Sebbene entrambe le denominazioni appartengano al nord della Spagna, ognuna di esse occupa comunità e province diverse. Il vino del Denominazione di origine della Rioja (è divisa in tre sottodenominazioni geografiche: Rioja Alta, Rioja Alavesa e Rioja Baja, che coinciderebbero approssimativamente con le rispettive aree di La Rioja, Álava e Navarra. Si tratta di una denominazione con un’ampia varietà orografica: dalle calde pianure alle zone rocciose e alle coltivazioni su terrazze o terrazzi.

Il vino del denominazione di origine Ribera del Duero corrisponde alla parte più orientale delle province castigliano-leonesi di Segovia, Valladolid, Soria e Burgose la sua variazione orografica corrisponde a quella del pendio di una valle. Vale a dire: aree alte, campagne e zone di bassa inondazione.

3. Il meteo

Dal momento che il TempranilloUna delle grandi varietà del mondo e che si crede originaria di La Rioja, domina per definizione e regola in entrambe, sarà difficile distinguerle per la loro uva base. Tuttavia, lo stesso vitigno Tempranillo può evolvere in modo diverso a seconda del clima in cui è immerso. Così, La Rioja è caratterizzata dalla influenza dell’aria calda e umida provenienti dal Mediterraneo attraverso la depressione dell’Ebro.

Allo stesso tempo, è protetto dai venti freddi e secchi del nord dalle montagne basche e pirenaiche, quindi è generalmente caratterizzato da un clima continentale temperatoHa inverni relativamente miti, autunni caldi con pochi contrasti ed estati calde, ma senza eccessi. Questo clima mite permette alle uve di maturare più profondamente e di ottenere una maggiore qualità delle sfumature.

Così, i vini della Rioja sono strutturati grazie alla potenza del Tempranillo, ma non con grande corpo o potenza di gusto. Allo stesso tempo, sono rotondi e maturi, ideali per la produzione di vini molto pregiati. Due vini rappresentativi di questo carattere deciso e deciso potrebbero essere il Marqués de Riscal vini e il vini della cantina Muga. Entrambe le cantine hanno un eccellente rapporto qualità-prezzo, in quanto ricevono valutazioni elevate da parte di esperti.

Al contrario, la zona che ospita la denominazione di origine Ribera del Duero, più a sud-ovest, ha un clima generalmente più continentaleQuesto è più che altro un contrasto, di inverni freddi ed estati calde, ma può offrire fresche notti d’estate. Di conseguenza, il frutto maturerà più breve, anche se generosamente, e darà vini più concentrati grazie alla calura estiva. Il risultato è un gusto più potente, corposo e corposo, con caratteristiche aromatiche fruttate che esaltano il vino e gli conferiscono la possibilità di essere affinato in botti di rovere senza perdere lo spirito della sua giovinezza.

Tre vini rappresentativi della migliore Ribera del Duero sono i vini della cantina di PesqueraIl sito vini della cantina Pago de los Capellanes e il vini della cantina Dominio de Pingus. Quest’ultima cantina è stata valutata molto bene dalle guide Parker e Peñín, che dimostrano che i vini di questa zona sono in grado di invecchiare in modo eccezionale come quelli del suo vicino nord. Un caso particolare è quello di Pingus, che si avvicina al prezzo di 1.000 euro, qualcosa di insolito per un allevamento.

4. Il suolo

I terreni di La Rioja sono dominati dal componenti calcaree e argillosein grado di trattenere l’acqua, anche se non per molto tempo, e di consegnarla alla vite. Ciò significa che fanno buon uso delle piogge relativamente più abbondanti nella zona rispetto al loro vicino sudoccidentale. Allo stesso modo, la zona di Ribera non è più sotto l’influenza dei venti umidi della depressione dell’Ebro – anche se è molto influenzata dalle evaporazioni del Duero- e riceve poche piogge.

Inoltre, i suoi terreni sono più variegati e possono variare da calcarei e capaci di trattenere l’acqua – nelle zone alte e basse della valle – a sabbiosi e poco inclini alla ritenzione idrica nelle campagne, anche se favorita dalla vicinanza del fiume e dal deflusso delle piogge. Di conseguenza, la concentrazione delle sue uve in acqua sarà più bassa e la quantità di zuccheri e di altre sostanze presenti sarà proporzionalmente più alta, favorendo una vendemmia di grande carattere; ancora una volta la personalità un po’ selvaggia del giovane Tempranillo che può essere conservata nel suo invecchiamento.

5. Le varietà del coupage

Sempre parlando di vini rossi, che sono quelli che hanno dato a queste regioni vinicole la loro reputazione, vale la pena distinguere le varietà di coupage, o mescolarsi con il Tempranillo per dare al vino di ogni cantina il suo carattere. La proporzione del coupage, sempre nel rispetto della predominanza del Tempranillo, dipenderà da ciascun viticoltore, ma in generale nella Rioja vengono utilizzate alcune varietà diverse rispetto alla Ribera del Duero. Nella Rioja, il Grenache Rossa, Mazuelo, o Cariñena, e Graciano.

La Garnacha dà il corpo e la mineralità che la Rioja Tempranillo non ha a causa del suo clima; il Mazuelo (Cariñena o Samsó, come viene chiamato in Aragona e Catalogna) gli conferisce un fruttato speciale che a volte corregge i vini troppo piatti e il Graciano è un’uva piccola a bassa produttività, molto concentrata e utilizzata per fare i vini della grande riservaQuesto perché conferisce al vino una resistenza duratura all’ossidazione. Tutte e tre sono varietà originarie della Spagna.

Nella Ribera del Duero, invece, per il coupage vengono utilizzate varietà tipicamente francesi: Cabernet Sauvignon, Merlot e Malbeccosì come piccole quantità di Grenache. Dato che i vini Ribera del Duero Tempranillo hanno una componente gustativa più solida, la correzione va di solito nella direzione di ammorbidirli con Cabernet e Merlot, varietà tipiche dei vini bordolesi, o nell’esaltare la loro caratteristica esplosività attraverso il Malbec, una varietà che, sebbene francese, è stata consolidata in Argentina.

Vi raccomandiamo anche voi:

Sette motivi per cui è meglio comprare il vino su Internet

Controlla anche

Sette menu súpersencillos di cottura per vivacizzare la seconda settimana

Sette menu súpersencillos di cottura per vivacizzare la seconda settimana

Continuiamo con la corsa dei tori tirando la creatività degli chef Branly Coy per non …

Sei pro e cinque contro dell'aspirapolvere

Sei pro e cinque contro dell’aspirapolvere

A seguito dell’articolo Tre must per entrare nella cucina del 21° secoloin cui abbiamo presentato, …

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Rimozione dello stampo da un muro a secco

Simona, lettore e partner di avnotizie.it, ci scrive spiegandoci il seguente problemaHo una stanza in …