Le donne che si impegnano in rapporti sessuali più frequenti menopausa è venuta a loro più tardi rispetto a quelli che hanno il sesso meno spesso. Che era la principale conclusione di un studio condotto da due ricercatori dell’University College di Londra e pubblicato il mese scorso sulla rivista della Royal Society Open Science’.

In particolare, in le donne di età superiore ai 45 anni che hanno avuto attività sessuale (non solo sessuale, ma anche il sesso orale, la masturbazione e le accarezza sessuale) almeno una volta alla settimana, le probabilità di entrare in menopausa sono il 28% in meno rispetto alle donne, il cui rapporto sessuale medio è meno di una volta al mese. Per parte sua, nei casi di donne che avevano avuto rapporti sessuali almeno una volta al mese, la cifra era di 19% in meno, sempre rispetto alle donne che avevano meno di un rapporto mensile.

Per questo lavoro, Megan Arnot e Ruth Mazza ha utilizzato i dati 2.936 le donne, comprese nello Studio di Salute delle Donne degli Stati uniti, un progetto che è iniziato nel 1996 con l’obiettivo di ottenere dati a lungo termine. Ciò che questa analisi non è stato progettato per determinare era la spiegazione di questo link, che è a dire, quali sono i motivi per cui il sesso è più frequente causa di un ritardo nell’arrivo della menopausa, inteso come un periodo di almeno dodici mesi consecutivi senza ovulazione e, quindi, senza la regola).

Utilizzare le energie del corpo per altri scopi

Tuttavia, Arnot sottolineato in un articolo che era l’ipotesi di te e il tuo collega nella ricerca a spiegare il fenomeno. “L’ovulazione ha un costo per il corpo -ha scritto il co-autore del lavoro, non solo la mancanza di un sacco di energia per mantenere le uova e rilasciare ogni mese, ma in aggiunta, durante questo processo, il sistema immunitario del corpo è influenzata”.

Uno studio del 2018, a proposito, che ha dimostrato come il sistema immunitario del corpo decade durante la maggior parte dei giorni fertili della donna. Inoltre, esso ha suggerito la possibilità che queste funzioni immunitarie sono più forti nelle donne sessualmente attive, rispetto alle donne con poca o nessuna attività sessuale.

Per queste ragioni, secondo l’ipotesi di Arnot, quando una donna non ha (o ha molto pochi), i rapporti sessuali, il tuo corpo sarà “rendersi conto” che non sarà una gravidanza e, di conseguenza, sarebbe smettere di spendere energie su ovulazione e investire in fine che si ritengono più utili. Fu per questo motivo che i ricercatori hanno deciso di includere non solo il rapporto sessuale, ma anche altre pratiche sessuali, in quanto questi sono anche i “segni” per l’agenzia.

“In termini evolutivi -circa Arnot – questo significa che l’età in cui la menopausa si verifica, può essere, in parte, adaptivein risposta al rischio di una gravidanza”. È importante sottolineare qualcosa in Arnot, nel suo articolo sopra citato, particolare enfasi: la ricerca dimostra solo che esiste un collegamento tra l’attività sessuale e l’età alla menopausa.

Ma questo ciò non significa che il sesso più spesso necessariamente in ritardo menopausa. La differenza sembra sottile, ma è fondamentale. L’età in cui una donna raggiunge questa fase della vostra vita dipende da molti fattori, e la frequenza della loro attività sessuale è solo uno di loro. Non può essere considerato di avere un sacco di sesso, è una sorta di “formula magica” per il rinvio di un inevitabile momento del ciclo di vita della donna.

“L’ipotesi della nonna”

Le conclusioni di questa ricerca coincide con la cosiddetta ipotesi della nonna, fatta alla fine del decennio del 1990 da Kristen Hawkes, un ricercatore dell’Università dello Utah, negli Stati uniti. Una tale ipotesi ipotizzare una spiegazione per l’esistenza della menopausa nell’essere umanol’unica specie animale (insieme con alcuni tipi di balene e orche) che passa attraverso questa fase. In tutti gli altri, le femmine muoiono poco dopo la fertilità, la vita avrà fine. Le donne, invece, hanno una speranza di vita, in media, di circa 30 anni dopo il tempo in cui non possono essere madri.

Secondo l’ipotesi della nonna, l’aiuto delle donne nell’educazione e l’alimentazione dei nipoti è stata la chiave per l’evoluzione umana. L’aiuto delle nonne ” che avrebbe consentito loro figlie a generare più figli nella stessa quantità di tempo, che potrebbe essere stato fondamentale per lo sviluppo della specie. Queste nonne, inoltre, avrebbe trasmesso il gene della longevità per i loro nipoti.

Come risultato, sempre secondo la teoria proposta da Hawkes, in un breve periodo di tempo, in termini evolutivi (60.000 anni) l’aspettativa di vita di quegli antenati dei nostri durato molto al di là della media di altri primati. Un paio di mesi fa ha pubblicato uno studio condotto da scienziati dell’Università della California, che supporta l’ipotesi della nonna in orcas. Il lavoro di Arnot e Mazza, il che suggerisce che una donna può avere la menopausa prima o dopo, in parte a causa della sua possibilità di riprodurre, sembra puntare nella stessa direzione.

Ci sono modi per ritardare la menopausa?

L’anno scorso era la notizia dell’annuncio da parte di una società inglese, di un trattamento che promette di ritardare la menopausa fino a vent’anni. In sostanza, esso comporta la rimozione di pezzi di tessuto dalle ovaie, il congelamento loro e reimplantarlos anni più tardi, per invertire il processo naturale. In questo modo, le ovaie, per continuare a produrre estrogeni e progesterone, e di conseguenza anche i cicli di ovulazione e le mestruazioni.

L’annuncio non è stato senza polemiche. Sebbene sia simile a interventi che sono stati fatti per anni per preservare la fertilità in pazienti con cancro, molti esperti sono del parere che li rischi che comporta (come il danno potenziale nell’ovaio cui viene rimosso il tessuto), non è giustificato per il fatto di ritardare la menopausa. Non è stato testato più che in un paio di casi, e in aggiunta è molto recente, in modo che anche a loro, siamo in grado di valutare gli effetti di lungo periodo.

Un fattore che, come la frequenza dei rapporti sessuali, non sembra essere correlato all’età dell’arrivo della menopausa è la dieta. Una dieta ricca di pesce e di verdure potrebbe ritardare la mossamentre uno che include molti carboidrati raffinati avrebbe l’effetto opposto, secondo una ricerca condotta nel Regno Unito e pubblicato nel 2018. Ma neppure in questo senso, le recensioni sono inconcludenti e merita l’punire per ribadire il concetto, ci sono molti fattori che determinano quando la menopausa si verifica. E, almeno per ora, di prevedere quando accadrà rimane fuori dalla portata di scienziati.

Se non si vuole perdere qualsiasi dei nostri articoli, iscriviti alla nostra newsletter