Il 26 aprile sono iniziate le giostre per bambini e si vedono già per le strade di tutte le città e dei paesi minori con scooter, biciclette oa piedi. Il provvedimento, che consente ai ragazzi sotto i 14 anni di uscire per un’ora al giorno, apre nuove incertezze su come gestire queste uscite. Una delle domande e dei dibattiti ruota intorno al fatto che i bambini debbano indossare o meno una maschera e, in tal caso, come dovrebbero farlo.

Il Ministero della Salute non obbliga i bambini a indossare maschere o guanti durante le loro uscite. Ma raccomanda di farlo, come raccomandano anche i pediatri, almeno per i bambini di età superiore a tre anni e nei casi in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza di due metri. Ricordiamoci che le maschere hanno due funzioni fondamentali: da un lato, proteggere le altre persone dalla contaminazione della nostra saliva e, dall’altro, proteggere il naso e la bocca dalla contaminazione della saliva altrui.

Le maschere possono essere fatte in casa, igieniche o chirurgiche. L’Associazione spagnola per la standardizzazione (UNE) ha sviluppato una guida alle maschere igieniche riutilizzabili per adulti e bambini in cui indica aspetti di come dovrebbe essere la maschera per neonati:

Ancora non sono disponibili maschere pediatriche o per neonati nelle farmacie in modo che possano usarli. E si stima che potrebbero essere necessari ancora alcuni giorni per averli. Nel frattempo, vengono pubblicati diversi modi per adattare una maschera per adulti ai bambini. Tra questi, quello offerto dall’Illustre Collegio Ufficiale dei Farmacisti della provincia di Badajoz nel video Come adattare una maschera per bambini.

I passaggi sono:

Un’altra alternativa mentre le maschere per bambini non arrivano è quella che si fa da giorni: realizzarle a mano con il tessuto. Lo ha pubblicato il Ministero dell’Industria, Commercio e Turismo un guida con i passaggi per realizzare questo tipo di maschera, insistendo sul fatto che questi “hanno solo uno scopo igienico” e come barriera, in nessun caso sono i cosiddetti DPI (dispositivi di protezione individuale) né un prodotto sanitario. Sono invece un ottimo strumento per evitare che piccole goccioline respiratorie dei bambini vengano espulse e raggiungano l’aria o le superfici.

Il I criteri scientifici sull’efficacia di questo tipo di maschera non sono determinanti. Da un lato, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) afferma che “non ci sono prove per raccomandare, né a favore né contro, l’uso di questo tipo di maschera”. Tuttavia, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) offrono informazioni su come dovrebbero essere, così come il Ministero della Salute spagnolo.

Prima di indossarlo, i bambini dovrebbero:

Quando lo togli:

Non per il semplice fatto di indossare una mascherina bisogna ignorare le altre misure di prevenzione. Diversamente da. È molto importante spiegare ai bambini che devono mantenere le distanze sociali (due metri) e igiene delle mani frequente. Non serve indossare una mascherina se non si seguono queste misure perché sono le più efficaci nel prevenire la diffusione del virus.

iscriviti alle nostre newsletter