Gli scooter elettrici stanno riscuotendo un grande successo non solo tra gli adulti ma anche i bambini. E ora che i Re arrivano, forse diventerà, con ogni probabilità, uno degli oggetti più dotati.

In Spagna circolano più di 20.000 veicoli per la mobilità personale (VMP), compresi gli scooter elettrici, secondo lo studio sui nuovi sistemi di mobilità personale e sui loro problemi associati alla sicurezza stradale, condotto dalla Spanish Road Association (AEC) e dalla Mapfre Foundation nel gennaio 2019 .

Otto utenti su dieci riconoscono usali per risparmiare tempo e denaro e li usano perché sono efficienti e sostenibili. Ma uno scooter elettrico non deve essere considerato un giocattolo, sebbene sia spesso usato come tale. Sette persone su dieci che li utilizzano segnalano alcuni svantaggi, come l’incertezza giuridica, e il 17% sottolinea l’insicurezza che produce.

In poco tempo gli scooter elettrici hanno smesso di essere un giocattolo per diventare un mezzo di locomozione che trionfa tra gli adulti e la mobilità è cambiata soprattutto nelle grandi città.

Gli scooter elettrici possono raggiungere velocità davvero elevate (Possono raggiungere i 25 km / ora), quindi richiedono una certa abilità per guidarli. Inoltre, di solito hanno ruote piccole, circa quattro pollici.

Il sistema la frenata non è sempre efficace al 100% perché il freno non è in grado di fare presa su una superficie sufficiente su una ruota piccola. Ciò significa che è molto probabile che tu perda il controllo, soprattutto quando guidi su superfici ruvide come ciottoli o con crepe nel pavimento e persino sul pavimento bagnato.

Secondo uno studio della Rutgers University, il numero di incidenti correlati Con questi “micro-veicoli” è passato da 2.325 nel 2008 a 6.957 nel 2018. Di tutti, il 66% degli assistiti non ha utilizzato il casco.

Gli scooter elettrici vanno di moda: sono divertenti, veloci e si trovano quasi ovunque. Ma prima che un bambino metta piede in uno di loro, è importante che sappiano bene come funziona e altro regole di sicurezza. Quando lo scambiano per un giocattolo, è importante che i bambini capiscano la differenza, in modo che siano chiari su cosa è permesso e cosa no e come possono circolare con loro.

Secondo uno studio condotto dal servizio di ortopedia e traumatologia dell’ospedale Sant Joan de Déu tra febbraio 2019 e febbraio 2020, un minore su cinque ferito in incidenti lo scooter elettrico aveva meno di nove anni, viaggiavano con un adulto sullo scooter o sono stati investiti.

Lo spiega in questo video Laura Corominas, traumatologa e una delle persone incaricate dello studio, insieme a César García Fontecha e Alejandro Peiró, i tre di Sant Joan de Déu e Alexandre Coelho, dell’Hospital del Mar.

Gli altri erano adolescenti che guidavano il proprio scooter e hanno subito un incidente quando sono caduti o si sono scontrati con un altro veicolo. Secondo gli esperti, la maggior parte dei bambini feriti non indossava l’elmo né alcuna misura di protezione quando hanno subito l’incidente.

Nello studio, il primo studio osservazionale europeo multicentrico prospettico, nel 58% dei casi i bambini o giovani trattati per lesioni traumatiche (35 su 60) dovevano essere ricoverato in ospedale a seguito delle lesioni e quasi la metà (17) ha richiesto un intervento chirurgico.

Gli autori dello studio chiedono il i genitori prendono misure estreme prevenzione con scooter elettrici. Per fare questo, sollecitano:

Secondo la Direzione generale del traffico (DGT), gli scooter elettrici sono veicoli per la mobilità personale (VMP) e i loro utenti devono subire le stesse condizioni di qualsiasi altro pilota (alcol test, limitazione del traffico su marciapiedi e zone pedonali, divieto di utilizzare telefoni cellulari o auricolari e obbligo di portare la relativa illuminazione).

La maggior parte delle città spagnole vietare l’uso di monopattini elettrici ai minori di 14 anni, che dovrebbe ridurre l’incidenza degli incidenti. La DGT prevede di ridurre, dal 2021, la velocità massima in città a 25 km / h.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter