Il mancato pagamento dell’affitto è uno dei maggiori rischi e timori per i proprietari di case in affitto. È vero che non è una situazione molto frequente: rappresenta il 6,4% di tutti i sinistri relativi a locazioni (quasi tutti gli altri corrispondono a danni materiali).

Ma il mancato pagamento ha un costo elevato: quando si verifica, ogni caso genera un perdita media di 3.179 euro, mentre il danno e danno all’appartamento o alla casa è di 336 euro. Lo afferma un rapporto pubblicato all’inizio di questo mese da Unespa, l’associazione dei datori di lavoro delle compagnie di assicurazione in Spagna.

Inoltre, in contesto della pandemia del COVID-19, i casi di mancato pagamento degli affitti sono aumentati notevolmente, come avvertito sia dall’Associazione dei proprietari di case in affitto che dal File degli inquilini inadempienti.

Di fronte a questa situazione, un prodotto finanziario relativamente nuovo sta guadagnando sempre più spazio: il mancato pagamento dell’assicurazione dell’affitto. Al punto che la sua assunzione è raddoppiata nella seconda metà del 2020, secondo i dati dell’Osservatorio spagnolo sull’assicurazione locativa (OESA).

Quel corpo prevede che intorno al 30% dei nuovi contratti i contratti di locazione firmati nel 2021 devono prevedere questo tipo di assicurazione. Soprattutto nei principali mercati del noleggio, come Roma e Barcellona, ​​dove “raggiungeranno punte più alte fino al 40%”.

D’altra parte l’OESA ha evidenziato pochi giorni fa che, nel 2020, la sinistralità per i noleggi con assicurazione di morosità era del 7,2%, meno della metà rispetto al caso degli affitti senza assicurazione, in cui questa cifra sale al 15%. E ha aggiunto che, negli affitti con questa assicurazione, la tendenza al default è “al ribasso”.

Che cos’è esattamente l’assicurazione per il noleggio predefinito? Sono polizze che garantiscono al proprietario della casa di continuare a riscuotere il reddito da locazione anche se l’inquilino smette di pagare. In generale, il costo dell’assicurazione è pari al 3% -5% del valore locativo.

Molte compagnie assicurative offrono anche, come servizio aggiuntivo, a studio della solvibilità del conduttore, come un modo per prevenire situazioni di delinquenza. In larga misura, è grazie a questi studi precedenti che, negli affitti con questa assicurazione, il tasso di perdita è inferiore.

D’altra parte, il mancato pagamento dell’assicurazione dell’affitto rappresenta un’alternativa ad altri modelli di “protezione” per il proprietario, come la fideiussione o le garanzie bancarie o personali. Poiché questi requisiti sono spesso molto difficile o impossibile da soddisfare Da parte del locatario l’assicurazione può anche essere un vantaggio per lui.

L’anno scorso, l’Organizzazione dei consumatori e degli utenti (OCU) ha analizzato i servizi offerti dalle agenzie che garantiscono la riscossione dei redditi da locazione. In conclusione, l’agenzia ha consigliato di evitare di assumere queste società, poiché “un proprietario esperto puoi gestire il noleggio in modo soddisfacente e coprire il rischio di mancato pagamento attraverso una buona polizza assicurativa, ad un costo inferiore “.

Questa raccomandazione ha provocato una risposta da parte delle società in questione. José Ramón Zurdo, direttore generale dell’agenzia Agencia Negotiadora del Alquiler, ha accusato l’UCU di aver “chiaramente perso la sua neutralità” e di essere “consigliare male ai proprietari “incoraggiandoli ad affittare le loro case da soli.

Secondo Zurdo, “gran parte dei problemi di locazione ha origine in a cattiva gestioneAziende come Agenzia di Negoziazione si occupano della gestione integrale del canone di locazione (ricerca inquilino, trattativa, riparazioni, ecc.), Cosa che l’assicurazione non fa: si attivano solo quando viene segnalata una situazione di mancato pagamento.

In definitiva, la raccomandazione dell’OCU ha a che fare con il possibile risparmio di denaro che un proprietario di casa potrebbe ottenere se lo affitta da solo, un risparmio che – secondo la sua analisi – potrebbe essere più di 3.000 euro all’anno.

Naturalmente, “in cambio” di quei soldi, il proprietario deve essere “ben informato” e occuparsi della gestione completa del noleggio, cosa che richiede tempo ed energia e ovviamente può generare situazioni stressanti.

D’altra parte, se scegli di assumere i servizi di un’agenzia, tutto quel lavoro è nelle tue mani. Ogni proprietario deve valutarlo e considererà l’una o l’altra di queste opzioni più conveniente in base alle proprie possibilità, esigenze, priorità e desideri.

In ogni caso, se decidi di stipulare un’assicurazione di mancato pagamento, è consigliabile che tu presti attenzione ai consigli che l’OESA elenca sul suo sito web. Alcuni dei principali sono i seguenti:

E sottolinea anche la convenienza di rinnovare l’accordo in caso di risoluzione durante il processo aperto per impostazione predefinita. In caso contrario, poiché questo processo si concluderà più tardi, al di fuori del periodo di copertura, l’assicuratore non sarebbe responsabile per eventuali atti vandalici da parte dell’inquilino.

Il mancato pagamento dell’assicurazione dell’affitto è un vantaggio per il locatore, non per l’inquilino, quindi è considerata una clausola abusiva che il primo lo addebiti sul conto del secondo, e ha già fatto scattare i primi reclami.

Nel caso in cui accettiamo di pagarlo come inquilini, dobbiamo chiedere che in caso di mancato pagamento, i soldi dell’assicurazione ci vengano restituiti. A volte si tratta di vendere il pagamento dell’assicurazione all’inquilino con la premessa incerta che in caso di inadempienza evita il lancio, cosa non del tutto vera.

Se non vuoi perdere nessuno dei nostri articoli, iscriviti alle nostre newsletter